• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Europa league > SPECIALE Europa League: rammarico Napoli e Fiorentina. Flop Salisburgo e Betis

SPECIALE Europa League: rammarico Napoli e Fiorentina. Flop Salisburgo e Betis

Rubrica di analisi, approfondimenti e curiosita' sul giovedi di coppa


Delusione Napoli (Getty Images)
Jonathan Terreni

21/03/2014 16:45

SPECIALE EUROPA LEAGUE / ROMA - Rubrica di Calciomercato.it che fa il punto sul giovedì di Europa League con risultati, statistiche e approfondimenti.

LA LEGGE DI PIRLO - I campioni fanno la differenza e Andrea Pirlo ne è la dimostrazione (Leggi l'intervista esclusiva di Calciomercato.it col suo ex allenatore Colomba). Una sua magia ha deciso il derby italiano di Europa League anche quando la partita sembrava non sbloccarsi. Com'era già accaduto nella trasferta di Genova domenica scorsa, il geometra della Juventus ha disegnato una parabola perfetta su cui Neto nulla ha potuto. Altro tipo di calcio di punizione, stesso risultato. Da lì poi la partita ha preso il binario di Torino, grazie anche all'espulsione di Rodriguez. La Fiorentina dal canto suo ha messo in campo il massimo impegno e rimpiangendo l'occasione avuta con quel destraccio di Ilicic. Gli uomini di Conte alla lunga sono venuti fuori, dimostrando tutta la loro abituale solidità (mentale e fisica), contro una squadra della stessa serie. Tutto diventa poi più facile se hai i campioni dalla tua parte. Al fischio finale, un 'Franchi' che sognava già i quarti, ha applaudito gli uomini di Montella, apprezzando tutto quello che di bello hanno visto negli ultimi tempi.

IL SORTEGGIO DEI QUARTI DI EUROPA LEAGUE

RAMMARICO AZZURRO - Quanti rimpianti. Le occasioni sprecate sia all'andata che al ritorno sfrecciano inesorabili davanti agli occhi dei tifosi del Napoli. Perchè poi il calcio è così, ti obbliga a buttarla dentro se vuoi vincere e l'illusione di Pandev ne è la prova concreta. Il Porto di un rinato Quaresma, pur non straripando nei 180 minuti, ha dimostrato grande esperienza europea. Benitez ha provato a mettere a disposizione della squadra il suo curriculum di coppa. Gli azzurri però, nonostante il grande cuore, si sono dimostrati fragili ed inesperti. Ma visto che il nuovo progetto partenopeo è iniziato quest'anno è giusto vedere anche il bicchiere mezzo pieno e prendere esempio dalla parte vuota. Costruire una base onorevole è fondamentale. Adesso non resta che imparare dagli errori se si vogliono fare grandi cose.

DAGLI ALTRI CAMPI - La sorpresa più grande è l'eliminazione del Salisburgo, visto che quella del Tottenham ormai era già compromessa all'andata. La squadra del capocannoniere Soriano era anche passata in vantaggio contro i cugini del Basilea tutto cuore (in 10 dal 9'!), poi il ribaltone nella ripresa ad opera di Streller e Sauro. Gli 'Spurs' invece sono arrivati vicini al credere seriamente nella clamorosa rimonta quando a dieci minuti dal termine, sul risultato di 1-2 in casa del Benfica, sarebbe bastato solo un gol per portare tutto ai supplementari. Il rigore di Lima su ingenuità di Sandro ha spento subito le luci. Rimonta riuscita invece al Siviglia che nei 90 minuti riacciuffa il Betis nel punteggio complessivo del derby spagnolo, andando a vincere poi ai rigori riprendendosi la città e l'Europa. All'Az Alkmaar è bastato un semplice 0-0 per difendere la vittoria di misura dell'andata contro un troppo tenero l'Anzhi. Tranquillo il Valencia che in casa con il Ludogorets ha fatto pressochè una sgambata (1-0) dopo lo 0-3 in Bulgaria. Sconfitta controllata ma con brivido per il Lione che forte del 4-1 dell'andata esce battuto dal campo del Viktoria Plzen per 2-1. Se però i cechi avessero realizzato il rigore del 3-1, con altri venti minuti da giocare, sarebbe stato interessante.

TOP 11 - Lopes (Lione); Mangala (Porto), Viergever (Az Alkmaar), Garay (Benfica); Kolar (Viktoria Plzen), Chadli (Tottenham), Pirlo (Juventus), Quaresma (Porto); Reyes (Siviglia), Streller (Basilea), Alcazer (Valencia). All:: Yakin (Basilea)

DATI E STATISTICHE - Nella sfida contro il Benfica il portiere del Tottenham, Brad Friedel, ha migliorato il suo record come giocatore più 'anziano' dell'Europa League con i suoi 42 anni e 306 giorni. Il Siviglia è il primo club a vincere ai rigori in una trasferta di questa competizione. Il Valencia è alla terza apparizione ai quarti, mentre Az Alkmaar, Basilea e Porto sono alla seconda e Juventus, Lione e Siviglia ci arrivano per la prima volta. Quattro delle squadre ancora in corsa arrivano dalla fase a gironi di Champions League (Benfica, Porto, Juventus e Basilea). Lo stesso numero nella stagione 2009/2010 quando una di quelle quattro, l'Atletico Madrid, vinse poi la competizione.

I RISULTATI SERALI DEGLI OTTAVI DI RITORNO

LE PAGELLE DI FIORENTINA-JUVENTUS

LE PAGELLE DI NAPOLI-PORTO




Commenta con Facebook