• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Altre Europee > Lucas Ontivero su Galatasaray e Tevez

Lucas Ontivero su Galatasaray e Tevez

L'attaccante esterno, intervistato da Calciomercato.it, ha firmato ieri un contratto di 4 anni e mezzo con i turchi


1 di 2
Tevez (Getty Images)
Le visite mediche di Ontivero
Daniele Trecca (twitter @danieletrecca)

01/02/2014 13:11

GALATASARAY ESCLUSIVO ONTIVERO/ ISTANBUL (Turchia) - La trattativa tra Galatasaray e Lucas Ontivero è stata seguita passo passo da Calciomercato.it, fino alla firma e alla presentazione ufficiale dell'attaccante argentino. Intervistato in esclusiva dalla nostra redazione, il calciatore 19enne ha raccontato la sua storia ed espresso tutta la sua felicità per l'approdo in Turchia.

Lucas, Roberto Mancini ti ha voluto fortemente al Galatasaray. Immagino che questo sia un motivo di grande felicità per te.

Sicuramente sono molto felice per questa opportunità. Poter allenarsi con Roberto Mancini è un piacere enorme e penso che mi possa insegnare molte cose

Il tuo idolo è Carlos Tevez: per te è un esempio da seguire in campo e fuori?

Il suo modo di giocare mi incanta, ma ammiro soprattutto la sua umiltà e la sua forza di lottare sempre per ogni pallone, ma anche nella vita. Viene anche lui dal basso ed è un giocatore del popolo

Per te si è parlato anche di offerte dall'Italia: un giorno ti piacerebbe giocare in Serie A?

Oggi penso solamente al Galatasaray e agli insegnamenti che posso ricevere da Mancini, Drogba, Sneijder, Felipe Melo, Muslera e gli altri compagni

Dal campionato uruguaiano alla Champions League. Ti senti pronto per questo grande salto?

Sto vivendo un sogno, però sono molto fiducioso e ritengo che posso dare il mio apporto alla squadra. Poter imparare da campioni del calibro di Drogba, Sneijder e tutti i compagni è un regalo di Dio.




Commenta con Facebook