• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI PARMA-NAPOLI

PAGELLE E TABELLINO DI PARMA-NAPOLI

Partita tattica impostata alla grande da Donadoni, nuovo tabu di Benitez


Donadoni e Parolo, i due MVP (Getty Images)
AntonioPapa (Twitter: @antoniopapapapa)

06/04/2014 22:57

PAGELLE E TABELLINO DI PARMA-NAPOLI / PARMA - Partita non bellissima, giocata "alla Donadoni": Parma bravissimo ad addormentare il match per poi colpire con la solita letale fiammata. Bene l'asse di destra gialloblu, nel Napoli ancora Hamšík uomo in meno, con due cambi di Benìtez utili ma non decisivi. 

 

 

PARMA

Mirante 6,5 - Il Napoli tira poco in porta, lui comunque sa sempre farsi trovare pronto. Altro passo avanti per il Mondiale, così come i suoi compagni. 

 

Cassani 7 - Riportato nel suo ruolo naturale torna a fare ciò che sa fare meglio. La sua scorribanda più importante vale l'ottimo assist a Parolo per l'1-0. Nell'altra metà del campo Insigne è praticamente annullato, e il merito è tutto suo. 

 

Paletta 7 - Difesa a tre, difesa a quattro, difesa a cinque. Per lui è indifferente. Sicurezza da vendere al centro della difesa, annulla il connazionale Higuaìn che quasi non tocca palla. Una bella tesi di laurea in vista del Mondiale. 

 

Felipe 6,5 - Si regala una serata di grande tranquillità lì dietro, tiene a bada chiunque passi dalle sue parti. 

 

Molinaro 6,5 - Prova a dare una mano a Biabiany sulla sinistra ma è più preoccupato delle scorribande di Callejòn, che gli parte alle spalle in un paio di occasioni ma senza mai far davvero male. 

 

Acquah 6,5 - Ottimo terzo della mediana di Donadoni, picchia e appoggia l'asse di centro-destra che tanto riesce a far male al Napoli. Fa il suo mestiere e si fa sentire. 

 

Marchionni 7 - Non è un regista sopraffino alla Pirlo, ma comunque il suo lavoro lo fa in maniera egregia. Coniuga corsa e una discreta qualità, con qualche intervento ruvido ben piazzato che serve per fermare le ripartenze avversarie. 

 

Parolo 7 - Era un po' che non andava a bersaglio, sceglie proprio la partita giusta per recuperare il tempo perduto. Splendido piattone dal limite imprendibile per Reina, frutto dell'ennesimo inserimento senza palla di un centrocampista che questo mestiere sa farlo benissimo. (Dal 79' Munari sv)

 

Schelotto 6,5 - La cura Donadoni lo sta rigenerando come si deve. Più che il terzo attaccante fa l'ala vecchio stampo, utile soprattutto nei ripiegamenti per dare una mano a Cassani. Un innesto preziosissimo, dal punto di vista tattico. 

 

Palladino 6 - Prende tanti falli, si muove molto, porta spesso via l'uomo per gli inserimenti dei compagni. Un falso nueve sopraffino quanto Cassano. (Dall'89' Gobbi sv)

 

Biabiany 6 - Un paio di sortite sulla sinistra che mandano al manicomio Henrique, il Parma però attacca molto di più dall'altro lato. Non sfigura ed esce fra gli applausi, anche perché non era al meglio della condizione. (Dal 92' Cerri sv)

 

All. Donadoni 7 - Al ritorno come all'andata, studia la partita nei minimi dettagli e riesce ad imbrigliare Benìtez. Prestazione praticamente perfetta di una squadra che continua a stupire e per quanto messo in mostra quest'anno merita senz'altro l'Europa. Anche senza mai strabiliare, anche giocando passivamente come stasera, come sempre. Del resto con le risorse a disposizione non si può fare altrimenti. 

 

 

 

NAPOLI 

 

Reina 6 - Incolpevole sul gol, sicuro in un paio di uscite frutto di alcuni pericolosissimi cross in area degli avversari. La sconfitta non è certo colpa sua. 

 

Henrique 6 - Soffre poco Biabiany, prova anche a proporsi in fase offensiva quando può. Sicuramente fra i meno peggio. 

 

Fernandez 5,5 - Tiene a bada Palladino, subisce molto l'iniziativa degli avversari traballando vistosamente. In bambola come tutta la difesa sull'azione-gol del Parma. 

 

Albiol 5,5 - Dalla sua parte c'è uno Schelotto in gran forma, che lo porta a spasso anche sul gol di Parolo.

