• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, Hernanes ammette: "I nerazzurri erano il mio sogno, sono arrivato tardi"

Inter, Hernanes ammette: "I nerazzurri erano il mio sogno, sono arrivato tardi"

Il centrocampista brasiliano ha svelato alcuni retroscena del suo passato


Hernanes (Getty Images)

21/03/2014 22:01

INTER HERNANES PAROLE BRASILE/ MILANO - Lunga intervista rilasciata da Hernanes al canale tematico della società, 'Inter Channel'. Il centrocampista brasiliano - arrivato a Milano negli ultimi giorni del mercato di gennaio - ha raccontato i suoi primi giorni ad Appiano Gentile: "Ero un po' insicuro e preoccupato di non riuscire ad arrivare, ero molto attento ai cartelli".

SCELTA GIUSTA -"Io penso che qui all'Inter sia la soluzione alla quale ho sempre aspirato Ci sono arrivato tardi, ma ho mantenuto sempre questo sogno. Per me è nelle prime top al mondo".

CRESCIUTO CON IL PALLONE - "Nella mia città, dove faceva molto caldo, giocavamo in strada a calcio. Mio padre non mi lasciava mai mancare il pallone in casa, ne avevamo sempre due o tre. La scelta di diventare calciatore? Non ricordo, ma comunque non ci pensavo mai. Quando avevo 16 anni ed ero al Sao Paolo sono entrato in una chiesa Evangelica e lì ho descritto quale era il mio sogno: diventare giocatore".

IDOLO - "Mi ispiro a Felipe. A tredici anni ho preso la decisione di giocare solo col mancino per lui, che era il giocatore che aveva più stile. Io imitavo i suoi dribbling, è stato il giocatore a cui guardavo. Fino a tredici anni ho giocato a calcetto e poi quando ho cominciato a 11 ho cominciato facendo il terzino sinistro"

OBIETTIVI - "Spero che arriveremo a vincere le cose importanti ed è per questo che sono venuto. Io penso che siamo in grado di farcela, abbiamo una maglia pesante ma anche un grande allenatore e una grande squadra".




Commenta con Facebook