• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > VIDEO FOTO CM.IT - Fiorentina-Lazio, Reja: "Marchetti lapidato ingiustamente, gli sono vicino&q

VIDEO FOTO CM.IT - Fiorentina-Lazio, Reja: "Marchetti lapidato ingiustamente, gli sono vicino"

L'allenatore biancoceleste ha parlato alla vigilia della partita contro i viola


Edy Reja (Calciomercato.it)
dall'inviato di Calciomercato.it a Formello

01/03/2014 14:36

FIORENTINA LAZIO CONFERENZA STAMPA REJA / ROMA - Edy Reja, allenatore della Lazio, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della partita contro la Fiorentina.

CONTESTAZIONE CONTRO LOTITO - "Dobbiamo pensare al campo, che restituisce giudizi veritieri. La contestazione ci sta, anche noi l’abbiamo avuta. Guardiamo solo ai valori in campo".

TECNOLOGIA - "Io l’avevo già detto: abbiamo visto che l’arbitro di porta non basta, serve la tecnologia".

MARCHETTI - "E' stato massacrato, penso meriti più considerazione. Con lui ho già parlato, gli sono vicino come lo è la squadra. Sui gol c’è una concausa, la palla alta è rimbalzata, sono incidenti di percorso. E’ stato lapidato e non lo merita: l’ho messo dentro perché si sentiva bene".

CALENDARIO - "Avrei preferito giocare lunedì, ma c’era l’Europa League e se giochi in casa alle 21 la gara dopo non ti è concessa. Poi, entra in gioco la Nazionale".

KEITA - "Ci sono valutazioni da fare. Pensavo potesse tenere di più, dopo il primo tempo è calato. Devo tenere in considerazione le prestazioni: è da considerarsi un titolare. Mostra molta personalità, una crescita importante: va sfruttato quando è in condizione, spero regga presto i 90'".

BANTI - "E' un ottimo arbitro, poi a fine gara daremo giudizi. Io sono fiducioso".

CONTRACCOLPO PSICOLOGICO - "Ieri ho parlato con la squadra: il nervosismo deve diventare positivo per ripartire in campionato, non devono consumare energie mentali, non meritavamo di uscire dall’Europa League. Dobbiamo tenere sempre il coraggio e il giusto piglio: ora bisogna trovare continuità, non basta andare in vantaggio e rallentare, dobbiamo continuare a giocare".

L'AVVERSARIO - "Stimo Montella e la Fiorentina, l’ho sempre apprezzato: è un grande uomo e un grande allenatore".

OBIETTIVO EUROPA - "Abbiamo davanti parecchie partite e punti: a livello di punti da quando sono tornato siamo sui 2 punti a partita, se teniamo questa media possiamo arrivare in Europa League, ma la squadra deve crecere a livello mentale".

MODULO - "Quando ho trovato sicurezze siamo andati a 4, ma Lulic e Cavanda sono più offensivi. Vanno fatte delle scelte volta per volta. Difesa a tre o quattro cambia poco, conta come affronti una squadra: bisogna avere sicurezza in qualsiasi modulo".

 



\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n\r\n

Commenta con Facebook