• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Palermo > Calciomercato Palermo, Zamparini: "Sono stanco, devo trovare un socio. Con 70 milioni..."

Calciomercato Palermo, Zamparini: "Sono stanco, devo trovare un socio. Con 70 milioni..."

Il numero uno del club rosanero fissa il prezzo per la cessione della societa'


Zamparini (Getty Images)
Stefano D'Alessio (Twitter: @SDAlessio)

29/04/2014 10:18

CALCIOMERCATO PALERMO INTERVISTA ZAMPARINI / PALERMO - Il presidente del Palermo Maurizio Zamparini ha rilasciato una lunga intervista a 'La Gazzetta dello Sport'. Eccone alcuni estratti:

ERRORI - "Ho fatto molti errori, il primo quando a no­vembre ho delegato a Lo Monaco la gestione della squadra. Quando sono tornato a febbraio era tardi, siamo stati senza una guida. Lo Mona­co sarà un buon ds ma non è un presidente".

IACHINI - "Se sarà confermato? Certo! E' sempre stato sotto­valutato. Lo conosco meglio di tutti, l'ho inventato allenatore a Venezia. E' umano e in sin­tonia con i giocatori, cura tutti i dettagli e ha fatto diventare il Palermo una squadra di uomi­ni. Io 'mangia allenatori'? Sono più anziano e più esperto, quest'anno ho fatto il bravo".

GATTUSO - "Può diventare un buon allenatore. E' serio e caparbio, de­ve ricominciare da zero ma guai se dovesse prendere adesso il Milan!".

PERINETTI E CERAVOLO - "Perinetti è in scadenza di contratto, dovre­mo parlare della questione economica e fare attenzione al bilancio. Ho parlato con Ceravolo, non esclu­do nulla".

PRESIDENZA - "Cerco uno sponsor per il Palermo e mi auguro di trovare un presidente giovane, come al Psg. Io sono stanco, devo tro­vare un socio. Voglio soldi per il Palermo: con 70 milioni si prende la maggioranza e il Palermo può andare in Champions. Io punto all'Europa, non alla salvezza".

CALCIOMERCATO - "I regolamenti ci spingono ad andare a comprare al­l'estero. In Italia servono fideiussioni che le banche non fanno più. Bisogna cam­biare regole cretine, fatte da gente che non c'en­tra con il calcio. Creiamo altre garanzie: per esempio se una società compra un giocatore e non paga, lo deve restituire. Mi piacerebbe vedere qualche giovane della nostra Primavera arriva­re in prima squadra, cosa mai successa in 12 anni".

STADIO - "Quest'anno faccio il centro sportivo. Se la buro­crazia me lo consente, tra un anno faccio lo sta­dio. Il progetto è pronto da tre anni: porterei posti di lavoro ed entrate allo Stato e al Comu­ ne, eppure... Siamo un paese stupido!".

RETROCESSIONE CATANIA - "Mi dispiace per l'amico Pulvirenti, una delle partite più belle era il derby. Mi scusino i tifosi, ma aspetto il Catania in A".




Commenta con Facebook