• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI GENOA-SAMPDORIA

PAGELLE E TABELLINO DI GENOA-SAMPDORIA

Maxi Lopez segna e sogna. De Ceglie impreparato


Maxi Lopez (Getty Images)
Antonio Russo

04/02/2014 00:00

PAGELLE E TABELLINO GENOA-SAMPDORIA / GENOVA – La Sampdoria riesce a fare suo il derby della lanterna grazie alla rete del neo acquisto Maxi Lopez. Il 'Grifone' di Gasperini soffre molto sulle fasce e non riesce a pungere in attacco con De Ceglie. Tra i rossoblù vi è da registrare la lieta sorpresa Konate. Perfetta la direzione di Valeri. Infine da sottolineare sicuramente il pubblico di Genova, capace di coreografie da premio Oscar.

 

GENOA

Perin 6,5 – In occasione della rete blucerchiata non può molto. Nella ripresa limita i danni con parate importanti ma non impossibili.

De Maio 6 – Dalle sue parti la Sampdoria non attacca molto. Svolge il compitino con diligenza e non commette errori. Purtroppo per lui, Gasperini decide di sacrificarlo per dare una svolta al match. Dal 48’ Fetfatzidis 5,5 – Il Messi di Grecia viene lanciato da Gasperini nella mischia per cambiare volto al match. È dotato di buona tecnica individuale ma questa sera si mostra molto fumoso e inconcludente.

Burdisso 5,5 – Si fa attrarre spesso dalla palla e segue poco l’uomo. Nell’occasione della rete blucerchiata, infatti, compie un mezzo passo galeotto verso Eder e il pallone, perdendosi Maxi Lopez.

Marchese 6,5 – Tiene bene Gabbiadini e lo limita nelle giocate. Prova anche a farsi vedere in avanti ma non riesce a creare grossi pericoli. Dal 82’ Calaiò s.v.

Antonini 6 – Gasperini lo sposta un po’ ovunque sul suo scacchiere e lui si disimpegna quasi sempre bene. Buona prestazione, non è a lui che si chiede il guizzo vincente.

Matuzalem 6 – Il suo dinamismo è sempre preziosissimo. Sopperisce alle mancanze in fase d’interdizione di Bertolacci recuperando diversi palloni.

Bertolacci 6 – Nel ruolo di mediano non riesce ad esprimersi come vorrebbe. Ha velleità più offensive e le dimostra tutte quando con un bolide da fuori area costringe Da Costa alla gran parata. Con i suoi inserimenti diventa il giocatore più pericoloso del Genoa.

Antonelli 5,5 – Realizza la rete che fa esplodere la parte rossoblù di Marassi, ma giustamente Valeri annulla per fuorigioco. Resta molto bloccato dietro e non spinge come dovrebbe.

Konate 6,5 – Degli attaccanti è l’unico che riesce a creare qualche grattacapo alla difesa avversaria. Salta l’uomo ma si perde spesso nell’ultima giocata. Realizza anche un goal, annullato giustamente per fuorigioco. Dal 65’ Sculli 6 – Come un gladiatore lotta su ogni pallone, la gradinata rossoblù è felice di poterlo riabbracciare.

Gilardino 5,5 – Nel primo tempo i palloni giocabili latitano e viene lasciato troppo solo dai compagni di reparto. Nella ripresa il copione non cambia.

De Ceglie 5 – Soffre moltissimo la velocità di De Silvestri. Non è un attaccante e non riesce mai a sfondare sulla sua fascia. Nonostante provi a spingersi con solerzia in avanti non riesce mai ad essere pericoloso. Passano i minuti e lui sparisce nel frastuono del Ferraris.

All. Gasperini 5,5 – Il Genoa parte bene pressando a tutto campo, ma lentamente si spegne e lascia campo alla Samp. I grifoni soffrono moltissimo sugli esterni (soprattutto sul lato sinistro). Nella ripresa Gasperini tenta di cambiare volto alla sua creatura ma in avanti i rossoblù sembrano davvero poco pungenti.

 

SAMPDORIA

Da Costa 6 – Nella prima frazione di gioco non viene chiamato molto in causa. Sull’unico squillo del grifone ad opera di Bertolacci risponde però presente. Nel secondo tempo qualche buona uscita e nulla più.

De Silvestri 7 – È il padrone incontrastato della fascia destra. Dal suo lato non si passa. Grazie alla sua velocità anticipa quasi sempre De Ceglie e fa ripartire l’azione.

