• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Italia, Prandelli: "La lista dei 23 sara' chiusa all'ultimo". E su Rossi e Balotel

Italia, Prandelli: "La lista dei 23 sara' chiusa all'ultimo". E su Rossi e Balotelli...

Il Ct ha parlato dei possibili convocati per i Mondiali barsiliani



05/02/2014 13:51

ITALIA PRANDELLI 23 / ROMA - Nel corso di un'interessante intervista concessa a 'La Repubblica', il CT azzurro Cesare Prandelli ha fatto il punto sulla Nazionale a pochi mesi dai Mondiali: "Sugli orari ha deciso la tivù, non entro nel merito. Piuttosto, io sono affascinato dall'idea della partita in Amazzonia con l'Inghilterra e spero che davvero quel giorno il pubblico brasiliano faccia il tifo per noi. Quanto al clima, il recupero delle energie sarà fondamentale. Saremo attentissimi a ogni particolare, a cominciare dall'alimentazione".

USA 94 - "Stiamo valutando tutto: vogliamo arrivare preparatissimi. Mi confronterò anche con Sacchi e con Albertini sulla loro esperienza a Usa '94, per certi versi simile quanto a sbalzi termici e a lunghezza delle trasferte. Cercare di creare condizioni climatiche omogenee può essere importante. L'esperienza della Confederations Cup è stata preziosissima, non mi era mai capitato che 8 giocatori su 11 mi chiedessero il cambio, come è successo con Giappone e Uruguay. Allora ci spaventammo. Oggi sappiamo che nel corso della stessa partita ci possono essere notevoli oscillazioni di rendimento e che non bisogna lasciarsene impressionare".

TIME OUT - "Al prossimo workshop chiederemo ufficialmente il time-out di 40" per bere. Va introdotto per regolamento, non per un accordo estemporaneo tra i capitani e l'arbitro. Altrimenti il rischio è che le squadre buttino fuori il pallone apposta, per dissetarsi con le bottigliette dietro la porta. Se vogliono lo spettacolo, devono metterci nelle condizioni di darlo".

RITIRO - "Innanzitutto io faccio il ct, non il turista, e tutelo la squadra: non andiamo mica in Brasile per passare le serate a Rio. E poi utilizzeremo per le trasferte l'aeroporto militare di Santa Cruz, che è vicino a Mangaratiba. In più avremo il clima migliore: ne ho avuto conferma da chi vive e allena in Brasile. Al Nord non si potrebbero fare due allenamenti al giorno per via dell'umidità. Comunque, tra la seconda partita con la Costarica a Recife e la terza con l'Uruguay a Natal, resteremo in ritiro nel Nordeste, per evitare il disagio del doppio trasferimento, avanti e indietro".

RITIRO APERTO - "Tutte le novità spiazzano. E spiazzano soprattutto i bigotti e i conservatori. Abbiamo già fatto l'esperimento in Confederations e ha funzionato benissimo. Non è che la squadra non si concentri. Anzi, lavora meglio. Famiglie e bambini stemperano le tensioni".

CODICE ETICO - "Io non vado a penalizzare chi è già stato squalificato e ha scontato la punizione: il codice non è retroattivo. E' un regolamento interno importante per la disciplina e i giocatori, per fortuna, l'hanno capito benissimo. Invece in Italia non si vogliono mai cambiare sul serio i comportamenti, in profondità. Si preferisce sollevare polveroni sul nulla. In Brasile, però, ci saranno restrizioni sull'uso dei social network da parte degli azzurri. Precisiamo anche questo. Io non sono contro i social network, ci mancherebbe: rappresentano il futuro e non ho mai pensato di abolirli. Semplicemente, in un torneo mediatico come il Mondiale non si può pensare di parlare via web alla moglie, alla fidanzata o agli amici, perché qualunque messaggio arriva a tutto il mondo. Perciò, durante quel periodo, chi avrà bisogno di dire qualcosa in pubblico lo farà in conferenza stampa, cioè attraverso il canale che include tutti i media, incluso il web".

BALOTELLI - "Io penso che lo si debba aiutare a tirare fuori tutto il suo grande potenziale di campione. E che Seedorf, in questo senso, sia l'ideale: con lui può trovare intesa, affinità e un rapporto quotidiano di vicinanza sincera. E' chiaro che in Brasile conterà anche il suo stato di forma".

23 - "Stringerò il cerchio al momento opportuno. Oggi ne ho in mente 33-34, perché purtroppo gli inconvenienti sono dietro l'angolo".

ROSSI - "Lui è unico, caratterialmente e non solo: può fare la seconda punta, pur avendo le caratteristiche della prima. E sul primo controllo, che è quasi un dribbling, mette sempre in crisi gli avversari. Oggi posso solo dire che spero di recuperarlo".

GIOVANI - "Ho sempre detto che ero curioso di vedere come avrebbero reagito i nostri giovani talenti alle difficoltà: sono quelle che forgiano il campione. Hanno ancora qualche mese per dimostrare di esserlo".

LISTA - "Sara' aperta fino all'ultimo".

ATTACCO - "Osvaldo, Gilardino, Pazzini, Matri, Destro: li sto osservando tutti".

VETERANI - "Mi piacerebbe sentire più entusiasmo, di fronte alla prospettiva del Mondiale: quando feci l'ipotesi di ricorrere a qualche veterano, ero sincero. Deciderà il campo. Certo, io devo anche considerare il gruppo che ha conquistato la qualificazione".

OBIETTIVO - "Per non avere rimpianti abbiamo l'obbligo di partire pensando di ottenere il massimo. E per poterlo pensare, dobbiamo essere preparati per ottenere il massimo. Dietro questa spedizione ci sono anni di lavoro. Non è detto che ci si riesca, ma bisogna partire per vincere".

LEGGI QUI LE PAROLE DI PRANDELLI SUL SUO FUTURO

LEGGI QUI LE PAROLE DI PRANDELLI SU OSVALDO

A.C.




Commenta con Facebook