• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Sla: scoperto un gene principale. Passi avanti nella ricerca

Sla: scoperto un gene principale. Passi avanti nella ricerca

La Sclerosi laterale amiotrofica ha colpito diversi sportivi, tra cui il compianto Stefano Borgonovo


Stefano Borgonovo (Getty Images)
Matteo Torre (twitter: @torrelocchetta)

31/03/2014 19:01

SLA SCOPERTO GENE TERAPIE BORGONOVO / ROMA - Importanti novità dal mondo scientifico sulla ricerca contro la Sla, la malattia che Stefano Borgonovo chiamava 'la stronza'. E' stato identificato da ricercatori italiani un nuovo gene principale che causa la Sclerosi laterale amiotrofica: è stato denominato Matrin3 e localizzato sul cromosoma 5, ed è stato riscontrato in diverse ampie famiglie con più membri affetti da Sla e da demenza frontotemporale, come si legge su 'Adnkronos.com'. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista 'Nature Neuroscience', che le ha dedicato la copertina. I ricercatori fanno parte del consorzio Italsgen, che riunisce quattordici centri universitari e ospedalieri italiani uniti per la lotta contro la Sla.

Questa scoperta fornisce informazioni fondamentali per identificare i meccanismi della degenerazione dei motoneuroni e avvicina la possibilità di elaborare terapie. La proteina Matrin3 lega il Dna e condivide domini strutturali con altre proteine che legano l'Rna, quali Fus e Tdp43, anch'esse implicate nella Sla. Lo studio è stato eseguito su 108 casi e il gene è stato sequenziato in circa 5190 controlli sani.

Una ricerca importante anche perché finanziata per la parte italiana da Arisla, Fondazione italiana di ricerca per la Sla, dalla Fondazione Vialli e Mauro per la ricerca e lo sport Onlus, dalla FIGC, dal ministero della Salute e dalla Comunità europea.

 




Commenta con Facebook