• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, da Galliani a Seedorf e Balotelli: tre nodi da scogliere per Berlusconi

Calciomercato Milan, da Galliani a Seedorf e Balotelli: tre nodi da scogliere per Berlusconi

Il patron rossonero aspettera' fine campionato prima di tirare le somme


Balotelli e Seedorf (Getty Images)
Bruno De Santis (@Bruno_De_Santis)

15/03/2014 09:55

CALCIOMERCATO MILAN GALLIANI SEEDORF BALOTELLI BERLUSCONI / MILANO - Fuori dalla Champions, lontani anni luce dal terzo posto, sfiduciato dai tifosi: la stagione del Milan è ormai destinata al fallimento e neanche un'eventuale qualificazione in Europa League potrà servire a rendere meno amara un'annata da dimenticare. Nelle ultime 11 giornate di campionato però i rossoneri si giocano una parte di futuro: come riferisce il 'Corriere dello Sport', gli ultimi mesi della stagione serviranno a Berlusconi a capire da chi ripartire con tre nodi da scogliere. 

GALLIANI - Il primo riguarda la società: la tregua Barbara-Galliani al momento sembra reggere, ma fino a quando? Se la soluzione imposta da Silvio Berlusconi non dovesse reggere, toccherà ancora al patron intervenire in prima persona con esiti tutt'altro che scontati. 

SEEDORF - È stata una scelta fortemente voluta dal numero uno rossonero: ora però anche Berlusconi inizia a nutrire dei dubbi. La qualificazione all'Europa League servirebbe a mettere al riparo il tecnico del Milan, in caso contrario potrebbe esserci anche un clamoroso addio: Inzaghi, Donadoni e Prandelli, riferisce la 'Gazzetta dello Sport', i possibili sostituti. 

BALOTELLI - Infine, c'è Mario Balotelli: scaricato anche dai tifosi e mai ben visto dalla famiglia Berlusconi, 'Supermario' sembra essere diventato il capo espiatorio del fallimento rossonero. Per questo a fine stagione le strade portebbero separarsi: ancora 11 partite poi partirà la rivoluzione in casa Milan e l'attaccante potrebbe non farne più parte.

Tiziano Crudeli su Atletico-Milan e Balotelli 




Commenta con Facebook