• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Genoa > Genoa, Gilardino: "Ci salviamo, supero Del Piero e mi prendo il Mondiale. Balotelli e Inzaghi..

Genoa, Gilardino: "Ci salviamo, supero Del Piero e mi prendo il Mondiale. Balotelli e Inzaghi..."

Gli obiettivi dell'attaccante rossoblu che sogna la convocazione per la spedizione brasiliana



20/02/2014 09:48

GENOA GILARDINO DEL PIERO MONDIALE BALOTELLI / GENOVA - Salvezza e Mondiale a suon di gol. Alberto Gilardino fissa gli obiettivi e lancia la rincorsa al suo idolo Alessandro Del Piero, distante 18 reti nella classifica dei migliori marcatori di sempre in Serie A: "Dobbiamo fare più punti possibile per conquistare una salvezza tranquilla, voglio segnare qualche altro gol e andare al Mondiale - esordisce l'attaccante del Genoa ai microfoni del 'Corriere dello Sport' - Quota 200 reti? E' un obiettivo che mi sono fissato, ci proverò". 

JUVENTUS - "Mio padre è sempre stato un tifoso ed anch'io da piccolo lo ero. Mi portava a vedere la Juve di Lippi, Del Piero e Vialli. Ho giocato talmente tante volto contro la Juve che per il tifo non c'è più spazio".

GOL - "Il traguardo delle 10 reti a stagione me lo sono sempre fissato ed averlo raggiunto così spesso significa che qualcosa di buono l'ho fatto".

TITOLI - "Diciamo che ho vinto tanto, ma non tantissimo. Ci sono stati dei momenti della mia carriera in cui mi sono trovato al posto giusto, altri evidentemente no. Mi manca lo scudetto, ma mi sento gratificato dai tre trofei con il Milan".

MILAN - "Sono stati tre anni di crescita, tre stagioni bellissime. Non smetterò mai di ringraziare chi mi ha permesso di giocare con certi campioni. Dualismo con Inzaghi? L'ho sentita tante volte, ma vi assicuro che c'era un grande rapporto e poi nelle squadre la concorrenza è inevitabile. Non l'ho mai sofferta. Sono convinto che farà grandi cose in panchina".

GENOA- "Il nostro unico obiettivo deve essere la salvezza. Gasperini ha dato un'identità di gioco ben precisa e anche se cambiamo modulo a partita in corso non perdiamo certe caratteristiche. Liverani? La società aveva fatto la scelta giusta puntando su un tecnico giovane e preparato. Ha dato il massimo, ma abbiamo affrontato delle squadre sulla carta superiori, abbiamo perso molte partite e siamo andati in difficoltà".

NAPOLI - "Ha cambiato molto, ma è sempre una squadra fortissima. Andremo al 'San Paolo' per fare la nostra partita e per metterli in difficoltà, ma lì non è mai facile. Higuain? Secondo me è il giusto erede di Cavani. Non lo farà rimpiangere, è completo: segna e fa segnare".

NAZIONALE - "Sono prontissimo. Prandelli conosce le mie caratteristiche che sono diverse da quelle di Balotelli, Rossi e Osvaldo. Sta a lui scegliere. Toni? Sta dimostrando il suo valore, fa piacere. Totti è straordinario, sia a livello fisico che tecnico". 

BALOTELLI - "E' un giocatore molto giovane e bisogna lasciarlo lavorare serenamente senza creargli troppa pressione mediatica. E' un talento impressionante e può fare la differenza ovunque". 




Commenta con Facebook