• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Europa league > SPECIALE Europa League: una Fiorentina 'indigesta'. Tottenham a picco, Siviglia e' del B

SPECIALE Europa League: una Fiorentina 'indigesta'. Tottenham a picco, Siviglia e' del Betis

Rubrica di analisi, approfondimenti e curiosita' sul giovedi di coppa


Juventus-Fiorentina (Getty Images)
Jonathan Terreni

14/03/2014 17:05

SPECIALE EUROPA LEAGUE / ROMA - Rubrica di Calciomercato.it che fa il punto sul giovedì di Europa League con risultati, statistiche e approfondimenti.

JUVENTUS VIOLA DI RABBIA - Il derby italiano tra Juventus e Fiorentina negli ottavi di Europa Legaue ha regalato quanto meno una partita piacevole e ricca di spunti. Era necessario soprattutto per scacciare le perplessità attorno al calcio italiano. Nel complesso abbiamo assistito ad uno scambio di colpi bassi (in campo e fuori) facilitati dalla fragilità delle due difese e alla lunga chi può dirsi soddisfatta è la Fiorentina. I viola infatti hanno portato via dello 'Juventus Stadium' un pareggio importante in vista del ritorno. Montella ha preso spunto dagli errori di domenica e ne ha tratto vantaggio nonostante Vidal, dopo due minuti, avesse fatto credere al peggio. E' servito un gol da bomber vero di Mario Gomez per fare la voce grossa a testimonianza di quanto sia mancato il tedesco alla squadra. Recriminano invece i bianconeri per qualche occasione di troppo non concretizzata. Conte ha scelto di schierare molte seconde linee ma non ha voluto sentir parlare di riserve. Con i titolarissimi forse sarebbe stata un'altra cosa, almeno per i tifosi. Buffon ha invitato alla calma, consapevole che ci sono pur sempre altri novanta minuti. La delusione bianconera resta perchè forse in molti speravano di digerirla meglio la Fiorentina per cena.

NAPOLI SPRECONE - Esce sconfitto il Napoli dalla trasferta portoghese con il Porto. Gli uomini di Benitez devono mangiarsi le mani per non aver sfruttato, per sfortuna o imprecisione, le tre grandi occasioni avute prima del gol di Martinez, che in estate era stato così vicino e che ieri invece ha castigato. Se poi guardiamo anche al clamoroso palo di Quintero si può dire che tutto sommato può anche andar bene così agli azzurri, a patto che tra sette giorni si scenda in campo con gli occhi della tigre e con l'auto di un 'San Paolo' che deve dimostrare di essere davvero il dodicesimo uomo.

DAGLI ALTRI CAMPI - Male, malissimo ancora una volta il Tottenham. Gli 'Spurs' capitolano a Londra sotto i colpi del Benfica trascinato da capitan Luisao, con una qualificazione adesso gravemente compromessa. A nulla è servita la perla su punizione di Eriksen. Nel derby di Siviglia la spunta il Betis, in casa dei cugini grazie alle reti di Baptistao e Sevilla. Corsaro il Valencia (0-3) che in dieci per larga parte del match riscrive la favola Ludogorets che, dopo aver eliminato la Lazio si è sciolta in casa dimostrando tutta l'inesperienza europea. Delusione in parte per il Salisburgo, da molti considerata una delle favorite al successo finale. Sul campo del Basilea non va oltre lo 0-0 ma il ritorno in casa sembra una garanzia per i quarti. Vince di misura l'Az con un rigore fortunato di Johannsson. Facile il Lione che in Francia archivia i quarti grazie al 4-1 su un Viktoria Plzen troppo fragile con l'ottima prova del solito Lacazette.

TOP 11 - Adan (Betis); Luisao (Benfica), Senderos (Valencia), Fofana (Lione), Malbranque (Lione), Vidal (Juventus), Die (Basilea), Cartabia (Valencia), Baptistao (Betis), Martinez (Porto), Gomez (Fiorentina). All.: Jorge Jesus (Benfica)

FOCUS SU... Federico Cartabia è un centrocampista dinamico del Valencia. Calciatore moderno ha già fatto vedere grandi qualità soprattutto in Europa dopo un avvio di stagione in cui faticava a trovare spazio. Classe 1993 ha ancora grandi margini di miglioramento e può giocare sia sulla trequarti che sull'esterno. E' nel giro della nazionale argentina under 20 da tempo. Le sue doti migliori sono la tecnica e velocità, di gamba e di pensiero. Grazie alla buona corsa riesce ad interpretare bene entrambe le fasi.

 

LE PAGELLE DI JUVENTUS-FIORENTINA

LE PAGELLE DI PORTO-NAPOLI




Commenta con Facebook