• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Panchina Italia, Abete: "Con Prandelli tutto fatto, ma va risolto il problema stranieri"

Panchina Italia, Abete: "Con Prandelli tutto fatto, ma va risolto il problema stranieri"

Il presidente federale: "La media di selezionabili per squadra è 5,10 giocatori su 11"


Giancarlo Abete (Getty Images)
Marco Di Federico

26/03/2014 11:03

ITALIA NAZIONALE ABETE PRANDELLI / ASTANA (Kazakistan) - Giancarlo Abete lancia l'allarme in vista del Mondiale in Brasile e soprattutto del prossimo biennio che porterà la Nazionale ancora allenata da Cesare Prandelli verso gli Europei. In Italia ci sono troppi stranieri ed anche per il ct sta diventando più difficile avere una sana concorrenza nei vari ruoli per fare le convocazioni. "Sei-sette anni fa il minutaggio dei non selezionabili di Serie A si aggirava sul 26%. Nell'ultimo campionato abbiamo superato il 50%. E i dati aggiornati al torneo in corso sono oltre il 53%: percentuale raddoppiata. - le parole del numero uno della FIGC a 'la Gazzetta dello Sport' - Se prendiamo tutta la A la media di selezionabili per squadra è 5,10 giocatori su 11. Considerando le prime non si arriva a 4. Prandelli deve allargare la sua ricerca ai club non al top. È un allarme, sì. Non dimentichiamo che in Spagna e Francia è più facile acquistare la cittadinanza, però mi chiedo: perché il dato cresce solo da noi? Come federazione stiamo facendo il possibile".

PRANDELLI - "La Figc è stata sempre contenta della qualità del gioco, del lavoro e dei risultati. Secondo all'Europeo, terzo in Confederations, qualificato al Mondiale, oltretutto in un momento così difficile. Manca solo la firma, ma è tutto fatto. La continuazione del rapporto non è legata al Brasile".




Commenta con Facebook