• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, Honda: "Vorrei giocare in mezzo con Kaka', ma Seedorf..."

Milan, Honda: "Vorrei giocare in mezzo con Kaka', ma Seedorf..."

Il giapponese: "Ho scelto questo club perche' lo sognavo da sempre"


Keisuke Honda (Getty Images)
Marco Di Federico

05/04/2014 10:12

MILAN HONDA SEEDORF / MILANO - É stato uno dei grandi colpi del mercato italiano a gennaio ma finora le tante aspettative non sono state ripagate da Keisuke Honda. Il Milan si aspetta di più dal giapponese per centrare il sesto posto. "Giocare un bel calcio e richiamare tifosi allo stadio è una delle mie ambizioni. Quanto ai risultati, nessuno di noi è soddisfatto, ma il nostro è un lavoro di crescita continua. Sapevo che avrei trovato delle difficoltà al Milan, ma ho scelto questo club perché lo sognavo da sempre. - ha detto il giapponese a 'La Gazzetta dello Sport' - A Milanello sono tutti bravissimi, lo staff è eccellente. Fra i miei compagni, tanti mi hanno aiutato: Kakà traduce quando non capisco qualcosa, Bonera, Abate e Montolivo mi danno consigli. É tutto importante per un adattamento più veloce. A me le pressioni piacciono, mi piacciono le grandi aspettative. Non mi aspettavo pazienza: ho scelto la maglia numero dieci, sono stato presentato in grande stile. So che la gente si aspetta molto da me. Ma io ho fiducia in me stesso, e le critiche non mi smontano mai".

SEEDORF - "Parlo spesso con lui, col suo ottimo inglese è facile comprendersi. All'inizio a destra non mi sentivo a mio agio, ma in mezzo c'è Kakà, che sta giocando bene, e io devo trovare il mio spazio: mi è capitato di giocare a destra in nazionale e nel Cska, però amo stare dietro la punta. Seedorf invece dice che ho le qualità per giocare a destra e ai giocatori capita di doversi adattare. Abbiamo filosofie differenti, l'importante è dialogare, e noi parliamo tanto, tutti i giorni".




Commenta con Facebook