• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Italia, Prandelli: "Felice di avere dubbi per il Mondiale. Toni e Totti? In caso di emergenza..

Italia, Prandelli: "Felice di avere dubbi per il Mondiale. Toni e Totti? In caso di emergenza..."

Il commissario tecnico azzurro parla in vista di Brasile 2014


Prandelli (Getty Images)
Stefano D'Alessio (Twitter: @SDAlessio)

30/04/2014 08:30

PRANDELLI ITALIA NAZIONALE MONDIALE 2014 / ROMA - Il commissario tecnico dell'Italia Cesare Prandelli ha rilasciato un'intervista al 'Corriere della Sera' a poche settimane di distanza dal Mondiale in Brasile.

OTTIMISMO - "Stavolta siamo più convinti: possiamo fare bene. Favorite? Brasile, Spagna, Argentina e Germania sono le più forti. Le sorprese, invece, saranno Colombia, Francia e Belgio. Non siamo i più bravi, ma aguzzando l'ingegno possiamo vincere con i più bravi".

GIRONE - "Gli inglesi sono più forti di quanto fossero all'Europeo perché hanno inserito giovani di qualità e corsa. La prima gara orienta il girone e quindi sarà almeno molto importante. Il raggruppamento è duro, ma è meglio così. Costa Rica ci stupirà".

CONVOCAZIONI - "Sono contento di avere dei dubbi, due anni fa ce n'erano pochi. Destro e Immobile sono usciti dal guscio e hanno dato risposte confortanti. Rossi? Lo aspettiamo e lo aspetteremo, è un ragazzo eccezionale, ma il tempo stringe. Oriundi? Il mondo cambia e ci adeguiamo. Non ci sentiamo colpevoli".

BALOTELLI - "Mario non alza più le mani per protestare e non si lascia andare a falli di reazione. Per me, però, poteva fare a meno di parlare dopo la partita con la Roma. I giocatori devono cercare di avere rispetto per tutti quelli che lavorano. Se sei sempre aggressivo, tutto diventa maledettamente complicato. In nazionale non è mai stato titolare fisso, è sempre stato necessario stimolarlo. Il suo ruolo? Deve stare vicino alla porta. Al Mondiale nessuno partirà titolare indiscusso".

CASSANO - "Nel Parma sta dimostrando buona continuità e la qualità non è in discussione. Poi, andremo a confrontarci con chi dovrebbe stare a casa al suo posto e vedremo. Niente è definito. Se l'ho richiamato è perché può essere un giocatore importante, magari decisivo per mezz'ora".

VECCHIA GUARDIA - "Toni e Totti sono due campioni e non vorrei liquidarli con poche battute. Diciamo che se dovessi fronteggiare un'emergenza, saprei chi andare a prendere".

CODICE ETICO - "C'è molta faziosità, ci sono i giornalisti tifosi. Noi non abbiamo mai parlato di codice 'etico'. Ai ragazzi ho detto che nelle domeniche delle convocazioni non voglio vedere un pugno, una gomitata, un gesto di reazione. In questi 4 anni nessun giocatore si è lamentato. Il giudice sono io e non devo aspettare l'esito della giustizia sportiva".

FUTURO - "Si è parlato di commissario unico e di tante cose che non corrispondono alla verità. Per adesso ho dato semplicemente la mia disponibilità senza affrontare i dettagli o gli aspetti economici".




Commenta con Facebook