• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > LA MOVIOLA DI CM.IT: Da annullare il gol di Icardi, volontario il mani di Benatia

LA MOVIOLA DI CM.IT: Da annullare il gol di Icardi, volontario il mani di Benatia

Damato non vede il fuorigioco nel gol vittoria dell'Inter. Celi decide di non sanzionare il tocco del difensore giallorosso


Domenico Celi (Getty Images)
Emiliano Forte

17/02/2014 08:40

MOVIOLA ICARDI BENATIA / MILANO -  Per gli arbitri impegnati nella giornata numero 24 del nostro campionato non è stato un week-end particolarmente esaltante. Si contano, infatti, diverse sviste più o meno gravi disseminate sui vari campi di gioco. L'episodio più eclatante probabilmente lo si è visto in Fiorentina-Inter dove Damato, non aiutato a dovere dal suo assistente, convalida il gol partita di Icardi scattato da posizione di offside. Sbaglia anche Tommasi in Atalanta-Parma quando, sul risultato ancora di parità, sorvola su un netto fallo di mani di Lucarelli in area. In Genoa-Udinese, invece, fa discutere il penalty concesso agli ospiti e trasformato da Muriel. Infine, nel posticipo di domenica sera tra Roma e Sampdoria, l'arbitro Celi non ha demeritato anche se il tocco col braccio di Benatia, in piena area giallorossa, lascia molti dubbi.

 

MILAN-BOLOGNA 1-0, arbitro Bergonzi 5,5 – Non ci sono situazioni difficili da gestire per l'arbitro genovese anche se, soprattutto nella ripresa, non è brillantissimo in alcuni frangenti. Dubbi per un mani del rossoblù Mantovani e soprattutto per una spinta su Montolivo non sanzionata dalla quale nasce un pericoloso contropiede del Bologna. Curioso episodio nel primo tempo quando su un contrasto tra Perez e Montolivo la palla schizza colpendo al volto Bergonzi. Per l'arbitro una ferita al labbro medicata nell'intervallo.

 

FIORENTINA-INTER 1-2, arbitro Damato 4,5 – Serata negativa per il direttore di gara che in collaborazione con il guardalinee Giallatini convalida il 2-1 di Icardi viziato da un netto offside. L'attaccante nerazzurro infatti si trova con quasi tutto il corpo davanti all'ultimo difensore viola quando parte l'invito di Nagatomo. Regolare invece la prima rete interista firmata da Palacio. Lasciano dei dubbi due contatti in area nerazzurra con protagonisti Kuzmanovic e Joaquin nel primo tempo ed Hernanes e Ilicic nella ripresa. La sensazione è che almeno nel primo caso il rigore per i Viola ci poteva stare. Al termine della gara saranno 7 gli ammoniti da Damato a testimonianza di una gara tesa e molto spigolosa.

 

CATANIA-LAZIO 3-1, arbitro Mazzoleni 6,5 – Più che positiva la prestazione del fischietto bergamasco che prende le giuste decisioni in concomitanza degli episodi più rilevanti del match. Sul risultato di 1-0 per il Catania, Keko infila di nuovo Berisha per il possibile 2-0 ma giustamente Mazzoleni annulla per il fuorigioco del giocatore etneo. Nella ripresa su un cross di Izco, Gonzalez tocca la palla con un braccio: fa bene Mazzoleni a non intervenire vista l'involontarietà del gesto.

 

JUVENTUS-CHIEVO 3-1, arbitro Valeri 5,5 – Dopo 8 minuti di gioco, Llorente nel proteggere il pallone in area clivense subisce l'entrata irregolare di Frey. Valeri non interviene e sbaglia; ci stava il penalty per i Bianconeri. Altro episodio dubbio, sempre nell'area del Chievo, la manata con la quale Radovanovic mette giù Giovinco: il gesto non è cattivo ma anche in questo caso il fallo ci poteva stare.

 

GENOA-UDINESE 3-3, arbitro Tagliavento 5,5 – Non convince la decisione che Tagliavento prende nel primi minuti della ripresa quando concede un penalty piuttosto generoso all'Udinese. Il contatto incriminato vede protagonisti Burdisso e Widmer con il primo che allarga il braccio per non perdere il contatto con l'avversario. Secondo l'arbitro si tratta di trattenuta e di conseguenza fischia il rigore; stando alle immagini il fallo è tutt'altro che evidente.

 

SASSUOLO-NAPOLI 0-2, arbitro Calvarese 6 – Nessuna difficoltà per il fischietto di Teramo in un pomeriggio di ordinaria amministrazione.

 

ATALANTA-PARMA 0-4, arbitro Tommasi 4,5 – Prestazione macchiata dalla svista di inizio gara quando non viene sanzionato un mani di Lucarelli nella propria area di rigore. Nel corso del secondo tempo Tommasi è fin troppo permissivo con Acquah che già ammonito entra in maniera piuttosto scomposta su Raimondi.

 

CAGLIARI-LIVORNO 1-2, arbitro De Marco 6,5 – Sacrosanto il tiro dal dischetto concesso al Livorno per l'uscita avventata di Avramov che va a colpire Paulinho. Sembra esagerato il cartellino rosso all'indirizzo di Conti che su un calcio di punizione ha protestato vistosamente per il mancato rispetto della distanza da parte della barriera.

 

ROMA-SAMPDORIA 3-0, arbitro Celi 5,5 – Unico dubbio nel corso del minuto 50, sul risultato di 1-0, quando su un tiro di Wszolek Benatia tocca la palla con un braccio. Il gesto del difensore giallorosso doveva essere punito con un calcio di rigore per i blucerchiati.




Commenta con Facebook