• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Estero > Calciomercato, infrazione Fair Play Finanziario: Manchester City e PSG ora tremano

Calciomercato, infrazione Fair Play Finanziario: Manchester City e PSG ora tremano

La UEFA decidera' oggi le eventuali sanzioni nei confronti dei due top club


Manchester City nei guai? (Getty Images)
Matteo Torre (twitter: @torrelocchetta)

15/04/2014 00:22

CALCIOMERCATO FAIR PLAY CITY PSG / LONDRA (Inghilterra) - Il Manchester City e il PSG rischiano pesanti sanzioni per aver infranto il Fair Play Finanziario. Il 'Telegraph' riferisce che la UEFA avrebbe identificato la colpevolezza dei 'Citizens' e dei parigini in tal senso, rilevando una condotta "avara, di spese senza freni e follia finanziaria" e riservandosi le prime decisioni su questi club nella riunione che andrà in scena quest'oggi. La sanzione più probabile è una multa salata, ma non è da escludere l'embargo sui trasferimenti come successo per il Barcellona. Sia il City che il PSG hanno preferito non commentare queste indiscrezioni, ma lotteranno con ogni mezzo per scongiurare le eventuali punizioni. La UEFA aveva rivelato sei settimane fa di avere avviato delle investigazioni su 76 club circa l'applicazione del Fair Play Finanziario, con oltre 50 riconosciuti non colpevoli ma i restanti ancora in attesa di giudizio.

Nel caso del Manchester City è particolarmente sotto osservazione l'accordo decennale con Etihad: le regole del FPF vietano infatti transazioni con società che abbiano un collegamento con i club o con i loro proprietari, a meno che non ne sia dimostrato il corretto valore di mercato. Oggi la decisione, ma i nomi dei club colpevoli di aver infranto il FPF non verranno però resi pubblici prima del 5 maggio.





Commenta con Facebook