• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI LAZIO-PARMA

PAGELLE E TABELLINO DI LAZIO-PARMA

Pomeriggio 'horror' per Ciani. Bene Lulic e Onazi. Tra i ducali si salvano Biabiany e Mirante


Lulic e Candreva (Getty Images)
Ilario Bali

30/03/2014 17:28

PAGELLE E TABELLINO LAZIO-PARMA / ROMA – Nel palpitante pomeriggio dell’Olimpico la Lazio riscopre la vena realizzativa di Klose e un sempre più inamovibile Lulic. Per Ciani un pomeriggio da incubo. Nell’undici schierato da Donadoni si accende poco la luce di Cassano, mentre Biabiany si conferma un’autentica spina nel fianco. Positiva la prova del mastino Onazi nel centrocampo biancoceleste. Giornata no per Felipe.


LAZIO

Marchetti 5 – Prima regala involontariamente a Biabiany la rete del momentaneo pareggio parmense con una respinta maldestra, poi va in tilt facendosi sorprendere da Ciani regalando agli archivi una papera tra le più comiche mai viste in serie A.

Konko 6 – Suo l’assist per il gol del vantaggio di Lulic. Ingaggia un duello in velocità con Biabiany, trovando pane per i suoi denti.

Biava 5.5 – In difficoltà nell’uno contro uno con Cassano e spesso in ritardo nelle chiusure. Per lui un pomeriggio tra poche luci e molte ombre.

Novaretti s. v.  – La sua partita dura solo dieci minuti, costretto ad uscire per un problema muscolare. Dal 10’ Ciani 4.5 – Anticipato da Biabiany sul gol del pareggio gialloblu e incomprensione clamorosa con Marchetti. Quanto basta per meritarsi la palma per il peggiore in campo.

Radu 6 – Match senza sussulti per lui. Sporadiche discese in avanti e gran lavoro di contenimento dietro.

Cana 5.5 – Graziato da Damato per un pericoloso intervento su Cassano. Spesso in ritardo. Dal 64’ Keita 6.5 – vivacizza la manovra offensiva biancoceleste sfiorando prima il gol con un destro forte e centrale, poi servendo l’assist vincente a Candreva.

Onazi 6.5 – Ottimo in fase di interdizione con un pressing a tutto campo senza risparmiarsi. Efficace nei raddoppi di marcatura. Se riuscisse a migliorare l’impostazione del gioco staremmo a parlare di un giocatore completo per una grande squadra.

Candreva 6.5 – Ispira il gol del momentaneo vantaggio servendo bene Konko, facendosi trovare pronto nel finale con il gol che rilancia le ambizioni del club di Lotito in chiave europea.

Mauri 5.5 – Impiegato da trequartista dopo essersi improvvisato “falso nueve” a Genova. Pochi spunti degni di nota. Dal 86’ Postiga s. v.

Lulic 7 – Il migliore della Lazio con un gol e un assist. Sfrutta al meglio il cadeaux di Mirante per il vantaggio laziale. Pecca di egosimo con i compagni chiamando in causa Mirante ad un mezzo miracolo. I suoi inserimenti senza palla creano diversi grattacapi alla retroguardia ducale.

Klose 6.5 –Mai un pallone giocabile e poco di supporto alla squadra nel primo tempo. Ha il merito di capitalizzare al meglio un assist al bacio di Lulic per battere Mirante nel secondo vantaggio laziale pur non essendo al top al 100%.

All. Reja 6 – Dopo un avvio sprint culminato con il vantaggio di Lulic, i biancoazzurri fanno tanta fatica a costruire azioni pericolose in avanti. Non cambia la musica nella ripresa, con il tecnico poco soddisfatto dell’atteggiamento dei suoi. Il gol di Candreva ha il sapore della liberazione. L’Europa è ancora possibile. 

 

PARMA

Mirante 6.5 –Una sua uscita scomposta dà il via libera per il vantaggio biancoceleste. Reattivo sulla botta ravvicinata di Lulic a metà del secondo tempo. Salva di piede su Keita nei minuti di recupero prima di capitolare a pochi secondi dal termine.

