• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Sochi 2014, la cerimonia d'inaugurazione: spettacolo, proteste gay e... un anello difettoso

Sochi 2014, la cerimonia d'inaugurazione: spettacolo, proteste gay e... un anello difettoso

Ottantotto Paesi prenderanno parte alla piu' importante rassegna mondiale di sport invernali


I cinque anelli delle Olimpiadi (Getty Images)

08/02/2014 00:55

SOCHI 2014 CERIMONIA ANELLO GAY / SOCHI (Russia) - Si è aperta oggi con la cerimonia d'inaugurazione l'Olimpiade invernale di Sochi 2014. Un'edizione tanto attesa e avvolta da discussioni ben prima di cominciare, dato che Vladimir Putin ha proibito di parlare di omosessualità. La Germania ha risposto facendo indossare un completo arcobaleno ai propri atleti nella suggestiva presentazione di oggi, avvenuta nello stadio Fisht. La Russia non ha mancato di rispondere, accompagnando l'ingresso dei propri sportivi con 'Nas ne dogoniat' ('Non ci raggiungeranno'), canzone del duo femminile saffico Tatù, noto qualche anno fa nel nostro Paese.

ITALIA - I colori azzurri sono stati rappresentati istituzionalmente dal Presidente del Consiglio, Enrico Letta: caloroso il suo saluto al passaggio degli atleti italiani. Inevitabilmente suggestivo lo spettacolo messo in piedi dal Comitato organizzatore, in cui si sono vissuti molti aspetti caratterizzanti della Russia, dal balletto ai grattacieli di staliniana memoria, non escludendo neppure la falce e il martello della dittatura comunista.

INTOPPO... MA NON TROPPO? - Piccolo giallo quando sono stati esposti i cinque cerchi delle Olimpiadi: c'è stato un problema tecnico e uno di questi non ha funzionato a dovere. Quale? Quello rappresentante il continente americano... solo un caso?

M.T.

 




Commenta con Facebook