• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Europa league > SPECIALE Europa League, guida agli ottavi: ecco chi passa e chi rischia

SPECIALE Europa League, guida agli ottavi: ecco chi passa e chi rischia

Cinque partite su otto con un risultato in discussione. Solo Valencia, Lione e Benfica sono praticamente certe di passare


L'Europa League
Hervé Sacchi

20/03/2014 14:31

EUROPA LEAGUE SPECIALE FIORENTINA JUVENTUS NAPOLI / ROMA - Grande attenzione sull'Europa League. Vista la mancanza di squadre italiane in Champions, la 'sorella' minore catalizzerà gli appassionati italiani, grazie anche al derby fra Fiorentina e Juventus. C'è anche il Napoli, chiamato a vincere contro il Porto. Ma andiamo a fare il punto della situazione, gara per gara.

ANZHI-AZ ALKMAAR (and. 0-1, ore 18) - Gli olandesi devono fare tesoro del risultato conseguito all'andata. Hanno due risultati a disposizione per passare il turno. L'AZ non arriva ai quarti di questa manifestazione dalla stagione 2007-2008 (all'epoca era ancora Coppa Uefa). Per l'Anzhi, già gli ottavi costituiscono il punto più alto nella loro storia europea.

BENFICA-TOTTENHAM (and. 3-1, ore 19) - Risultato in cassaforte per il Benfica, certamente una delle squadre più in forma di tutto il continente. Al Tottenham servono tre reti, senza subirne, per passare oppure un 4-2. In stagione, il Benfica ha perso solto tre partite ufficiali tra campionato e Champions League.

FIORENTINA-JUVENTUS (and. 1-1, ore 19) - Nei cinque precedenti europei, con gare d'andata e ritorno contro altre squadre italiane, i bianconeri hanno passato il turno solo in due occasioni. Tuttavia, contro la Fiorentina c'è un precedente: nella finale di Coppa Uefa 1989-90, al 3-1 di Torino seguì lo 0-0 di Firenze. Entrambe le squadre puntano a vincere, ma per passare vanno bene anche i pareggi: alla Fiorentina basta lo 0-0, mentre i bianconeri volano ai quarti con tutti i pareggi dal 2-2 in su. Con l'1-1 si prosegue ai supplementari.

VIKTORIA PLZEN-LIONE
(and. 1-4, ore 19) - Altra gara che non sembra aver granché da dire. Il Lione è superiore, ma il Viktoria in casa ha sempre fatto bene, perdendo solo 1-0 contro il Bayern nel corso dei gironi di Champions. Tuttavia, ai cechi serve una vittoria con almeno tre gol di scarto. Uno scoglio davvero insormontabile sulla carta.

VALENCIA-LUDOGORETS
(and. 3-0, ore 19) - Egual discorso per i bulgari che, contro la Lazio avevano fatto davvero una buona impressione. Il Valencia ha saputo, tuttavia, chiudere la pratica già nella gara d'andata disputata in trasferta. Al Mestalla, gli iberici cercheranno di amministrare il vantaggio con totale tranquillità.

BETIS-SIVIGLIA (and. 2-0, ore 21.05) - Il derby di Siviglia è certamente al centro della scena in terra spagnola. Nonostante la classifica della Liga veda il Betis all'ultimo posto e i cugini al settimo (a un punto dalla zona Europa League), il contesto europeo sembra favorire i biancoverdi che, in questa manifestazione, hanno sempre fatto bene dall'inizio dell'annata. Il Betis ha vinto 2-0 al Sánchez Pizjuán, ma attenzione che i derby, a qualunque latitudine, possono riservare diversi imprevisti. Per ribaltare la situazione, il Siviglia ha bisogno di vincere con due gol di scarto (col 2-0 si va ai supplementari, dal 3-1 in su passano gli 'ospiti').

NAPOLI-PORTO (and. 0-1, ore 21.05) - Anche il Napoli ha ovviamente bisogno di una vittoria, con almeno due gol di scarto, per proseguire il suo cammino e far avere all'Italia due rappresentanti ai quarti di Europa League. Il Porto ha a disposizione due risultati su tre certi. I lusitani possono permettersi di perdere anche con il minimo scarto (0-1 si va ai supplementari, con altri risultati passano i 'Dragoes').

SALISBURGO-BASILEA (and. 0-0, ore 21.05) - Il Salisburgo in casa è una macchina. Non pareggia da settembre e non ha mai perso in stagione. Agli austriaci serve una vittoria per passare, mentre il Basilea si può accontentare di tutti i pareggi con gol.




Commenta con Facebook