• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Champions league > Champions League, SPECIALE CM.IT: rischia il Chelsea. Manchester United a caccia dell'impresa

Champions League, SPECIALE CM.IT: rischia il Chelsea. Manchester United a caccia dell'impresa

Real Madrid e Borussia Dortmund hanno ipotecato la qualificazione ai quarti. Il punto su tutte le partite di questa settimana


(Getty Images)
Hervé Sacchi

18/03/2014 14:04

CHAMPIONS LEAGUE SPECIALE OTTAVI FINALE PARTITE DELLA SETTIMANA / ROMA - Si chiude questa settimana il programma degli ottavi di finale di Champions League. Due squadre hanno già praticamente entrambi i piedi ai quarti di finale: il Real Madrid, con i sei gol rifilati allo Schalke 04, e il Borussia Dortmund, uscito vincitore in trasferta per 4-2 a San Pietroburgo, possono scendere in campo e gestire con tranquillità il risultato. Non sarà così invece per Chelsea e Manchester United: le due big inglesi saranno opposte rispettivamente a Galatasaray (1-1 all'andata) e Olympiakos (vincitore 2-0 ad Atene). Ma andiamo a scoprire qualcosa di più su queste partite.

REAL MADRID-SCHALKE 04 (ore 20.45) - Il 6-1 di Gelsenkirchen ha praticamente chiuso la pratica qualificazione. Carlo Ancelotti può andare sul sicuro e permettersi di far ruotare alcuni giocatori: spazio ad esempio a Jesé e Morata, i quali dovrebbero trovare posto in attacco con un instancabile Cristiano Ronaldo, pronto a calarsi nel suo costante ruolo di protagonista. Lo Schalke cercherà di rendere il passivo totale meno largo, potendo contare sull'ex Huntelaar nel suo miglior momento di forma. Non ci sono precedenti tra il Real e lo Schalke al Santiago Bernabeu. Fra le squadre tedesche, solo il Bayern Monaco è riuscito in due occasioni (fase a gironi 1999-2000 e semifinali 2000-2001) a espugnare il fortino madrileno.

CHELSEA-GALATASARAY (ore 20.45) - La sfida tra Mourinho e Mancini avrà il suo epilogo stagionale allo Stamford Bridge. Il Chelsea, capolista di Premier League, deve vincere o pensare di limitare i danni con uno 0-0. Al Galatasaray basta il pareggio, ma solo dal 2-2 in su. I turchi fanno affidamento su Didier Drogba, illustre ex di questa sfida. Lo 'Special One' si affida invece al suo uomo di coppa, ovvero Samuel Eto'o (46 gol in 104 presenze nelle coppe europee). L'unico precedente tra le due squadre risale alla fase a gironi 1999-2000 (vinse il Chelsea 1-0). In generale, il Galatasaray non ha mai vinto in Inghilterra (5 sconfitte e 3 pareggi).

BORUSSIA DORTMUND-ZENIT SAN PIETROBURGO (mercoledì, ore 20.45) - I gialloneri ripartono dal 4-2 dell'andata. Allo Zenit San Pietroburgo servirebbero tre reti, senza subirne. Un'impresa davvero improba in uno stadio tradizionalmente ostico. Jurgen Klopp, nonostante l'ampio vantaggio, potrebbe buttare nella mischia la formazione migliore. Dentro l'attacco tipo, con Aubameyang, Mkhitaryan, Reus e Lewandowski. Sergey Semak, subentrato all'esonerato Luciano Spalletti, vuole recuperare Arshavin, ma il russo non sembra in grado di partire dall'inizio. Il Borussia Dortmund ha un bilancio di una vittoria e un pareggio contro squadre russe. I tifosi russi sperano invece di replicare l'impresa dei quarti di Coppa Uefa 2007-08 quando lo Zenit fu in grado di battere in trasferta per 4-1 il Bayer Leverkusen.

MANCHSTER UNITED-OLYMPIAKOS (mercoledì, ore 20.45) - E' sicuramente la partita di maggiore tensione. La squadra greca rischia di eliminare una big del calcio internazionale e può permettersi perfino di perdere con uno o due gol di scarto (con almeno un gol segnato). Da vedere anche quanto sia la carica agonistica che lo United riuscirà a mettere in campo dopo lo 0-3 subìto contro il Liverpool nello scorso turno di Premier. Attenzione che l'Olympiakos ha sempre perso nei suoi undici precedenti in terra inglese, fra cui spiccano due confronti con lo United tutt'altro che confortanti (0-3 e 0-4 all'Old Trafford a cavallo tra il 2001 e il 2003).




Commenta con Facebook