• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan-Bologna, Seedorf: "Balotelli diventi il campione che non e'. Non voglio criticare All

Milan-Bologna, Seedorf: "Balotelli diventi il campione che non e'. Non voglio criticare Allegri"

L'allenatore olandese sta preparando la gara interna contro la squadra felsinea


Clarence Seedorf (Getty Images)
Matteo Torre (twitter: @torrelocchetta)

13/02/2014 13:39

MILAN BOLOGNA SEEDORF CONFERENZA STAMPA / MILANELLO - Consueta conferenza stampa della vigilia per Clarence Seedorf, che ha affrontato oggi le domande dei giornalisti in vista di Milan-Bologna di Serie A, in programma domani alle 20:45.

TESTA AL CAMPIONATO - "Non abbiamo minimamente parlato ancora della Champions League, perché tutte le gare devono aiutarci a migliorare la condizione. Per arrivare bene contro l'Atletico Madrid dovremo fare bene contro il Bologna".

NAPOLI-MILAN - "Ho visto la squadra tutt'altro che demotivata. Era dispiaciuta del risultato, ma quando un gruppo si impegna e ne ha di fronte uno capace di fare meglio bisogna accettare le sconfitte. Abbiamo visto ieri che una squadra d'alta classifica (la Roma, ndr) ha preso tre gol al 'San Paolo'. Ciò non toglie che non abbiamo lavorato sui lati su cui migliorare: c'è volontà di aumentare i giri".

FASE DIFENSIVA - "Non fa molto testo il Napoli, per me: abbiamo già analizzato questa partita e ora siamo a 24 ore dall'importante gara contro il Bologna. Col Napoli abbiamo dimezzato i tiri subiti perché ho delle idee su punti di forza e di debolezza di questa squadra, e cerco di applicare una strategia come tutti gli allenatori. In Italia prendere pochi gol è importante per ambire ad alte posizioni di classifica".

BOLOGNA - "E' una squadra sempre da rispettare, per la storia del club. A Torino ha fatto punteggio pieno, e ho visto una partita in cui la squadra sapeva esattamente cosa fare, quindi presteremo grande attenzione ai loro punti di forza. Hanno due attaccanti di grande livello".

FORMAZIONE - "Non ci sono grandi dubbi. Tutti hanno lavorato abbastanza bene, e Silvestre non è ancora al 100%, mentre per il resto dovrebbe essere la squadra che sapete già. Robinho starà fuori circa dieci giorni, e il medico vi farà sapere tutto sui giocatori fuori lista".

MACINANDO CHILOMETRI - "Robinho è uno dei giocatori che corrono più di tutti, e la nostra media è europea, ma non conta quanto, bensì come si corre. Vuol dire tutto e niente correre tanto: l'importante è correre bene, con intelligenza e tutti insieme a una certa velocità".

HONDA - "Serve pazienza, come per tanti talenti arrivati in Italia. Il salto dalla Russia è importante, quindi diamogli tempo per vedere l'Honda espresso nel Giappone. Sta dando tanto sia in fase difensiva che di costruzione, e pian piano le sue giocate cresceranno in efficacia". Clicca qui per l'intervista esclusiva all'agente di Nagatomo su Honda.

VINCERE, MA CONVINCERE - "Tutti vogliono sempre vincere, ma noi dobbiamo anche saper convincere".

BALO-PAZZO - "Loro due insieme? E' una possibilità, ma ho solo due punte in rosa e non potrei fare sostituzioni. Balotelli, in particolare, è un grande talento, e capita a tutti di non fare bene in una partita. Deve esplodere per diventare il campione che oggi non è. Le lacrime? Uno sfogo: è un essere umano".

CONDIZIONE FISICA - "Non intendo muovere critiche ad Allegri. Quando mancano i risultati è faticoso perché devi rincorrere, ma fisicamente e mentalmente abbiamo lavorato tanto".

KAKA' - "Non è in questa squadra solo per giocare Brasile 2014, ma per aiutarci a crescere. A sua volta, il Milan aiuterà lui ad andare al Mondiale. Sta facendo benissimo e ha enormi possibilità di essere convocato".

CENA AD ARCORE - Ai microfoni di 'Milan Channel' Seedorf ha spiegato: "L'incontro con Berlusconi e Galliani è stato molto bello: siamo persone con grande sintonia, e si è parlato ovviamente del futuro rossonero. Vogliamo riportare il Milan in alto anche se sappiamo che ci vorrà del tempo".

TESTA E DIALOGO - "Nei primi due giorni Adel Taarabt era assente, dimostrava sì e no il 10% del suo talento: il dialogo con i giocatori è molto importante per capirne lo stato d'animo. El Shaarawy? Deve essere paziente e pensare a guarire al meglio".

 




Commenta con Facebook