• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI EVERTON-MANCHESTER CITY

PAGELLE E TABELLINO DI EVERTON-MANCHESTER CITY

Dzeko e Aguero lanciano la formazione di Pellegrini. Barkley e Lukaku non bastano ai padroni di casa


Dzeko (Getty Images)
Davide Ritacco

03/05/2014 21:07

 

PAGELLE E TABELLINO EVERTON-MANCHESTER CITY / LIVERPOOL – Il Manchester City sbanca il 'Goodison Park' di Liverpool grazie ad un stratosferico Dzeko e al gol di Aguero prima del nuovo infortunio. La perla di Barkley e il solito timbro di Lukaku sono inutili all’Everton adesso fuori dalla Champions. Bene anche Clichy e Demichelis, oltre l’eterno Yaya Tourè. Male, tra gli uomini di Martinez, Alcarez e Coleman.


EVERTON

 

Howard 5,5 – Tre gol subiti ma quando può si mostra decisivo come sull’affondo di Zabaleta.

Stones 5,5 – Soffre le scorribande degli uomini di Pellegrini, spesso in difficoltà cerca di salvarsi ricorrendo spesso al fallo. Troppo spesso in difficoltà.

Jagielka 5,5 – Il capitano rientra dopo dieci partite saltate per infortunio. Un recupero importante che però non da la stabilità desiderata alla retroguardia di Martinez. Dal 64’ Deulofeu 6 - Martinez punta su di lui per avere maggiore agilità e superiorità nell’uno contro uno. Spesso riesce nel compito assegnato.

Alcaraz 5 – E’ dalla sua parte che il City sfonda. Si fa bruciare da Aguero in occasione del primo gol del City, sbagliando anche il tempo in uscita ed protagonista anche in occasione del secondo gol.

Coleman 5,5 - Ha sfondato poco sulla corsia di destra. Da lui, che è uno dei migliori realizzatori della squadra, ci si sarebbe aspettato di più ma ha trovato sulla sua strada un Clichy in versione super.

McCarthy 6 – In mezzo al campo cerca di competere con lo strapotere fisico dei centrocampisti avversari. Perde qualche duello, specie nella prima frazione di gara, ma alla fine non demerita.

Osman 5,5 – Cerca di dare le geometrie necessaria all’Everton fungendo da regista, ma non sempre trova i varchi giusti. Dal 82’ McGeady s.v.

Baines 6 – Cerca di spingere il più possibile sulla sinistra. Trova l’assist per Lukaku in occasione del secondo gol che permette all’Everton di rientrare in partita.

Naismith 5,5 – Non entra quasi mai nel vivo del gioco. Non riesce a trovare la posizione in campo dove poter colpire meglio il City.

Lukaku 6,5 – Nel primo tempo è sempre chiuso nella morsa di Demichelis e Kompany. Inoltre tiene pochi palloni facendo respirare troppo poco la squadra. Alla prima occasione utile, però, punisce la distrazione della retroguardia del City.

Barkley 7 – Pronti via e il giovane talento nato in casa dell’Everton segna un gol fantastico. Tiro a giro sul palo più lontano. Le voci di mercato su di lui sono giustificate. La sua sesta marcatura in campionato è un biglietto da visita niente male anche in vista del mondiale.

All. Matinez 6 – Per l’occasione schiera una difesa a tre che però non offre le giuste garanzie. Le sue squadre non mollano mai. In ogni caso la promozione in Champions League sarebbe segna per un tecnico capace e con idee valide.

 

MANCHESTER CITY

 

Hart 6,5 – Viene freddato da un gol strepitoso di Barkley, poi si supera su Naismith ad inizio ripresa. Torna protagonista dopo alcune gare negative.

Zabaleta 6,5 – Come sempre spinge e dà profondità alla squadra. Sulla destra comanda alternandosi bene con Milner. In fase difensiva non soffre più di tanto.

Kompany 6 – Gestisce ha fasi alterne l’esuberanza fisica di Lukaku. Fa più fatica di Demichelis ha gestire i momenti di difficoltà del City.

