• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus-Parma, Conte: "Non ho parole per esaltare i ragazzi. Momento di grande emergenza"

Juventus-Parma, Conte: "Non ho parole per esaltare i ragazzi. Momento di grande emergenza"

Il tecnico bianconero ha parlato anche dell'Europa League che incombe


Antonio Conte (Getty Images)

27/03/2014 00:37

CALCIO SERIE A JUVENTUS PARMA CONTE / TORINO- E' un Antonio Conte determinato quello che si presenta ai microfoni di 'Sky Sport' dopo la vittoria della sua Juventus sul Parma. Queste le sue parole: "Oggi è stata una vittoria bella ed importante, ottenuta contro una squadra che veniva da 17 risultati utili consecutivi. L'abbiamo battuto all'andata e ci siamo ripetuti ma oggi hanno dimostrato il loro valore. E' un momento di grandissima emergenza, non ho parole per esaltare i nostri ragazzi. Giocano ogni 3 giorni, non ho la possibilità di farli rifiatare e stanno tirando al massimo. Cerchiamo di recuperare gli infortunati per portare a termine un campionato fin qui fantastico. Se facciamo il record e poi non vinciamo c'è poco da sorridere".

ASSENZA DI TEVEZ COL NAPOLI- "Ha ragione Benitez, Tevez è stato fondamentale con due gol. Adesso pensiamo a domenica e sarà un'altra partita della vita. Ci sarà qualcun altro e cerchiamo di esaltare la qualità del singolo nell'organizzazione di squadra. Siamo sereni dopo una vittoria del genere".

DIFESA IN EMERGENZA - "Ho solo Caceres, Bonucci e Chiellini che viene da un infortunio al polpaccio. L'avevo fatto riposare a Genova ma poi si è fatto male Barzagli. Col lavoro che c'è dietro si può sopperire a tutto. E' il periodo peggiore per gli infortuni da quando sono alla Juventus".

PROTAGONISTI IN EUROPA- "Sicuramente per tornare protagonisti in Europa ci vuole un campionato non a 20 squadre. Per riposare di più ed allenarsi meglio e riportare l'Italia a livelli Europei più consoni. É il secondo anno che rimaniamo da soli ai quarti. Fosse per me cercherei di vincere qualsiasi torneo. C'è pressione su di noi, ci impegneremo per arrivare in fondo".

 

M.F.




Commenta con Facebook