• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > SPECIALE CM.IT - Tutti gli stadi del mondo: british style con 'Celtic Park' e 'Ibrox'

SPECIALE CM.IT - Tutti gli stadi del mondo: british style con 'Celtic Park' e 'Ibrox'

La rubrica di Calciomercato.it che vi porta a conoscere da vicino gli impianti calcistici piu' belli ed affascinanti


1 di 3
Celtic Park (Getty Images)
Celtic Park (web)
Ibrox (Getty Images)
Jonathan Terreni

28/01/2014 16:15

SPECIALE STADI NEL MONDO / ROMA - "Fede è andare allo stadio quando puoi vedere la partita in televisione" diceva il grande Dino Risi. Perché lo stadio è passione. Lo stadio è aggregazione, gioie e sofferenze. E' quel luogo magico dove chi ama lo sport e il calcio viene ogni volta percorso da un brivido di emozione. 'Tutti gli stadi del mondo' è la rubrica di Calciomercato.it che vi porta alla scoperta degli impianti più belli, ripercorrendone la storia, le partite più affascinanti e le curiosità. In questo numero andiamo in Scozia alla scoperta di 'Ibrox' e del 'Celtic Park'.

TRA FANTASTICI E TERRIBILI RICORDI

Nome: IBROX STADIUM

Indirizzo: Glasgow G51 2XD - Scozia, UK

Capienza: 50.987 spettatori

Dimensioni terreno: 105X69m

Squadre: Rangers

Proprietario: Rangers Fc

Classe UEFA: Elite, 5 stelle

Sulla riva meridionale del fiume Clyde si respira la storia perchè 'Ibrox Park' trasmette tutta la passione scozzese per il football d'oltremanica. Dal 1899 l'impianto ospita le gare casalinghe dei Rangers, la realtà che rappresenta la parte protestante scozzese, rivale da sempre del Celtic con cui ha dato vita a numerosi e avvincenti derby dell''Old Firm'. Tre anni dopo la sua inaugurazione avvenne il disastro sportivo più tremendo nella storia di quel tempo. Furono 25 le persone che rimasero uccise e oltre 300 quelle ferite a causa del crollo di una tribuna in legno durante un match della Nazionale scozzese contro l'Inghilterra. Dal 1929 la ricostruzione è avvenuta nelle forme ad oggi conosciute, sotto la guida dell'ingegnere Archibald Leitch, una garanzia in termini di costruzione di stadi, tant'è che la nuova tribuna principale di 'Ibrox' si contraddistingue per la tipica impronta stilistica di Leitch, caratterizzata dalle balaustre in ferro incrociato. Nel 1939 fu registrato un record mai più eguagliato nel Regno Unito: i 118.567 spettatori per il derby della contro il Celtic sono un numero da pelle d'oca. Alla fine degli anni settanta si dette vita alla ristrutturazione delle altre tribune a seguito di un nuovo disastro, avvenuto nel 1971, in cui 66 persone persero la vita schiacciate dalla folla su di una scalinata che conduceva all’esterno della struttura. L'episodio avvenne in occasione di un derby contro il Celtic. Il 2 gennaio 1971 I biancoverdi segnarono all'89' il un gol che sembrava decisivo così che i tifosi dei Rangers iniziarono a lasciare lo stadio. Quando però i 'Light Blues' pareggiarono a pochi secondi dalla fine ci fu un enorme e letale assemblamento tra chi usciva e chi tentava di rientrare. Un dramma che indubbiamente sconvolse la Scozia e il calcio degli anni '70. I lavori continuarono fino a metà anni '80 e di fatto, grazie anche alla riduzione di capienza, 'Ibrox' fu uno dei principali stadi ad anticipare le norme del Regno Unito del 1989, che prevedevano esclusivamente posti a sedere e rigide norme di sicurezza. Solo nel 1995 fu costruito il terzo anello ed è tutt'ora in fase di studio un progetto per ampliare la capacità di 4.000 posti.

