• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI CATANIA-LIVORNO

PAGELLE E TABELLINO DI CATANIA-LIVORNO

Ai granata non basta un incontenibile Emeghara. Giornataccia per Frison


Catania-Livorno (Getty Images)

02/02/2014 18:20

PAGELLE E TABELLINO CATANIA-LIVORNO / CATANIA – Un punto guadagnato per il Catania, due punti persi dal Livorno. Il pareggio finale tuttavia tiene in vita entrambe le formazioni invischiate nella lotta salvezza. Nel complesso meglio l’undici di Di Carlo, tra cui spiccano le prestazioni di Emeghara, autore di una doppietta, e Paulinho. Malissimo tra i padroni di casa Frison e Leto. Un gol e un assist per Barrientos.

 

CATANIA

Frison 4 – Pomeriggio da incubo per l’estremo difensore. Pesano i suoi errori nell’economia del match. Netto il fallo su Emeghara lanciato a rete in occasione del rigore, mentre respinge male le conclusioni dalla distanza sulle quali si fa trovare pronto l’incontenibile nigeriano.

Bellusci 5.5 – Perde tutti i duelli in velocità con Emeghara. Spesso in ritardo nelle chiusure. Dal 54’ Izco 6 – Il suo ingresso porta vivacità nella manovra. Suo l’assist per il pareggio definitivo di Almiron.

Spolli 6 –Soffre la pressione degli avanti livornesi ma è decisiva in apertura di ripresa la sua chiusura su Paulinho solo davanti alla porta.

Rolin 5.5 – Paga la giornata negativa dei suoi compagni di reparto.

Peruzzi 5.5 – Molti errori in fase di appoggio e nelle sue poche sortite offensive.

Lodi 6.5 – Tocca un’infinità di palloni a centrocampo dettando i tempi di gioco. Sempre pericoloso sui calci piazzati.

Rinaudo 5.5 – Quasi mai in partita, resta sempre nell’anonimato e avulso dal gioco. Dal 69’ Almiron 6.5 – La sua zampata nel finale alimenta le speranze salvezza dei rossoblu.

Barrientos 7 – Lotta su tutti i palloni  senza risparmiarsi. Si lascia preferire per impegno e generosità. Serve a Bergessio l’assist per il gol del pareggio, realizzando il gol del momentaneo 2-2.

Biraghi 5.5 – Da uno come lui è lecito aspettarsi molto di più. Si tuffa come gli avessero sparato facendosi ammonire per simulazione.

Bergessio 6 – Un gol da rapace dell’area di rigore salva una prestazione al di sotto dei suoi standard abituali. Graziato dall’arbitro in occasione del cartellino giallo.

Leto 4.5 – Lento e impacciato in avanti. Preso per non far rimpiangere il “papu” Gomez, deve ancora entrare nei cuori dei tifosi e negli schemi dell’allenatore. Dal 59’ Castro s. v.

All. Maran 5.5 – Un passo indietro sul piano del gioco rispetto alla buona prova di San Siro. Il nervosismo nella ripresa lo manda anzitempo negli spogliatoi.

 

LIVORNO

Bardi 6 – Primo tempo da spettatore. Si supera su un sinistro di Biraghi che alza sulla traversa con la mano di richiamo. Vano un suo mezzo miracolo sul doppio tentativo vincente di Bergessio.

Mbaye 6.5 – Ancora una buona prova per il giovane senegalese scuola Inter sia per spinta che in fase di copertura. Un elemento di sicura affidabilità e di ottima prospettiva.

Ceccherini 6 – Partita senza particolari sbavature. Deve uscire nella ripresa per infortunio. Dal 69’ Valentini s. v.

Emerson 6.5 – Nonostante non sia più giovanissimo fa sentire il suo peso e la sua esperienza. Pericoloso nel primo tempo, decisivo nella ripresa quando una sua sassata viene respinta maldestramente dall’estremo difensore sui piedi di Emeghara.

Castellini 6 – Arrivato nel mercato invernale si batte come può in mezzo al campo.

Rinaudo 6.5 – Corsa e dinamismo, così come vuole il suo allenatore.

Benassi 6.5 – Entra in tutte le azioni offensive degli ospiti. Elemento di sicuro affidamento per il futuro.

Luci 6.5 – Serve a Paulinho un assist che il terminale offensivo granata non concretizza. Difficile passare dalle sue parti.

Duncan 6 – Partita di corsa e volontà. Da un suo siluro nasce il terzo gol livornese.

Emeghara 7.5 – La freccia nera è un’autentica spina nel fianco nelle maglie difensive catanesi. Si procura il rigore e mette a segno una doppietta in fotocopia vanificata dal pareggio finale.

Paulinho 7 - Gioca spesso di sponda con i compagni, dimostrando che quando è in giornata riesce a fare reparto da solo. Implacabile dal dischetto. Dal 84’ Biagianti s. v.

All. Di Carlo 7 – La sua cura ha portato la scossa nello spogliatoio granata. Un impatto devastante nella testa di un gruppo che ora sembra più convinto dei propri mezzi.

 

Arbitro: Bergonzi 6 – Qualche dubbio sul rigore concesso agli ospiti. Il gesto di Bergessio su Mbaye nel finale avrebbe meritato il cartellino rosso.

 

TABELLINO

CATANIA-LIVORNO 3-3

Catania (3-5-2): Frison; Bellusci (54’ Izco), Spolli, Rolin; Peruzzi, Lodi, Rinaudo (70’ Almiron), Barrientos, Biraghi; Bergessio, Leto (59’ Castro).  All.: Maran.

Livorno (3-5-2): Bardi; Ceccherini (69’ Valentini), Emerson, Rinaudo; Mbaye, Benassi, Luci, Duncan, Castellini; Emeghara (78’ Belfodil), Paulinho (84’ Biagianti). All.: Di Carlo

Arbitro: Bergonzi

Marcatori: 50’ Emeghara (L), 60’ Bergessio (C), 71’ Paulinho (rig.) (L), 74’ Barrientos (C), 76’ Emeghara (L), 87’ Almiron (C).

Ammoniti: Duncan (L), Biraghi (C), Frison (C), Benassi (L), Mbaye (L), Bergessio (C), Almiron (C).

Espulsi: nessuno




Commenta con Facebook