 

Ghoulam 5 - Nel primo tempo è molto molto timido, schiacciato da uno Schelotto in ottima serata. Pian piano prende fiducia e preme come sa fare, ma la scelta gli è fatale: preso d'infilata da Cassani quando serve Parolo per l'1-0. 

 

Jorginho 5,5 - Schiacciato dal folto centrocampo avversario, ha qualche sprazzo di grande qualità, come una splendida palla in verticale data ad Higuaìn che non ci arriva. Troppo poco per fare la differenza. 

 

Inler 4,5 - Lo svizzero ha una caratteristica che lo rende tutt'altro che imprescindibile: può capitare che il Napoli giochi bene e lui maluccio, mai il contrario. Anche oggi è il primo ad affondare con la barca: tanti appoggi sbagliati e alcuni palloni persi che potevano far male. In ritardo bestiale anche su Parolo, che va ad insaccare indisturbato. E' utile come una bottiglia d'acqua in una piscina, infatti quando c'è il deserto lui non c'è quasi mai. 

 

Callejòn 5,5 - Nei movimenti senza palla è sempre pericoloso, più di una volta si incunea alle spalle di Molinaro, pur senza pungere troppo. (Dal 67' Mertens 6,5 - Entra in campo e subito delizia la platea con una scorribanda che poi Zapata non sfrutta. Un altro paio di affondi che meritavano una migliore assistenza da parte dei compagni. Anche nel marasma generale lui sa sempre lasciare il segno). 

 

Hamšík 4,5 - I palloni toccati si contano sulle dita di una mano, quasi tutti si concludono con un nulla di fatto. Un passo indietro, anzi due rispetto al recupero graduale (moolto graduale) di una condizione psicofisica adeguata. (Dall'80' Pandev sv)

 

Insigne 5 - Finta a rientrare, tiro a dieci all'ora fra le braccia di Mirante. Il copione è sempre quello, e la platea mugugna. Sulla coscienza anche un tap-in a mezzo metro fallito inspiegabilmente. Anzi, molto spiegabilmente, se ti chiami Lorenzo Insigne. 

 

Higuaìn 5 - Molto meno mobile del solito, cosa che si ripercuote sui rifornimenti dei compagni, che non riescono a trovarlo come al solito. Benìtez lo vede giustamente stanco e lo toglie ancora una volta dal campo, ricevendone una risposta non proprio entusiastica. Eppure ci sta: di tanto in tanto il fiato lo deve tirare anche lui. (Dal 67' Duvan 6,5 - Il suo ingresso in compagnia con Mertens contribuisce a sparigliare un po' le carte: un rigore solare negato, un paio di conclusioni a pochi metri dalla porta ed un ottimo movimento senza palla. Almeno ci prova),

 

All. Benìtez 5,5 - Un Napoli mai veramente in partita, che ricama tanto ma non riesce mai ad incidere realmente. Sta diventando ormai patologico l'indugio su Inler, ma stasera sono i senatori che lo tradiscono di più. E dire che aveva anche azzeccato i cambi, perché Mertens e Zapata alla fine risultano i migliori in campo. Non gli basta e Donadoni vince ancora, diventando ufficialmente il suo tabù italiano. Un nome che stanotte e per le prossime notti vedrà inciso a caratteri cubitali sul suo famoso cuscino. 

 

 

 

Arbitro Bergonzi 4,5 - Il momento topico della sua prestazione è il 31' del secondo tempo, quando Zapata si incunea in area, arriva davanti a Mirante, gli sposta il pallone e si fa falciare dal portiere avversario. Bergonzi non solo non vede il rigore, ma addirittura inventa una simulazione che proprio non c'era. Errore e arroganza, miscela letale per un arbitro. Soprattutto per l'arroganza. 

 

 

PARMA-NAPOLI 1-0

PARMA (4-3-3) - Mirante; Cassani, Paletta, Felipe, Molinaro; Acquah, Marchionni, Parolo; Schelotto, Palladino, Biabiany. A disposizione: Bajza, Pavarini, Rossini, Gobbi, Sall, Mauri, Jankovic, Munari, Obi, Galloppa, Cerri. All. Donadoni

NAPOLI (4-2-3-1) - Reina; Henrique, Fernandez, Albiol, Ghoulam; Inler, Jorginho; Callejon (dal 70' Mertens), Hamsik (dall'83' Pandev), Insigne; Higuain (dal 70' Zapata). A disposizione: Doblas, Colombo, Britos, Mesto, Reveillere, Bariti, Behrami, Dzemaili, Radosevic, Mertens, Pandev, Duvan. All. Benitez
Arbitro: Bergonzi di Genova

Marcatori: Parolo 55'
Ammoniti: Marchionni, Acquah, Parolo, Mirante, Albiol, Zapata.




Commenta con Facebook