• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Sampdoria > Roma-Sampdoria, Mihajlovic: "Ecco come possiamo metterli in difficolta'"

Roma-Sampdoria, Mihajlovic: "Ecco come possiamo metterli in difficolta'"

L'allenatore blucerchiato ha parlato alla vigilia della partita contro i giallorossi



15/02/2014 12:57

ROMA SAMPDORIA CONFERENZA STAMPA MIHAJLOVIC / GENOVA - Sinisa Mihajlovic ha parlato alla vigilia della partita Roma-Sampdoria, in programma all'Olimpico domani sera:

LA RICETTA PER VINCERE - "Finora non abbiamo mai vinto con una grande ma non ci fasciamo la testa e domani sera potrebbe essere l'occasione giusta per riuscirci. Andremo là per fare la nostra partita. Se li faremo giocare sarà dura, se li presseremo alti sarà dura anche per loro. A Napoli, ad esempio, hanno fatto molta fatica quando sono stati gli altri a gestire il possesso palla. Noi, per quel che ci riguarda, non cambiamo mentalità: andremo a Roma per fare quello che abbiamo fatto fino ad oggi. Come ho detto, per me il risultato è importante, ma conta di più la prestazione. In casa i giallorossi sono stati pressoché perfetti, ma se giochiamo come sappiamo potremo creare loro dei problemi".

MENTALITA' -
"Tutte le squadre hanno pregi e difetti. Io cerco di trasmettere il messaggio che tutte le partite si possono vincere. Lo ripeto: è importante che si faccia un'ottima prestazione, così come abbiamo fatto con Napoli e Juventus. Garcia? La sua è una formazione che gioca bene e ha fiducia, e non scende in campo per difendersi. Lui e Benitez giocano per vincere, hanno portato in Italia un'altra mentalità. Che ne penso della lotta Scudetto? Non lo so, sono affari loro, anche se mi piacerebbe esserne coinvolto".

CONFRONTI - "Anche se loro hanno una partita in meno, tutti parlano di grande Roma e non di noi. È anche per questo motivo che possiamo giocarcela. In Italia rispetto agli altri paesi si dà molto risalto alla tattica. All'estero si gioca per vincere, e il campionato è più spettacolare anche perché la tattica non è eccelsa. Questo non è il campionato più bello del mondo ma è sicuramente il più difficile".

ASSENZE - "Per me peserà di più l'assenza di Maxi che quella di Totti. Mi dispiace che non ci sia Francesco, perché mi sarebbe piaciuto misurarmi con una Roma al completo. Sono comunque convinto che chi giocherà, leggo Destro, avrà le carte per metterci in difficoltà. Darò ancora fiducia Okaka? Deve migliorare la sua condizione fisica perché non è al top. Con la sua struttura ci vuole un po' di più, l'importante però è che abbia la testa giusta, ha già di dimostrato di poter fare bene. Wszolek? Ha una buona corsa. L'importante è avere le soluzioni, poi starà a meno sbagliare il meno possibile".

CINISMO - "Non riusciamo a chiudere i match? Prima non riuscivamo neanche ad andare in vantaggio... Scherzi a parte, come ho detto anche dopo quelle beffe che abbiamo subìto, conta di più sapere gestire la partita ma questo si fa con l'esperienza. Roma e Milan due derby per me? Da quando sono alla Samp il mio unico derby è col Genoa. Le prossime saranno partite come le altre che mi piacerebbe vincere, entrambe".




Commenta con Facebook