• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI VERONA-CATANIA

PAGELLE E TABELLINO DI VERONA-CATANIA

Toni, altri due messaggi a Prandelli. Marquinho e Gomez completano il poker del Verona


La gioia di Toni (Getty Images)
Luca Mershed

27/04/2014 15:08

PAGELLE E TABELLINO VERONA-CATANIA/VERONA – Il Verona domina una partita non facile: Toni è il protagonista del match mettendo a segno due gol. Viene supportato benissimo Sala ed Iturbe (costretto ad uscire nel primo tempo per infortunio). Segna Marquihno ed il subentrato Gomez che oltre ai gol giocano un’ottima partita. Il Catania si fa schiacciare e non preoccupa quasi mai Rafael: in ombra Bergessio e Barrientos. Buona invece la prestazione di Leto che prova a costruire.



VERONA

Rafael 6,5 – Effettua poche parate a causa dei pochi tiri che gli giungono. Molto sicuro sulle uscite sui calci d’angolo. È fondamentale al ventiduesimo quando respinge un tiro di Leto.

Pillud 6 – Si propone spesso in avanti rendendosi anche pericoloso in alcune situazioni: buoni i fraseggi con i suoi compagni d’attacco. In difesa perde qualche volta il suo diretto avversario recuperando in affanno.

Moras 6,5 - Molto attento e concentrato: blocca Bergessio grazie ad una marcatura molto stretta. Sfiora il gol quarantasettesimo colpendo il palo.

Marques 6- Partita sufficiente svolgendo ciò che Mandorlini gli chiede: blocca le azioni avversarie e scarica subito sui centrocampisti in modo da far riiniziare l’azione. Non ha giocato un brutto match ma fra i suoi è quello che meno ha inciso.

Albertazzi 6 – Molto propositivo in avanti e un po’ meno utile dietro: costruisce bene e con molta intelligenza tattica ma dietro fatica a rientrare facendo innescare dei contropiedi.

Sala 6,5 – Ottima fase difensiva ed offensiva: il suo contributo è fondamentale nelle azioni d’attacco ed è suo l’assist per il gol di Toni al ventottesimo e di Gomez al settantacinquesimo.

Donadel 6,5 – È il regista della squadra: domina il centrocampo e blocca quasi tutte le iniziative avversarie.

Hallfredsson 6,5 – Mette in mezzo ottimi palloni: organizza una buona trama di gioco con un ottimo possesso di palla e dei passaggi intelligenti.

Iturbe 6,5 – È lui che innesca il gol di Toni con una bella azione: la sua conclusione è respinta da Frison diventando un assist per il suo compagno. È imprendibile e la difesa avversaria soffre la sua velocità e tecnica. Dal 37’ Gomez 6,5 – Sostituisce un bravo Iturbe e non lo fa rimpiangere: compie l’assist per il gol di Marquinho e segna un bel gol al settantacinquesimo.

Toni 7 – Mette a segno il suo diciannovesimo gol stagionale: sempre utile nel far salire la squadra. In area avversaria domina ed è difficile da fermare: al ventottesimo segna con un gran colpo di testa battendo Sala sullo stacco. Fondamentale per il Verona ed è il migliore del match. Dal 76’ Cacia s.v.

Marquinho 6,5 – Si rende pericoloso fin dall’inizio con un gran calcio di punizione. Ottimi i movimenti a smarcare e gli assist per Toni ed Iturbe. Segna il 3 a 0 sul fine del primo tempo con un bel rasoterra. Dal 64’ Jankovic 6 –Entra e si dimostra un buon sostituto di Marquinho: si muove molto bene permettendo ai suoi di avanzare con più spazi. Incide positivamente sulla partita.

All. Mandorlini 6,5 – Schiera una squadra molto alta ed aggressiva: la sua mentalità offensiva si nota per i molteplici tiri che il Verona effettua. Non si accontenta del primo gol e sprona i suoi ad ingranare la marcia: i suoi lo ricambiano portando il risultato sul 3 a 0.           