Demichelis 7 – Primo tempo sontuoso. Non va mai in affanno e fa sempre la scelta giusta. Padrone del gioco aereo, spesso esce anche palla al piede.

Clichy 6,5 – Dalla sua parte si aggira un pericolo come Coleman ma il terzino francese se la cava alla grande annullando l’avversario. Potrebbe spingere di più ma non rischia di scoprirsi e lasciare in affanno la retroguardia. Ordinato e preciso.

Milner 6,5 – L’assist per il vantaggio è perfetto, così come la sua gara senza fronzoli. Tanta sostanza e qualità al servizio dei compagni.

Javi García 6 – Non brilla come il resto dei compagni e si fa ammonire per una trattenuta inutile. Gioca senza strafare.

Yaya Touré 7 – E’ il giocatore in più del City. Gioca a mezzo servizio perché non al massimo, eppure è sempre lui a caricarsi la squadra sulle spalle. Dopo l’uscita di Aguero si sposta come punta centrale e come al solito non sfigura. Sarebbe prezioso anche in porta. Un giocatore universale e imprescindibile. Dal 64’ Kolarov 6 – Entra per dar manforte alla linea difensiva per poi ripartire con velocità, ci riesce a corrente alterna.

Nasri 6 – La sua qualità in mezzo al campo è l’arma segreta di Pellegrini anche quando non gioca al massimo come stasera. Impreziosisce la sua gara con l’assist per Dzeko che chiude il match. Dal 75’ Silva 6 – Rientra dopo un lungo stop. Entra nel momento di forcing dell’Everton e riesce a reggere anche in fase difensiva senza mai rinunciare alla sua esuberante qualità.

Dzeko 7,5 – Vola in cielo a raccogliere il cross di Milner per siglare il gol del sorpasso. Ad inizio ripresa chiude i conti segnando il settimo gol nelle ultime nove gare. Sta trascinando il City verso il titolo. E pensare che ad inizio stagione non era neppure titolare.

Aguero 7 – Alla prima occasione utile, nel momento del bisogno, il fuoriclasse si prende sulle spalle la squadra e come un cecchino e trafigge Howard. La sfortuna ancora una volta lo colpisce e deve lasciare il campo per un guaio muscolare. Dal 28’ Fenandinho 6,5 – La prestazione lievita quando nel finale c’è da compattare e ripartire. Qualità in cui non è inferiore a nessuno.

All. Pellegrini 6 – Il suo City si avvicina sempre di più al titolo e gare del genere offrono ancora maggiore sapore ad una rincorsa magnifica, ma non sempre riesce a sfruttare l’enorme potenziale della sua squadra risultando troppo prudente. Restano due gare per la storia.

 

Arbitro: Lee Probert 6 – Non ci sono episodi particolari sul quale è chiamato a giudicare. Le ammonizioni comminate a Javi Garcia e Dzeko sono giuste. Forse troppi i dieci minuti di recupero assegnati tra primo e secondo tempo.

 

TABELLINO

 

EVERTON – MANCHESTER CITY 2-3

 

Everton (3-4-3): Howard; Stones, Jagielka (dal 64’ Deulofeu), Alcaraz; Coleman, McCarthy, Osman (dal 82’ McGeady), Baines;, Naismith, Lukaku, Barkley. All.: Martinez

Manchester City (4-4-2): Hart; Zabaleta, Kompany, Demichelis, Clichy; Milner, Javi García, Yaya Touré (dal 64’ Kolarov), Nasri (dal 73’ Nasri); Dzeko, Agüero (dal 28’ Fernandinho). All.: Pellegrini

Arbitro: Lee Probert

Marcatori: 11’ Barkley (E), 22’ Aguero (M), 43’,48’ Dzeko (M), 64’ Lukaku (E)

Ammoniti: 39’ Javi García (M), 64’ Demichelis (M), 81’ Dzeko

Espulsi: -

 

 




Commenta con Facebook