DA RICORDARE - Il fallimento dei Rangers nel 2012 e la conseguente rifondazione del club a partire dalla Third Division, ha fatto sì che l''Old Firm', in campionato, non si giocherà almeno fino al 2015. Nelle 64 stracittadine giocate ad 'Ibrox' i Ranger hanno avuto la meglio sui rivali in 27 occasioni contro 19 pareggi e 18 successi biancoverdi. L'ultimo derby ad 'Ibrox' si è giocato il 25 marzo 2012 ed è terminato con un 3-2 per i padroni di casa. Nella semifinale di Coppa delle Coppe 1971/1972 contro il Bayern Monaco la gioia più grande a livello internazionale. Dopo l'1-1 in terra tedesca i Rangers si impongono per 2-0 da 'Ibrox' accedendo in finale, vinta poi contro la Dinamo Mosca il 24 maggio 1972. L'ultimo successo in 'Scottish Premier League' è della stagione 2010/2011. Alla 37esima giornata in casa contro il Dundee United (2-0) fu festeggiato il 54esimo titolo della storia dei Rangers.

THE PARADISE

Nome: CELTIC PARK

Indirizzo: Parkhead, G40 3RE, Glasgow - Scozia, UK

Capienza: 60.832 spettatori

Dimensioni terreno: 105x70m

Squadre: Celtic Glasgow

Proprietario: Celtic Fc

Classe UEFA: Elite, 5 stelle

Qui il calcio diventa passione e attaccamento alla maglia e alle tradizioni, che si vinca o che si perda. Qui, tra quattro mura di sciarpe biancoverdi, risuonano nell'aria le note di 'You'll never walk alone'. Il 'Celtic Park' è uno degli stadi più affascinanti del mondo per tutta questa serie di cose e non a caso viene soprannominato 'The Paradise' dai propri tifosi, il vero dodicesimo uomo. I cattolici di Glasgow iniziarono a giocare qui da 1892 lasciando un vecchio impianto che gli aveva ospitati nei primi anni della loro storia. Anch'esso progettato dal famoso ingegner Leitch, ha subito numerose ristrutturazioni rispetto alla costruzione originaria. Già nel 1988, anno del centenario del Celtic, venne aggiunta la parte esterna adiacente alla gradinata centrale composta da mattoncini rossi, che rappresenta oggi una delle parti più conosciute e caratteristiche dell'impianto. Le opere di restyling più significative sono avvenute nel corso degli anni '90, sotto la guida del proprietario McCann, con un vasto ammodernamento e l'ampliamento dei posti a sedere, in linea con le normative britanniche sugli stadi, che lo hanno consacrato ai primi posti in Europa per efficienza e sicurezza. Tutt'ora però le modifiche di miglioramento non cessano, in particolare dal 2004 quando fu varato per gli anni a venire il 'Club’s Five Year Stadium Refurbishment Plan'. La 'Jock Stein Stand', dedicata allo storico giocatore e poi allenatore del Celtic che vinse la mitica Coppa dei Campioni del 1967, ha una capacità di ospitare 13.006 posti a sedere ed è situata nella zona ovest dell'impianto, il tradizionale 'Celtic End'. Basti pensare che soltanto la 'North Stand' ha da sola una capacità più ampia di dieci stadi della 'Scottish Premier League'.

DA RICORDARE - Nel 1938 il 'Celtic Park' ebbe la sua massima affluenza di spettatori, 92.000 in occasione di una partita contro i Rangers. Il 'Celtic Park' ha ospitato varie finali delle coppe nazionali, come quella di 'Scottish Cup' del 1998 e varie partite casalinghe della nazionale di calcio scozzese. 65 derby dell'Old Firm' al 'Celtic Park' con 33 successi dei biancoverdi, 14 pareggi e 18 affermazioni Rangers. L'ultima sfida giocata in questo stadio tra le due rivali è anche l'ultimo derby prima del fallimento dei Rangers: il 29 aprile 2012 finì 3-0 con reti di Hooper, Commons e  Mulgrew, una vittoria che valse doppio visto che fu anche l'ultima partita in casa per festeggiare il 43esimo titolo della storia. Il successo più prestigioso a livello europeo è la Coppa Campioni vinta nel 1966/1967 in finale contro l'Inter. Nella semifinale in casa il Celtic sconfisse i cechi del Dukla Praga per 3-1. Recentemente, di grande spessore il successo per 2-1 contro il Barcellona nel novembre 2012, nella fase a gironi di Champions League, a pochi giorni dal 125esimo compleanno del club.

 

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SU MESTALLA E VICENTE CALDERON

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SU SAN PAOLO E JUVENTUS STADIUM

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SU AMSTERDAM ARENA E DA LUZ

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SU MARACANA' E BOMBONERA

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SU ANFIELD ROAD E OLD TRAFFORD

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SU SAN SIRO E OLIMPICO

CLICCA QUI PER LEGGERE LO SPECIALE SUL SANTIAGO BERNABEU E IL CAMP NOU




Commenta con Facebook