• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > SPECIALE CM.IT 'Man of the week': Icardi, cento di questi tweet!

SPECIALE CM.IT 'Man of the week': Icardi, cento di questi tweet!

La rubrica di Calciomercato.it sul giocatore straniero che piu' si e' messo in luce nell'ultima giornata del massimo campionato nazionale


Mauro Icardi (Getty Images)
Jonathan Terreni

18/02/2014 19:52

SERIE A CALCIATORE SETTIMANA / ROMA - Rubrica di Calciomercato.it che focalizza l'attenzione sul calciatore straniero che più si è messo in luce nel weekend di campionato. La 'top 3' della prima di ritorno di Serie A vede al primo posto il ritorno di Icardi. Sul podio anche l'eurogol di Emerson e il primo centro di Schelotto con i ducali, proprio contro la sua ex Atalanta.

Qui le parole dell'agente di Icardi

 

MAN OF THE WEEK (24a giornata)

1° ICARDI (Inter)

2° EMERSON (Livorno)

3° SCHELOTTO (Parma)

 

NON SOLO TWEET - Dopo i post, i tweet, gli hashtag e chi più ne ha più ne metta stavolta era davvero tempo di far cinguettare il campo. Dopo ben due settimane di allenamenti continui con la squadra, una rarità da quando è all'Inter a causa dei continui problemi fisici, sabato sera Walter Mazzarri ha concesso a MauroIcardi una possibilità importante. Entrato dopo dieci minuti della ripresa al posto di Milito nella delicata gara contro la Fiorentina lui ha risposto (finalmente) come in tanti sognavano. Due palloni toccati e subito lo zampino in area di rigore, quello per il quale i nerazzurri avevano sborsato in estate 12 milioni di euro. La scorsa stagione fu un vero crack. Il più giovane giocatore di sempre ad andare in doppia cifra, e tutto nell'ultima parte di campionato. Un fenomeno si diceva, poi i continui guai e una forma mai trovata ne hanno rallentato l'esplosione. Icardi però è un potenziale con i fiocchi in casa Inter, social networks a parte. I tifosi e la società si aspettano molto, compreso lui stesso. I social saranno pure la sua vita ma di fatto 'Maurito' è un ragazzino dal cuore tenero, a volte un pò ingenuo ma dalla voglia di far bene. Al di là di tutto è lui il primo che soffriva la situazione e non vedeva l'ora di poter zittire tutti come meglio sa fare. La forma migliore è lontana, basti pensare che lo stesso Mazzarri ha dichiarato di averlo visto scoppiare dopo appena dieci minuti. Il fisico cresce e la massa pure, per questo ha bisogno di allenarsi sempre a mille. Il tempo è dalla sua parte ma guai a sprecarlo. Meglio un tweet di meno ed un gol in più.

 

BOMBA EMERSON - Emerson Borges Ramos è il classico esempio di calciatore arrivato troppo tardi sul palcoscenico che merita. Lui, un seguace di Nicola, la Serie A l'ha vista solo quest'anno a 33 anni, dopo una stupenda stagione lo scorso anno in B con gli amaranto. Mancino dal piede educato, educatissimo, arricchito da una potenza fuori dal comune. I suoi due gol in campionato ne sono una dimostrazione. Contro il Torinouscita palla al piede di gran carriera e bomba sotto la traversa da trenta metri. Contro il Cagliari stessa storia, forse da distanza ancor più lontana; e il pensiero subito per capitan Luci, infortunato. Ma per lui questa è normalità perchè in campo, come nella vita di tutti i giorni, mette sempre una straordinaria umiltà, semplicità ed eleganza. Tutti a Livorno gli vogliono bene ed ormai è considerato 'uno di città'. Peccato solo che qualcuno non abbia creduto abbastanza in lui.

 

IL MOSCHETTIERE SCHELOTTO - All'inferno e ritorno. Da quando era andato via dall'Atalanta la parabola discendente di Ezequiel Schelotto sembrava non finire mai. Prima all'Inter dove, gol nel derby a parte (l'unica cosa che ancora lo 'salva' a Milano) era sembrato il classico bidone d'altri tempi, poi al Sassuolo dove, per un motivo o per l'altro non aveva trovato lo spazio necessario. Eccolo allora a Parma, con la sua immancabile chioma nera e la voglia di tornare il 'levriero'. Proprio a Bergamo, dove ha fatto vedere le cose migliori, è tornato a sorridere senza darlo a vedere. Il gol del 4-0 ha punito severamente i nerazzurri, col groppo in gola. Per l'Atalanta una sconfitta che fa male, per lui un punto da cui rinascere.




Commenta con Facebook