• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI PARMA-GENOA

PAGELLE E TABELLINO DI PARMA-GENOA

Parolo generoso. Cassano non punge. Muro De Maio. Perin decisivo. Sorpresa Cofie


Parma (Getty Images)
Ilario Bali

23/03/2014 15:45

PAGELLE E TABELLINO PARMA-GENOA / PARMA – Grande equilibrio e tanto agonismo al 'Tardini' tra Parma e Genoa. Tra i ducali la luce di Cassano si accende ad intermittenza proprio davanti allo sguardo attento di Cesare Prandelli, presente in tribuna. Convincenti le prestazioni di Paletta e Parolo. I rossoblù di Gasperini chiudono bene i varchi in difesa grazie alla giornata di grazia di De Maio.

 

PARMA 

Mirante 6 – Incolpevole sulla rete di Cofie, graziato da Calaiò ad inizio ripresa. Per il resto poco impegnato.

Cassani 6.5 – Match di grande sacrificio, chiamato ad arginare le incursioni di De Ceglie e a far ripartire l’azione. Poco assistito da Schelotto, si dà un gran dafare anche a centrocampo.

Paletta 6.5 – Ritorna al centro della difesa dopo aver scontato il turno di squalifica. Partita con pochissime sbavature, condotta con esperienza e disinvoltura.

Lucarelli 6.5 – Attento e concentrato, non sbaglia una chiusura. Se il Parma subisce pochi gol è merito anche della sua seconda giovinezza.

Gobbi 5.5 – Vicino al gol dopo tre minuti dopo aver chiuso un triangolo con Amauri. Si è visto poco nel complesso.

Acquah 5.5 – Non convince come regista di centrocampo. Meglio nel ruolo di mezz’ala. Donadoni lo capisce, invertendo la sua posizione con quella di Munari. Tuttavia la sua spinta è meno efficace del solito.

Parolo 6.5 – Partita generosa per il tuttocampista gialloblu. Entra in tutte le azioni pericolose del Parma, sfiorando la rete in almeno un paio di occasioni. Conferma il suo buon momento di forma. L’ultimo ad arrendersi.

Munari 5.5 – Non era titolare da sette mesi e viene schierato in luogo dello squalificato Marchionni. Prova spesso le conclusioni da lontano, sfiorando la rete in apertura di ripresa. Dal 68’ Obi s. v.

Schelotto 6.5 – In ombra fino al momento del sinistro fulminante che rimette in carreggiata il Parma. Cresce alla distanza in autostima e personalità. Dal 68’ Biabiany s. v.

Amauri 6.5 – Punto di riferimento in avanti per i compagni di reparto, liberi di svariare provando più soluzioni offensive. Sempre utile alla squadra anche in fase di non possesso.

Cassano 6 –  Sotto gli occhi attenti di Prandelli agisce su tutto il fronte d’attacco tornando spesso a dare una mano al centrocampo ducale. Si vede poco in avanti per merito dell’attenta marcatura, spesso triplicata, dei grifoni. Finale con i crampi. Dal 81’ Palladino s. v.

All. Donadoni 6 – Continua la sua striscia positiva con la partita numero 17 senza sconfitte cogliendo un pari contro un avversario ostico.

 

GENOA

Perin 6.5 – Immobile sul siluro di Schelotto, decisivo nel finale quando vola a togliere dalla rete il pallone dopo un colpo di testa di Amauri e sotto l’incrocio a deviare in corner una involontaria deviazione di Gilardino.

De Maio 6.5 – Chiude bene i varchi ringhiando su tutti i palloni. Non si risparmia quando si tratta di metterci il fisico. Mezzo voto in meno per il giallo con diffida, in virtù del quale salterà la Lazio nel turno infrasettimanale.

Burdisso 6 – Gestisce bene il traffico in area di rigore tenendo botta al tridente pesante di Donadoni.

Marchese 6 – Tanta corsa e sostanza nel primo tempo, in calo nella ripresa quando perde di vista Amauri in qualche occasione.

Motta 6 – Qualche buona discesa sulla destra e poco altro. Tiene bene la posizione rispettando le consegne del tecnico.

Cofie 6 – Rompe l’equilibrio del match con un movimento perfetto e un diagonale che non lascia scampo a Mirante. In fase di non possesso è il quarto difensore aggiunto.

Matuzalem s.v. – Fermato da un probelma al polpaccio dopo un quarto d’ora La sua assenza si farà sentire per tutta la gara. Dal 15’ Bertolacci 5.5 – ha meno qualità difensive ma anche in avanti si trova spesso in difficoltà.

Antonelli 5.5 – Preferisce i lanci lunghi al fraseggio. Non passerà alla storia per essere stata la sua migliore partita della carriera.

Konaté 6 – Ottima l’imbucata per Cofie nel primo tempo. Spesso disinnescato dalla difesa ducale. Prova nel complesso poco esaltante. Dal 60’ Fetfatzidis 6 - un dribblomane inarrestabile quando è in giornata.  Poche le occasioni per mettersi in evidenza.

Calaiò 6 – Schierato a sorpresa al posto di Gilardino dal primo minuto, bravo a far ripartire i suoi giocando spesso spalle alla porta. Vicino al gol in uno dei pochi spunti offensivi.

De Ceglie 5.5 – A sorpresa schierato alto a sinistra dove però non sfonda come dovrebbe. Si lascia preferire nel ruolo naturale di terzino supportando il centrocampo quando si tratta di attendere l’avversario. Dal 79’ Gilardino s. v.

All. Gasperini 6.5 – La sua squadra ostenta un’ottima condizione atletica tenendo palla per larghi tratti di gara. Vede il Parma stanco nel finale e prova ad inserire Gilardino per tentare il colpaccio al “Tardini”.

Arbitro: Tommasi 6 – Dubbi su un fuorigioco segnalato a Konatè nel primo tempo, poi ammonito  giustamente per simulazione nella ripresa. Lascia molto correre  fischiando solo se necessario. Le due decisioni non influiscono sul risultato della partita.

 

TABELLINO

PARMA-GENOA 1-1

Parma (4-3-3): Mirante; Cassani, Paletta, Lucarelli, Gobbi; Acquah, Parolo, Munari (68’ Obi); Schelotto (68’ Biabiany), Amauri, Cassano (81’ Palladino). In panchina: Bajza, Pavarini, Obi, Felipe, Molinaro, Galloppa, Jankovic, Nyantakyi, Sall, Cerri. All.: Donadoni

Genoa (3-4-3): Perin; De Maio, Burdisso, Marchese; Motta, Cofie, Matuzalem (15’ Bertolacci), Antonelli; Konaté (60’ Feftatzidis), Calaiò, De Ceglie (79’ Gilardino). In panchina: Bizzarri, Albertoni, Gamberini, Portanova, Centurion, Cabral, Sculli. All.: Gasperini

Arbitro: Tommasi

Marcatori: 20’ Cofie (G), 30’ Schelotto (P).

Ammoniti: 50’ Konaté (G), 55’ Munari (P), 59’ Burdisso (G), 67’ De Maio (G).

Espulsi: nessuno





Commenta con Facebook