• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Denis spietato, Inler che involuzione

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Denis spietato, Inler che involuzione

Top e Flop della 22a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


German Denis (Getty Images)
Emiliano Forte

03/02/2014 09:04

PAGELLONE DENIS INLER / MILANO – Dopo il pari in casa della Lazio la Juventus di Antonio Conte riprende a correre superando con autorità un Inter troppo fragile per tenere testa ai campioni d'Italia. Bianconeri che beneficiano come meglio non potrebbero dell'ottima vena di Andrea Pirlo in cabina di regia. Tra i nerazzurri invece Alvarez tradisce le attese lasciando troppo solo in avanti Palacio. Mentre la pioggia ha costretto la Roma ad interrompere la sua rincorsa al primo posto, l'Atalanta ha inflitto un duro colpo alle ambizioni del Napoli di Benitez grazie ad una prova superba dell'ex Denis. Tra gli azzurri spiccano gli errori di uomini chiave come Inler e Reina.

 

TOP

5.Keita (Lazio) - Il giovane senegalese di scuola 'blaugrana' salta gli avversari che è una bellezza. Rapido e preciso nel dribbling, propositivo e a tratti spavaldo in zona gol, regala il sorriso ai suoi tifosi con un assist vincente per Candreva ed il gol che chiude il match. Rampante. VOTO 7

4.Pirlo (Juventus) - Nessuna marcatura speciale per il regista bianconero che sfrutta, come solo lui sa fare, lo spazio a disposizione disegnando traiettorie perfette ed invitanti per i compagni. Dal suo piede parte il lancio che Lichtsteiner traduce nell'1-0 che da il 'La' al trionfo juventino. Professore. VOTO 7

3.Glik (Torino) - Grande prova del centrale granata che a San Siro non si scompone e tiene testa con autorità ai vari Pazzini e Robinho. Sfortunato in occasione del tiro di Rami per il resto impeccabile soprattutto nel gioco aereo. Colonna. VOTO 7,5

2.Emeghara (Livorno) - Si butta negli spazi sfruttando progressione e rapidità; un vero e proprio incubo per la difesa avversaria. Colpisce per ben due volte, in circostanze molto simili, arrivando per primo sul pallone con grande tempismo ed opportunismo. Incontenibile, conquista anche il calcio di rigore concesso da Bergonzi al 71esimo. Fulmine. VOTO 7,5

1.Denis (Napoli) - 'El Tanque' con una doppietta castiga la sua ex squadra mettendo a nudo gli attuali limiti difensivi della formazione di Benitez. Da grande trascinatore qual'è ci mette anima e cuore e quando si trova a 'portata di piede' il pallone giusto sa essere letale come pochi. Tiratore scelto. VOTO 7,5

 

FLOP

5.Matri (Fiorentina) – Troppo isolato finisce ben presto in balia dei difensori rossoblu. Si vede pochissimo e fatica a trovare gli spazi per duettare con i compagni e tanto meno per concludere verso la porta avversaria. Emarginato. VOTO 4,5

4.Alvarez (Inter) – Mazzarri lo schiera tra le linee con l'intento di dare manforte alla punta di ruolo Palacio e all'occorrenza di limitare il gioco di Pirlo. Ma a conti fatti l'argentino non riesce a proporsi con continuità in avanti e faticando a trovare la giusta posizione finisce col concedere ampi spazi di manovra al regista bianconero. Incompiuto. VOTO 4,5

3.Reina (Napoli) – Sul primo gol di Denis che inaugura il pomeriggio da dimenticare per i partenopei le sue colpe sono evidenti. Irriconoscibile come molti suoi compagni in questo inizio 2014. Distratto. VOTO 4,5

2.Frison (Catania) – Due interventi tutt'altro che impeccabili e tramutati in gol dal livornese Emeghara hanno condizionato pesantemente il risultato finale. Lo scatenato attaccante amaranto lo costringe anche al fallo da rigore poi trasformato da Paulinho. Impallinato. VOTO 4

1.Inler (Napoli) – Le mancanze dello svizzero sia in fase di costruzione che di copertura cominciano ad essere una costante nel Napoli dal rendimento altalenante degli ultimi tempi. Contro l'Atalanta arriva un'altra prova da dimenticare per un giocatore che sembra aver smarrito le doti che avevano spinto De Laurentiis a farne uno dei punti di forza del suo Napoli. Come se non bastasse arriva anche l'intervento sbilenco che diventa un assist al bacio per la doppietta di Denis. Disorientato. VOTO 4




Commenta con Facebook