 

CATANIA

Frison 5,5 – Incolpevole al momento dei primi due gol, mentre è responsabile sul terzo. È chiamato in causa spesso e la sua difesa non lo aiuta quasi per niente.

Peruzzi 5,5 – Concede troppo spazio permettendo agli avversari potersi girare con tranquillità e rendersi pericolosi.  Inoltre non spinge in attacco lasciando troppo isolati Bergessio e Barrentios.

Rolin 5 – È in crisi durante tutta la partita: non ferma Iturbe praticamente mai e quando riesce lo fa commettendo fallo. Quando esce Iturbe la sua prestazione non migliora: è spesso fuori posizione.

Spolli 5,5 – Non blocca Toni e si fa schiacciare quasi sempre: ha un compito arduo che fatica a compiere. Dal 45’ Gyömbér 5,5 – Sembra non essere mai entrato: non tocca quasi nessun pallone e non si propone come ha chiesto il suo allenatore.

Monzon 6 – È il migliore del reparto difensivo anche se avrebbe dovuto supportare maggiormente i suoi compagni quando si trovano in difficoltà. È quello che contribuisce aiuta maggiormente l’attacco. Dal 81’ Biraghi s.v.

Lodi 6 – Non incide come al solito non inventando quasi niente: è prezioso il suo contributo in difesa.

Rinaudo 5,5 – Non raddoppia lasciando spesso i suoi compagni nell’uno contro uno. In fase offensiva aiuta maggiormente costruendo buone azioni con calma: ma i suoi tentativi sono poco incisivi.

Leto 6,5 – Prova a dare la carica ai suoi con un tiro al sesto ed al ventiduesimo nonostante il predominio veronese. Gioca un buon match anche se ha delle difficoltà a far salire la squadra. In qualsiasi caso è il migliore dei suoi in quanto è l’unico che si rende veramente pericoloso.

Plasil 6,5 – Imposta con caparbietà e non molla nonostante il grande svantaggio: ma la superiorità del Verona gli impedisce giocare come avrebbe voluto.

Barrientos 6 – Match difficile a causa della grande solidità avversaria: inventa come può anche se si suoi compagni lo appoggiano e sostengono poco.

Bergessio 6 – Prova ad accendere il match con delle buone giocate: purtroppo per lui risultano inefficaci e poco pericolose. Dal 65’ Caruso 5,5 – Coraggioso il suo debutto ma il 3 a 0 si fa sentire ed il giovane del Catania ne risente psicologicamente.

All. Pellegrino 5,5 – Mette in campo una squadra bassa che vorrebbe giocare sulle ripartenze ma questa strategia non ha effetto: infatti si fa schiacciare troppo soffrendo la superiorità tecnica degli avversari.

Arbitro: Carmine 6,5 – Arbitra con molta concentrazione ed i suoi collaboratori lo sostengono in modo corretto (segnalano bene i fuorigioco come al momento del gol di Toni annullato al venticinquesimo). Mantiene la calma estraendo i cartellini al momento giusto.

 

TABELLINO

VERONA-CATANIA 4-0

Verona (4-3-3): Rafael; Pillud, Moras, Marques, Albertazzi; Sala, Donadel, Hallfredsson; Iturbe (dal 37’ Gomez), Toni (dal 76’ Cacia), Marquinho (dal 64’ Jankovic). All. Mandorlini.

Catania (4-2-3-1): Frison; Peruzzi, Rolin, Spolli (dal 45’ Gyömbér), Monzon (dal 81’ Biraghi); Lodi, Rinaudo; Leto, Plasil, Barrientos; Bergessio (dal 65’ Caruso). All. Pellegrino.

Arbitro: Carmine

Marcatori: 6’ Toni (V), 28’ Toni (C), 45’ Marquinho (V), 75’ Gomez (V)

Ammoniti: 1’ Rolin (C), 46’ Monzon (C), 85’ Rinaudo (C)

Espulsi: -




Commenta con Facebook