Mustafi 6,5 – È lui il primo ad entrare nella Black List di Valeri a seguito di un inutile fallo a centrocampo. L’ammonizione potrebbe in teoria pregiudicargli la prestazione. Lui non si fa intimorire dall’handicap e sbroglia diverse situazioni pericolose. Cresce col passare dei minuti ed è implacabile di testa.

Gastaldello 6,5 – Narcotizza gli attaccanti rossoblù e smista palla dalle retrovie. Con la complicità di Mustafi rende impenetrabile la difesa blucerchiata.

Regini 6 – Resta molto schiacciato e soffre le sortite offensive di Konate. Nella seconda frazione di gioco dalle sue parti c’è Fetfatzidis ma lui riesce bene a limitarlo.

Palombo 6,5 – Morde le caviglie degli avversari ed è un punto di riferimento per i compagni. Con personalità si va a prendere la palla dalle retrovie per rilanciare l’azione.

Krsticic 5,5 – Dovrebbe dare geometrie al centrocampo doriano ma non riesce quasi mai a trovare la verticalizzazione giusta. In fase d’interdizione è assente ingiustificato. Dal 89’ Renan s.v.

Gabbiadini 6 – Non è una delle sue giornate migliori. Tenta il dribbling ma viene ben limitato da Marchese. Cresce nel finale e si guadagna punizioni importanti per far rifiatare la squadra.

Eder 6,5 – Il bomber di mister Mihajlović continua a dare spettacolo palla al piede. Ritorna a giocare tra le linee e suggerisce bene l’azione della Samp. Ogni tanto si scambia di posizione con Maxi Lopez per non dare punti di riferimento alla difesa del Genoa. Con un tocco di fino piazza l’ex rossoazzurro davanti alla porta. Dal 78’ Sestu s.v. -

Soriano 6 – Non si fa vedere molto in avanti nella prima frazione di gioco. La verve di Konate sembra preoccuparlo e spesso si abbassa per difendere. Nella ripresa invece prova a spingersi maggiormente in avanti e i suoi inserimenti creano non pochi problemi al Genoa. Dal 72’ Obiang 6 – Entra e lavora tanto in fase difensiva. Quando può accompagna la manovra d’attacco.

Maxi Lopez 7 – Il tecnico serbo concede subito le chiavi dell’attacco blucerchiato all’attaccante argentino. L’ex Catania dopo essere stato per mezzo campionato protagonista di chiacchiere da gossip, saggia finalmente un po’ di campo. Il suo approccio alla gara è subito buono. Mostra, infatti, fin dal principio di aver assimilato gli schemi dell’allenatore. Spesso arretra per lasciare in avanti spazio ad Eder. Con il fantasista brasiliano mostra subito una certa affinità. Stupendo lo scambio tra i due che porta alla rete del vantaggio.

All. Mihajlović 7 – La sua Sampdoria gioca bene, vince e diverte. Finalmente sembra arrivata anche la prima punta tanto sognata. Questa squadra sembra poter fare qualcosa d’importante nel prosieguo di questo campionato. Ottima logicamente la scelta di puntare sin dall’inizio su Maxi Lopez. I doriani bloccano le fasce del Genoa e pungono in contropiede.

 

Arbitro Valeri 8 –Ottima la direzione del fischietto romano. Pochissimi i cartellini tirati fuori (quantomeno in relazione ai precedenti derby). Gara gestita perfettamente, giusto annullare le due reti.

 

TABELLINO

GENOA-SAMPDORIA 0-1

GENOA (3-4-3): Perin; De Maio(48’ Fetfatzidis), Burdisso, Marchese(82’ Calaiò); Antonini, Matuzalem, Bertolacci, Antonelli; Konate(65’ Sculli), Gilardino, De Ceglie. All. Gasperini.

SAMPDORIA (4-2-3-1): Da Costa; De Silvestri, Mustafi, Gastaldello, Regini; Palombo, Krsticic(89’ Renan); Gabbiadini, Eder(78’ Sestu), Soriano(72’ Obiang); Maxi Lopez. All. Mihajlović.

Arbitro: Paolo Valeri

Marcatori: 23’ Maxi Lopez (S)

Ammoniti: Mustafi (S), Bertolacci (G), Matuzalem (G), Sculli (G), De Ceglie (G)

Espulsi:




Commenta con Facebook