• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Arbitri, Taormina: "Una materia tutta da revisionare"

Arbitri, Taormina: "Una materia tutta da revisionare"

Il professore e' intervenuto per parlare delle ultime vicende che hanno coinvolto i direttori di gara



28/02/2014 15:34

ARBITRI TAORMINA / NAPOLI - Intervenuto sulle frequenze di 'Radio Crc', il professor Carlo Taormina è tornato a parlare delle ultime vicende arbitrali, proponendo un netto rinnovamento di tutto il panorama. "Rinnovamento della classe arbitraria? Questa è una materia da revisionare, tutta. Ormai c'è da salvaguardare un principio di buona fede in tutti i settori per cui il mondo deve essere totalmente trasformato. Magari ho usato linguaggi forti ed aggressivi sia con la Juventus che con gli juventini, ma certe situazioni sono datate nel tempo e non è più possibile andare avanti. Credo che bisognerebbe dare un valore giuridico diverso ai referti arbitrali. Finchè questi saranno incontestabili, non cambierà mai nulla. L'arbitro ha un'importanza pubblica e dovrà essere possibile contestare il suo referto. Sul piano della giustizia ordinaria, poi, laddove ci sia una intenzionalità, bisogna rivolgere l’attenzione anche a leggi diverse dalla normativa sportiva. Nicchi è stato uno dei sostenitori dell'utilizzazione degli strumenti tecnologici, lo ha fatto prima che divenisse capo degli arbitri. Adesso invece, nega questa utilità. Nessuno contesta che agli arbitri spetta l’ultima parola e questo accadrebbe anche con l'utilizzo degli strumenti tecnologici. E' necessario utilizzare meccanismi di scelta diversi, l'estrazione a sorte è qualcosa su cui bisogna tornare a riflettere. Non è possibile che in certe partite ci siano designazioni così assurde". 

M.Z.




Commenta con Facebook