• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Stefano Bizzotto su Italia-Spagna, codice etico e futuro Prandelli

Stefano Bizzotto su Italia-Spagna, codice etico e futuro Prandelli

Calciomercato.it ha intervistato in esclusiva il giornalista e telecronista Rai Stefano Bizzotto


Prandelli (Getty Images)
Stefano D'Alessio (Twitter: @SDAlessio)

03/03/2014 11:33

NAZIONALE PANCHINA ITALIA PRANDELLI INTERVISTA ESCLUSIVA BIZZOTTO / ROMA - Tempo di convocazioni, ritiro e amichevole per l'Italia di Cesare Prandelli. Per analizzare le scelte del commissario tecnico e approfondire i temi caldi in casa 'Azzurri', Calciomercato.it ha intervistato in esclusiva il giornalista e telecronista 'Rai' Stefano Bizzotto.

CHIELLINI e POLEMICA CONTE-PRANDELLI - "Vedremo quello che succederà nel ritiro azzurro, magari Chiellini verrà rimandato subito a casa dopo i controlli di rito - ha esordito Bizzotto ai nostri microfoni - Io credo che Prandelli voglia fare una sorta di censimento dei calciatori a disposizione in vista del Mondiale, al netto del codice etico. Dubito che Giorgio scenderà in campo, ma in questo momento anche stare tutti assieme e fare gruppo in chiave spedizione in Brasile è importante. Ritengo che quella del ct non sia una scelta sbagliata, tutt'altro: d'altronde, questa è l'ultima amichevole prima del Mondiale".

CODICE ETICO DE ROSSI - "Le immagini di Roma-Inter parlano chiare - ha proseguito il giornalista a Calciomercato.it -  De Rossi andrà senza dubbio incontro a una squalifica per il pugno rifilato a Icardi. Certo, la tempistica della non-convocazione (prima del pronunciamento del Giudice Sportivo, n.d.r.) è irrituale ma la decisione è in linea con altre prese in passato. Quella di Prandelli è stata certamente una scelta dolorosa perché il giallorosso è una chiave tattica molto importante per la Nazionale. Il precedente di Osvaldo? Lui ora è un calciatore della Juventus, non mi sembra corretto ritirare fuori situazioni di mesi fa risalenti all'Inghilterra e ormai chiuse. Non ha fatto nulla per non essere convocato, è giusto che l'attaccante ora sia tra i convocati".

CONVOCAZIONI - "Immobile ha giustificato la chiamata di Prandelli a suon di gol, una chance 'azzurra' la merita certamente. Paletta - ha aggiunto Bizzotto in esclusiva ai nostri microfoni - sta approffittando di un periodo negativo generale dei centrali difensivi italiani. Il calciatore del Parma potrebbe essere il nostro quartro 'centrale' in Brasile. Perin? Dopo Buffon e Sirigu, il terzo al Mondiale potrebbe essere Morgan De Sanctis. La sensazione è che Prandelli si affiderà all'esperienza. Il portiere del Genoa sta facendo una stagione strepitosa, ma bisogna ricordare che non è nemmeno il titolare dell'Italia Under 21 in questo momento".

FUTURO PANCHINA NAZIONALE - Chiosa finale sul futuro della panchina 'azzurra': "Dal 2010 ad oggi, Prandelli ha fatto un ottimo lavoro alla guida della Nazionale. Dopo il Mondiale in Sudafrica, qui c'erano solo macerie. Ha portato a casa un secondo posto europeo e un terzo posto in Confederations Cup: i risultati parlano per lui. Il ct ha dato una nuova anima all'Italia, esportando un calcio diverso all'estero e ricevendo per questo gli apprezzamenti di molti. Se dovesse essere confermato con un ruolo da supervisore sarebbe una scelta nel solco della continuità. Alternative? Alcuni 'papabili' sono fuori portata per la federazione, penso a Ancelotti e Mancini. Zaccheroni ha dalla sua l'esperienza alla guida del Giappone, per lui l'ipotesi nazionale è 'ora o mai più'. Allegri ha, invece, il grande vantaggio di essere attualmente libero da vincoli contrattuali. Anche per quanto riguarda il discorso ingaggio, credo rientri nei parametri della federazione. Un altro nome da tenere in considerazione è secondo me quello di Guidolin, che piace a tutti. Non ha mai avuto l'opportunità di allenare una grande squadra e questa potrebbe esere proprio la Nazionale".




Commenta con Facebook