• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, Marotta: "La sconfitta con il Galatasaray ci e' costata 25 milioni di euro"

Juventus, Marotta: "La sconfitta con il Galatasaray ci e' costata 25 milioni di euro"

Il dirigente bianconero torna a parlare del match di Champions League ad un master di management dello sport


Giuseppe Marotta (Getty Images)
Silvio Frantellizzi (Twitter: @SilFrantellizzi)

19/03/2014 09:26

JUVENTUS MAROTTA GALATASARAY CHAMPIONS LEAGUE/ ROMA - Invitato al quarto master di management dello sport organizzato dalla '24ore business school' di Roma, Giuseppe Marotta si è concesso anche ai microfoni del 'Corriere dello Sport' davanti ai quali ha parlato della Juventus come modello economico vincente nel panorama italiano.

CHAMPIONS LEAGUE - "La prima peculiarità di una società di calcio, come per ogni altra impresa, è il risultato. Ci sono fattori imponderabili che possono valere milioni e rischi non calcolabili - ha spiegato Marotta - Uscire dalla Champions League contro il Galatasaray, in quell'incredibile pantano di Istanbul, ha significato una perdita di 25 milioni di euro".

DIRITTI TV - "Da dirigente della Juventus devo sostenere la vendita soggettiva dei diritti televisivi, visto che siamo passati dai 110 milioni di euro pre Melandri agli attuali 89/90 milioni. La ratio invece era quella di dare maggiore equilibrio contributivo a favore delle piccole squadre ma la forbice tecnica è rimasta la stessa".

STADIO - "Per la Juventus lo stadio è fondamentale nella diversificazione dei guadagni. I ricavi sono triplicati rispetto all'Olimpico, lo Stadium ha creato maggiore occupazione ed è aperto tutta la settimana. E in Italia stiamo ancora aspettando la benedetta legge sugli stadi accettando situazioni emblematiche come quella di Cagliari".




Commenta con Facebook