• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Calciomercato Juventus, Marotta: "Vucinic resta. Osvaldo? Ci piace"

Calciomercato Juventus, Marotta: "Vucinic resta. Osvaldo? Ci piace"

Il direttore generale parla delle ultime trattative dei bianconeri


1 di 2
Giuseppe Marotta (Getty Images)
Marotta (Calciomercato.it)
dall'inviata Eleonora Trotta

30/01/2014 19:00

JUVENTUS MAROTTA AGNELLI/ ROMA - Intervenuto all'Antica Osteria Cavallini per ritirare il premio 'Tmw', il direttore generale della Juventus Giuseppe Marotta ha parlato delle ultime trattative di mercato dei bianconeri, concentrandosi soprattutto su Vucinic e sul possibile arrivo di Osvaldo dal Southampton: "Osvaldo? La nostra rosa non va migliorata - ha dichiarato Marotta - Osvaldo? S tratta di un buon giocatore, nazionale italiano che probabilmente sarà inserito nella lista dei mondiali. C'è un interesse e non lo nascondo.  comunque un giocatore che ci piace valuteremo eventuali opportunità per il mercato in entrata. Vucinic? Al momento resta perché non ha accettato dei trasferimenti e ce lo teniamo visto quello che ha fatto per la Juventus negli ultimi due anni. Guarin? Gli screzi con l'Inter fanno parte del calcio, Sono screzi che appartengono ad un mondo di professionisti che a volte perde il controllo".

Marotta ha anche parlato del riconoscimento appena ricevuto: "Ringrazio tutti per questo premio. Per me è motivo di grande orgoglio, da quando ero piccolo avevo sogno di fare direttore sportivo. Quando ho iniziato c'era un calcio diverso soprattutto per me che sono un appassionato di almanacchi. Con il tempo mi sono professionalizzato. Ho fatto il corso nel 1981 e attraverso una trasformazione sono arrivato alla Juventus anche se la mia caratteristica è sempre stata quella di aver scelto bravissimi collaboratori come Fabio Paratici. In Italia purtroppo siamo ancora indietro nella formazione dei manager".




Commenta con Facebook