• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Europa league > Euroavversari, SPECIALE Europa League: zoom sulle rivali delle italiane

Euroavversari, SPECIALE Europa League: zoom sulle rivali delle italiane

Ecco tutto cio' che c'e' da sapere su Swansea, Trabzonspor, Esbjerg e Ludogorets


(Getty Images)
Hervé Sacchi

20/02/2014 14:00

EUROAVVERSARI SPECIALE EUROPA LEAGUE SWANSEA LUDOGORETS TRABZONSPOR ESBJERG / ROMA - Inglesi, turchi, danesi e bulgari. Ce n'è per tutti i gusti. Tradizioni calcistiche differenti tra loro si scontrano con il calcio nostrano, che deve riabilitarsi ora più che mai, anche per un ranking che, se ben coltivato, permetterebbe di avvicinare quel terzo posto che significherebbe un posto in più in Champions League. Ma questi sono obiettivi a lungo termine. L'attualità si chiama Europa League e porta ad avversari anche poco noti, capaci egualmente di nascondere insidie. Andiamo a scoprire qualcosa di più sulle rivali delle italiane nella manifestazione europea.

SWANSEA CITY - Gioca in Premier League ma è la squadra dell'omonima città gallese, seconda per numero di abitanti nello stato britannico. E' una squadra che naviga a metà classifica e che per questa stagione non sembra già aver più nulla da chiedere al campionato. L'Europa League è un'avventura che giocatori e tifosi vogliono vivere il più a lungo possibile. Gary Monk è il neotecnico di questa squadra. Subentrato venti giorni fa a Micheal Laudrup, il quale è stato esonerato dopo i risultati non certo positivi a cavallo di Natale (una vittoria, tra dicembre e gennaio), ha subito dimostrato una buona dimestichezza nel nuovo ruolo, portando la squadra a ottenere una vittoria e un pareggio nelle sue prime due gare da allenatore.
Può contare sull'attaccante ex Vitesse Wilfried Bony, ma non sul talentuoso spagnolo Michu, la cui stagione è stata scandita dagli infortuni. Quasi certo un 4-2-3-1 con l'ex Valencia Pablo Hernandez centrale nel terzetto completato da Dyer e Routledge.

SWANSEA CITY (4-2-3-1): Vorm; Rangel, Williams, Chico, Davies; Canas, de Guzman; Dyer, Hernandez, Routledge; Bony.


TRABZONSPOR - Gli avversari della Juventus tornano in Italia dopo aver affrontato la Lazio nella fase a gironi. E' una squadra che si è dimostrata ostica, vincendo il proprio girone e, soprattutto, senza mai perdere. La capolista italiana sarà tutta un altro test. I recenti risultati in campionato non sono positivi, ma guai a sottovalutare una squadra che, spesso, in epoche più o meno lontane si è sempre dimostrata difficile da affrontare.
Mister Turgay Karsli non può contare su Malouda e Bamba, infortunati, mentre ha a disposizione altri elementi di grande esperienza come il portoghese Bosingwa e i centrocampisti Mierzejewski e Zokora. Attenzione al ventiquattrenne Güral e all'estroso esterno Adin.

TRABZONSPOR (4-2-3-1): Kivrak; Bosingwa, Demir, Yumlu, Keles; Zokora, Colman; Adin, Mierzejewski, Hurmaci; Güral.


ESBJERG - La Fiorentina vola in Danimarca e trova sulla sua strada questa formazione che ha concluso il suo girone al secondo posto, con quattro vittorie e due sconfitte, entrambe patite contro il Salisburgo. Sulla carta dovrebbe essere la squadra più abbordabile tra quelle capitate alle italiane. Il campionato è fermo da inizio dicembre e, dunque, Montella non ha avuto modo di visionare partite recenti di questa squadra. La formazione di Niels Frederiksen sarà dunque un'incognita. A vedere le statistiche, è una squadra che segna poco e che subisce quasi sempre un gol a partita. Non ha un vero e proprio goleador, anche se l'olandese van Buren resta capocannoniere della squadra con quota sei gol in diciotto partite. Per Friederiksen conta il collettivo. Il tecnico cercherà di coprirsi con un 4-4-2, o anche un 4-4-1-1 con Fellah alle spalle di van Buren, e ripartire in contropiede. Non sono stati convocati invece il portiere Ronnow e il difensore Berthel Askou, infortunati.

ESBJERG (4-4-1-1): Dubravka; P. Ankersen, Drobo-Ampem, Hansen, Knudsen; A.Ankersen, Andreasen, Lucena, Lyng; Fellah; van Buren.


LUDOGORETS - Sconosciuta ai più, questa squadra si è dimostrata di grande sostanza nella fase a gironi, eliminando squadre come PSV Eindhoven e Dinamo Zagabria. Ha conquistato 16 punti sui 18 disponibili, chiudendo logicamente al primo posto. Lo scorso fine settimana ha ripreso la marcia in campionato, dopo un paio di mesi di pausa. La squadra è reduce dalla preparazione e questo fattore può giocare un ruolo cruciale, positivamente o meno. Attualmente è al comando del campionato bulgaro, con tre punti di vantaggio sul Litex Lovech. Piccola curiosità: la formazione di Stoycho Stoev annovera in rosa Michel Platini. Ovviamente non parliamo dell'ex campione della Juventus, bensì di un brasiliano col passaporto bulgaro che, per la cronaca, è ai box per un infortunio ai legamenti. Stoev si affiderà al ventiquattrenne russo Roman Bezjak, già a segno 11 volte in 18 partite. Attenzione anche ad altre spine nel fianco come Marcelinho e Vura.

LUDOGORETS (4-2-3-1): Stoyanov; Junior Caicara, Mantyla, Moti, Minev; Burgzorg, Zlatinski; Lumu, Marcelinho, Vura; Bezjak.




Commenta con Facebook