• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI CHIEVO-ROMA

PAGELLE E TABELLINO DI CHIEVO-ROMA

Eterno Taddei, disastro Cesar. Obinna in campo troppo tardi


Vince la Roma (Getty Images)

23/03/2014 00:08

PAGELLE E TABELLINO CHIEVO-ROMA / VERONA – Scatto champions della Roma, che conquista la vittoria in quel di Verona grazie alle reti di Gervinho e Destro. Nelle fila clivensi male Cesar,' assist-man' in occasione della prima rete giallorossa. Bene invece Obinna, subito in palla. Nella Roma invece da sottolineare la straordinaria prestazione del 'vecchietto' Taddei. Praticamente impeccabile, infine, l’arbitraggio di Mazzoleni.

 

CHIEVO

Agazzi 6 – È spettatore non pagante degli obbrobri difensivi dei suoi compagni. Non può fare molto sulle due reti capitoline. Ogni retropassaggio per lui è un brivido. Nel finale limita il passivo con una bella parata su Gervinho.

Sardo 5,5 – Sulla sua fascia Nainggolan lo fa a brandelli. Anche lui per non essere da meno con i suoi compagni di squadra, su retropassaggio dà qualche brivido ad Agazzi.

Dainelli  5 – Anche lui incappa nello stesso errore di Cesar e piazza Destro davanti alla porta. Per sua fortuna l’attaccante italiano è troppo defilato e non riesce a trovare il goal. Lento e impacciato.

Cesar 4,5 – Nei primi minuti con un’ingenuità regala a Gervinho la palla dell’uno a zero. Da quel momento in poi comincia a collezionare solo errori e si fa trovare sempre fuori posizione. Certo il pubblico non lo aiuta e, anzi, lo invita ad andare a giocare in cadetteria.

Frey 5,5 – Resta schiacciato nelle retrovie per arginare lo spauracchio Gervinho. In avanti si fa vedere davvero poco e non si fa notare certo per grandi giocate.

Bentivoglio 5,5 – Dovrebbe dare geometrie al centrocampo clivense. Viene invece surclassato dai centrocampisti capitolini che gli rubano costantemente palla.

Radovanovic 5,5 – Ha l’unico merito di essere il primo giocatore veronese a calciare verso la porta di De Sanctis, al minuto sessantanove. Per il resto fa davvero poco.

Rigoni L. 5,5 – Corini gli ha dato le chiavi del gioco clivense, ma probabilmente lui le ha perse. Sbaglia tanti passaggi e si addormenta spesso col pallone tra i piedi.  

Stoian 5,5 – Nel primo tempo prova a mettere apprensione alla Roma con qualche buon cross. Non fa mai la differenza sulla sua fascia e perde il duello personale con Romagnoli.  Dal 45’ Rubin 5,5 – Lievemente meglio di Stoian in fase offensiva. In difesa invece lascia praterie a Gervinho e soci.

Lazarevic 6Nei primissimi minuti sembra essere in grande serata, lentamente però si spegne. Buono invece, il suo lavoro in fase di ripiego, dove si prende il lusso di togliere in diverse occasioni la palla a Totti. Dal 70’ Obinna 6,5 - Entra e subito fa sporcare per due volte i guanti a De Sanctis. Dà sicuramente vivacità alla manovra e mostra grande voglia di fare. Forse merita maggiore spazio in questo Chievo.

Paloschi 5 – È poco servito dai compagni e non riesce ad essere incisivo quando ha la palla tra i piedi. Si dissolve letteralmente tra i due centrali giallorossi. Dal 59’ Pellissier 5,5 – Così come Paloschi anche lui finisce strangolato dalla morsa di Castan e Benatia. Non la vede quasi mai.  

All. Corini 5,5 – Il suo Chievo parte molto contratto e si fa del male da solo con i tanti errori difensivi. Nella ripresa i clivensi provano a metterci il cuore ma fanno davvero poco in attacco. L’unico a creare qualche grattacapo alla Roma è Obinna che forse meritava una maglia da titolare.

 

ROMA

De Sanctis 6 – Nella prima frazione di gioco si fa notare per un’ottima uscita su Paloschi. Nella ripresa, invece, per mettersi in luce dribbla con successo Pellissier. Nel finale qualche semplice parata su Obinna, poi nulla più.

Maicon 6 – Appare stranamente molto nervoso, rimprovera un po’ tutti i compagni. Non dà il solito apporto offensivo ma nelle retrovie, come sempre, è perfetto. Nel secondo tempo Garcia, forse infastidito dai continui alterchi tra il brasiliano e i compagni, decide di sostituirlo. Dal 45’ Torosidis 6 – Prestazione senza onori ne macchie, tiene bene Lazarevic e quando può si sgancia per andare in avanti. Soffre un po’ la verve di Obinna nel finale ma non commette errori.

