• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, agente Ibrahimovic: "A Milano un re, in Spagna trattato da signor nessuno!"

Inter, agente Ibrahimovic: "A Milano un re, in Spagna trattato da signor nessuno!"

Il noto procuratore Mino Raiola attacca Guardiola e il Barcellona



18/04/2014 17:46

INTER SERIE A RAIOLA IBRAHIMOVIC BARCELLONA PSG / BERLINO (Germania) - Mino Raiola, procuratore di Zlatan Ibrahimovic, ha rilasciato alcune dichiarazioni a '11 Freunde' che faranno sicuramente discutere: "Non ho pilotato nessun trasferimento per soldi di Zlatan dall'Inter al Barcellona per poi riportarlo all'Inter. E' una stupidata. A Milano Ibra era un re, in Spagna lo hanno trattato come un signor nessuno. Guardiola lo ha snobbato senza dargli spiegazioni, non vuole ammettere di aver commesso un errore. Se un club paga 79 milioni per un calciatore e non gli consente di giocare non è soltanto stupidità ma anche un danno finanziario. Io non ho rispetto di un club che non ha rispettato uno dei miei calciatori!".

LA SERIE A
- "Perché nessuno investe nelle infrastrutture, negli stadi o nel settore giovanile? Questa è la differenza tra il campionato italiano e la Bundesliga. In Germania sono stati capaci di riorganizzarsi grazie ai Mondiali del 2006 e ora raccolgono i frutti. Il calcio ha bisogno di gente che sappia guardare al futuro".

BLATTER - "Dopo che ho dato dell'idiota a Blatter, la Fifa mi ha citato in giudizio. Ho dovuto pagare una multa e sono stato trattato come un criminale".

CACCIATORE DI TALENTI - "Non sono io che cerco i calciatori, sono loro che trovano me. Non ho mai chiesto ad un giocatore di passare alla mia scuderia. Poi deve scattare un click, una sintonia. Non ho un'agenzia come Mendes, io lavoro solo con le mie persone di fiducia".

PSG - "A Parigi c'è una grande energia. Sono sicuro non solo che vinceranno la Champions ma che faranno tripletta. Io e Zlatan abbiamo scelto questo progetto perché ci crediamo molto. E prima di Ibra avevo portato Maxwell. Dal giorno che ho portato Ibra qui, mi sono reso subito conto dei piani del Psg: perfetti. Parigi aveva bisogno di grandi giocatori ma aveva anche il budget per questo. A Monaco è diverso: non noto un gruppo di investitori. La gestione è più individuale".


S.D.




Commenta con Facebook