• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan-Atletico Madrid, Balotelli: "Con Seedorf piu' sereno. Migliore atmosfera all'este

Milan-Atletico Madrid, Balotelli: "Con Seedorf piu' sereno. Migliore atmosfera all'estero"

L'attaccante rossonero ha incontrato i giornalisti alla vigilia della partita di Champions League


Balotelli (Getty Images)
Stefano D'Alessio (Twitter: @SDAlessio)

18/02/2014 13:30

MILAN ATLETICO MADRID LIVE CONFERENZA STAMPA BALOTELLI / MILANO - Mario Balotelli, attaccante del Milan, ha incontrato i giornalisti in sala stampa alla vigilia della partita contro l'Atletico Madrid.

IN CAMPO - "Sono molto contento di poter giocare; l'anno scorso ero in tribuna, soffrivo per i miei compagni. Spero di dare una mano in più quest'anno".

SOGNO PALLONE D'ORO - "La vetrina della Champions League non cambia le mie motivazioni. Voglio sempre fare bene e vincere con questa squadra, a prescindere dalla partita".

AVVERSARIO SPAGNOLO - "Non ho mai segnato nella fase a gironi perché ho giocato poco (ride, n.d.r.). Contro le squadre spagnole non ho mai segnato, è una motivazione in più per me. Non ho mai battuto neanche la Spagna con la Nazionale".

PRESSIONI - "Le pressioni su di me non riguardano il calcio. Il calcio in Europa è diverso da quello italiano, per l'atmosfera che circonda la partita. Forse è migliore...".

NESSUNA PROMESSA - "Se prometto ai tifosi che vedranno il miglior Milan di stagione domani? Di solito le partite le gioco, non sono uno che promette le cose prima di giocare. Giocherò, poi vedremo".

MANCHESTER CITY-BARCELLONA - "Spero che vinca il City".

RUOLO - "Io sono un attaccante centrale, ma se per vincere la Champions League dovrò giocare in porta lo farò senza problemi".

FRATELLONE SEEDORF - "Clarence è più o meno ancora un calciatore, è rimasto compagno di squadra anche se non l'ho mai avuto. C'è tanto dialogo, libertà di parlare, di esprimere opinioni. Le cose vengono più facili, perché se hai un dubbio o un problema ci puoi parlare tranquillamente. A livello calcistico sono un po' più sereno. Più papà o fratello maggiore? Se gli dici papà lo offendi! E' un fratello".

MONDIALE O CHAMPIONS - "Non scelgo. O tutte e due o nessuna".

AUTOCRITICA - "Io sono molto autocritico, infatti quando mi criticate voi mi dà fastidio perché mi sono già criticato da solo".

CAMPIONE BALO? - "Non mi domando se sia un campione o meno, ma voglio aiutare la squadra a vincere le partite. Poi i risultati individuali e collettivi vengono da soli".

 




Commenta con Facebook