Cassani 6 – Non supera quasi mai il centrocampo ma fa un gran lavoro nel settore di destra dove i laterali biancocelesti fanno fatica a trovare spazi.

Felipe 5.5 – Prende il posto di Paletta, fermato all’ultimo minuto dall’influenza. Costantemente in affanno nei disimpegni e in ritardo nelle chiusure. Non vince mai un contrasto.

Lucarelli 6 – Il migliore del pacchetto arretrato del Parma. Pesa sulla sua prestazione l’ammonizione che gli costerà il forfait nel match di domenica prossima (Non il recupero di mercoledì contro la Roma).

Gobbi 6 – Tanto lavoro di sacrificio sulla corsia di sinistra, finisce a corto d’ossigeno nell’ultimo quarto di gara. Dal 79’ Molinaro s. v.

Acquah 6 – Ha corso tanto, dimostrandosi tuttavia abbastanza fumoso nella sua prestazione. Dal 69’ Munari 5.5 – Spreca malamente solo davanti a Marchetti nel finale.

Marchionni 6 –  Partita diligente con poche sbavature. Rispetta alla lettera le consegne dell’allenatore.

Parolo 5.5 – Fa molta fatica nel primo tempo a prendere possesso del centrocampo gialloblu. Solo in area di rigore laziale nel finale di partita colpisce di testa malissimo, siede Marchetti e si fa rimontare. Non la sua miglior partita stretto tra le maglie dei mediani laziali.

Schelotto 6 – Entra in tutte le azioni offensive gialloblu. L’intesa con Cassano migliora di partita in partita. Dal 67’ Palladino 6 – Un suo traversone dal fondo manda in tilt prima Ciani poi Marchetti.

Cassano 6 – Inizia da prima punta ma per deformazione tecnica tende a svariare su tutto il fronte offensivo. Pochi lampi in un pomeriggio sottotono.

Biabiany 6.5 – Risente poco della posizione scelta per lui da Donadoni. Come accade spesso ai destri schierati a sinistra, è costretto a rientrare perdendo in pericolosità ma non in velocità. Al posto giusto al momento giusto, mette dentro il gol del pareggio dopo un sombrero di classe su Marchetti prendendo il tempo anche a Ciani.

All. Donadoni 6 – Quando la sua squadra riesce a giocare palla a terra mette quasi sempre in difficoltà gli avversari. Manca però la continuità e le distrazioni difensive costano la seconda sconfitta in quattro giorni.

 

Arbitro: Damato 6 – Manca un cartellino rosso a Cana per un intervento rude su Cassano. Fischia soltanto il necessario, lasciando correre molto. Ne ha guadagnato sicuramente lo spettacolo.

 

TABELLINO

LAZIO-PARMA 3-2

Lazio (4-2-3-1): Marchetti; Konko, Biava, Novaretti (10’ Ciani), Radu; Cana (64’ Keita), Onazi; Candreva, Mauri (86’ Postiga), Lulic; Klose. In panchina: Berisha, Strakosha, Gonzalez, Anderson, Cavanda, Kakuta, Perea. All.: Reja

Parma (4-3-3): Mirante; Cassani, Felipe, Lucarelli, Gobbi (79’ Molinaro); Acquah (69’ Munari), Marchionni, Parolo; Schelotto (67’ Palladino), Cassano, Biabiany. In panchina: Bajza, Pavarini, Obi, Galloppa, Rossini, Sall, Mauri, Cerri, Jankovic. All.: Donadoni

Arbitro: Damato

Marcatori: 14’ Lulic (L), 25’ Biabiany (P), 66’ Klose (L), aut. Ciani (P), 93’ Candreva (L).

Ammoniti: 35’ Cana (L), 42’ Onazi (L), 46’ Lucarelli (P), Felipe (P), Cassano (P), Candreva (L).

Espulsi: nessuno




Commenta con Facebook