• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Sampdoria > Sampdoria-Livorno, Mihajlovic: "Ci giochiamo una finale. Serve vincere a tutti i costi"

Sampdoria-Livorno, Mihajlovic: "Ci giochiamo una finale. Serve vincere a tutti i costi"

L'allenatore dei blucerchiati ha parlato in vista della gara di domani contro gli amaranto



08/03/2014 13:06

SAMPDORIA-LIVORNO MIHAJLOVIC CONFERENZA STAMPA / GENOVA - L'allenatore della Sampdoria Sinisa Mihajlovic ha parlato in conferenza stampa in vista della gara di domani contro il Livorno, importante scontro diretto per la salvezza. "Noi domani ci giochiamo una finale, che dobbiamo vincere a tutti i costi - ha spiegato Mihajlovic - non importa quante partite mancano alla fine, domani dobbiamo vincere perché sarebbe il coronamento di una grande impresa. Quando io sono arrivato eravamo penultimi, ora ci potremmo togliere dai guai ad undici giornate dalla fine. Non dobbiamo vincere solo perché siamo ambiziosi, dobbiamo vincere perché da lunedì può cominciare il campionato che si merita la Sampdoria, che non dovrebbe mai trovarsi a lottare per non retrocedere. In queste partite abbiamo fatto 22 punti, abbiamo fatto meglio del Milan, dell'Inter, del Verona. La nostra media punti è raddoppiata, ma a me non basta ancora, e non deve bastare nemmeno alla squadra. Dobbiamo affrontare altre e partite e altri avversari e dobbiamo salire e salire. La Samp della Champions di Del Neri aveva una media punti di 1,76 e noi ci siamo vicini: dobbiamo giocare anche contro la nostra storia per cercare di migliorarla. Dalla vittoria di domani potrebbe aprirsi un altro campionato: per questo esorto i tifosi a riempire lo stadio. Io come Boskov? Per me è stato come un padre, essere paragonato a lui per me è un grande onore. Era anche un grande tattico, ti faceva pensare di essere tu a fare una cosa, ma in realtà era lui che conduceva il gioco".

M.Z.




Commenta con Facebook