Benatia 6,5 – Come sempre è impeccabile. Sbroglia diverse situazioni intricate e porta in avanti la palla dalle retrovie. Una sicurezza.   

Castan 6,5 – Prima narcotizza Paloschi e poi Pellissier. Sempre attento, la Roma grazie a lui soffre pochissimo il forcing del Chievo nel secondo tempo.

Romagnoli 6 Garcia decide di concedere ancora fiducia al giovane terzino, che fin qui tanto bene ha fatto. Lui non si fa vedere molto in avanti, ma è diligente invece in difesa dove tiene bene Stoian. Buon ingranaggio nell’orologio Roma.

Pjanic 6 – Molto pragmatico, porta poco palla e la gioca quasi sempre di prima. Si mette meno in luce di altre serate, ma i giallorossi non possono fare a meno della sua classe ed eleganza.

Taddei 7 – Viene piazzato davanti alla difesa per bloccare il gioco avversario. Recupera tanti palloni e orchestra alla perfezione il gioco giallorosso. Il suo assist a Destro per il raddoppio è da applausi. Anche lui come Totti sembra aver bevuto alla fonte di Shangri-La.  

Nainggolan 7 – Molto mobile, azzanna le caviglie avversarie e recupera diversi palloni. Quando può si propone in avanti senza essere mai banale. Va vicino alla rete in diverse occasioni.

Gervinho 6,5– Galleggia sulla linea del fuorigioco. Come un vecchio rapace d’area approfitta dell’erroraccio di Cesar e porta la Roma in vantaggio. Gioca a strappi, sulla sua fascia sembra spesso sonnecchiare, ma quando si accende son dolori.

Destro 6 – Per quasi tutto il primo tempo è assente, tocca pochi palloni ed è poco incisivo. Poi sulla straordinaria imbeccata di Taddei, come sempre, si fa trovare pronto ed insacca il due a zero. Anche lui manda un telegramma a Prandelli grazie alla sua media goal stratosferica. Ricorda l’incontenibile Inzaghi del 2006 che di ritorno dall’infortunio si guadagnò la convocazione in Germania a suon di reti. Dal 75’ Bastos 6 – Intelligente. Si fa diverse sgroppate sulla fascia di competenza e tiene bene palla per guadagnare tempo.

Totti 6,5 – Come sempre gioca da falso nueve, arretra, infatti, spesso per lanciare poi in profondità i suoi compagni. Quando la sfera è tra i suoi piedi, è come in cassaforte, non la perde mai e si guadagna tante punizioni. A trentasette anni suonati bussa di nuovo prepotentemente alla porta del mondiale. Se fosse poesia, sarebbe l’Infinito. Dal 60’ Florenzi 6 – Non commette errori e si fa trovare pronto a duettare con i compagni.

All. Garcia 7 – La sua Roma è un sicario perfetto che in maniera silenziosa fa fuori il Chievo. I giallorossi non si dannano più di tanto per trovare il vantaggio, complice la disastrosa difesa clivense di questa sera. Nella ripresa i capitolini controllano alla perfezione il match accelerando a tratti. Buono l’innesto di Taddei dal primo minuto che sembra rivitalizzato.

 

Arbitro Mazzoleni 6,5 – La gara non è stata impossibile da arbitrare. Mazzoleni però si è disimpegnato davvero molto bene con un arbitraggio british. Regolare la rete di Gervinho. Sul lancio di Taddei, Totti è in fuorigioco ma si disinteressa del pallone, Cesar sbaglia il retropassaggio e l’attaccante ivoriano è bravo ad approfittarne.

 

TABELLINO

CHIEVO-ROMA 0-2

CHIEVO (4-2-3-1): Agazzi; Sardo, Dainelli, Cesar, Frey; Bentivoglio, Radovanovic; Rigoni L., Stoian(dal 45’ Rubin), Lazarevic; Paloschi(dal 59’ Pellissier). Puggioni, Squizzi, Claiton, Bernardini, Canini, Kupsiz, Calello, Rubin, Guarente, Thereau, Pellissier, Obinna(dal 70’ Obinna). All. Corini.

ROMA (4-3-3): De Sanctis; Maicon(dal 45’ Torosidis), Benatia, Castan, Romagnoli; Pjanic, Taddei, Nainggolan; Gervinho, Destro(dal 75’ Bastos), Totti(dal 60’ Florenzi). Skorupski, Lobont, Toloi, Jedvaj, Dodo, Torosidis, Mazzitelli, Ricci, Florenzi, Ljajic, Bastos. All. Garcia.

Arbitro: Paolo Silvio Mazzoleni di Bergamo.

Marcatori: 17’ Gervinho (R), 42’ Destro (R).

Ammoniti: 39’ Bentivoglio (C), 86’ Benatia (R).




Commenta con Facebook