• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Reina prodigioso, Candreva annullato

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Reina prodigioso, Candreva annullato

Top e Flop della 27a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Pepe Reina (Getty Images)
Emiliano Forte

10/03/2014 08:31

PAGELLONE REINA CANDREVA / MILANO – Una grande prodezza del centrocampista ghanese Asamoah ha deciso la sentita sfida tra Juventus e Fiorentina permettendo ai bianconeri di allungare il passo sulla Roma. Tra i viola delude Pizarro che non ha trovato quasi mai i tempi giusti per impensierire gli avversari. Nell'altro big match di giornata il Napoli batte la Roma al 'San Paolo' grazie anche alle parate di un Reina in vena di miracoli. Torna al successo l'Inter che si porta a ridosso del quarto posto trascinata da un colpo di genio del solito Palacio. Continua, inoltre, il momento magico del sampdoriano Okaka che va a segno per la seconda domenica di fila. I flop di Honda e Candreva sono testimonianze evidenti del brutto periodo vissuto da Milan e Lazio.                                                      

 

TOP

5.Benatia (Roma) – E' vero la sua Roma è rientrata a mani vuote dalla trasferta napoletana ma il difensore giallorosso ha offerto un'altra prestazione di notevole spessore. Sempre sicuro negli interventi, guida il reparto arretrato di Garcia con personalità e autorevolezza. Sontuoso. VOTO 7

4.Okaka (Sampdoria) – Seconda rete consecutiva dopo quella segnata al Torino la settimana scorsa e assist vincente per il 4-2 di Gabbiadini. L'ex giovane promessa sta tornando alla ribalta in Serie A a suon di giocate decisive in maglia blucerchiata. Rinascita. VOTO 7

3.Palacio (Inter) – Ancora una prestazione da autentico trascinatore. Decide la sfida contro il Torino inventando un colpo di testa da posizione impossibile. Certezza. VOTO 7

2.Asamoah (Juventus) – Spinge con continuità sulla fascia sinistra con l'intento di spedire palloni invitanti nel cuore dell'area viola. Ma quando mancava solo una manciata di minuti al termine della prima frazione decide di fare tutto da solo liberandosi con un gioco di prestigio di tre avversari e calciando verso la porta difesa da Neto. Risultato? 1-0 con la palla che si infila sul palo lontano e tre punti pesantissimi in ottica tricolore. Imprendibile. VOTO 7,5

1.Reina (Napoli) – In serata super: vanifica ogni tentativo giallorosso di sbloccare il risultato con interventi da vero fenomeno. Al termine della gara si contano almeno 3 parate che per importanza pareggiano il gol vittoria di Callejon: quella a tu per tu su Gervinho, quella sul missile di Bastos e l'autentico miracolo in controtempo sulla conclusione di Maicon. Eroe.  VOTO 7,5

 

FLOP

5.Pizarro (Fiorentina) – Il cileno è apparso lento ed impacciato soprattutto nei primi 45'. Ha sofferto oltremodo il pressing della mediana juventina ed i ripiegamenti di Tevez e Llorente. Ingabbiato. VOTO 5

4.Honda (Milan) – Troppo lezioso e compassato per essere davvero d'aiuto a questo Milan. Il giapponese combina poco in mezzo al campo nell'arco di una gara che l'ha visto più spettatore che attore protagonista. Oggetto misterioso. VOTO 5

3.Fetfatzidis (Genoa) – Domenica da dimenticare per il fantasista greco che risulta assente ingiustificato per lunghi tratti del match. Quando prova a riemergere dall'oblio praticamente non ne azzecca una. Fuorigiri. VOTO 4,5

2.Avelar (Cagliari) – Guadagna gli spogliatoi anzitempo in seguito a due ammonizioni decisamente evitabili. Troppi gli errori anche in fase di disimpegno. Sfasato. VOTO 4,5

1.Candreva (Lazio) – Il suo talento latita per gran parte della gara e questo non aiuta una Lazio in difficoltà e costretta a giocare in un ambiente ostile. Subito dopo il vantaggio atalantino, per una simulazione tanto plateale quanto evitabile, arriva il secondo cartellino giallo che azzera le speranze di rimonta della formazione allenata da Reja. Crisi d'identità. VOTO 4




Commenta con Facebook