• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI BOLOGNA-NAPOLI

PAGELLE E TABELLINO DI BOLOGNA-NAPOLI

Bianchi ed Hamsik ritrovati, disastrosi Albiol e Kone: i voti della partita del Dall'Ara


Diamanti e Bianchi festeggiano il gol (Getty Images)
AntonioPapa (Twitter: @antoniopapapapa)

19/01/2014 18:20

PAGELLE E TABELLINO DI BOLOGNA-NAPOLI / BOLOGNA - Partita dalla mille emozioni al Dall'Ara di Bologna, dove si affrontano due squadre non brillantissime ma che lottano col coltello fra i denti. Il risveglio di Bianchi, il ritorno in grande stile di Marek Hamsik, i disastri di Kone ed Albiol. Tantissimi spunti in una partita mai scontata, che vede il Napoli perdere altri due punti nella corsa alle prime posizioni. 



BOLOGNA

Curci 6,5 - Il Napoli ricama ma arriva raramente a scaldargli le mani. Impreciso su una punizione di Mertens trattenuta male, che rischiava di finire sui piedi di un avversario, si riscatta venti minuti dopo, quando su una situazione fotocopia vola sotto l'incrocio dei pali. Un intervento che salva il risultato.

Antonsson 6 - La difesa bolognese si apre e chiude come una fisarmonica per tenere a bada Higuaìn e tutti i suoi alfieri. Nonostante i due gol subiti fa il suo dovere.

Natali 5,5 - Combatte contro un leone contro un Higuaìn che va a corrente alternata, tenendolo a bada il più delle volte. Quando poi il Pipita si sveglia sono dolori, soprattutto per lui che è il diretto marcatore.

Cherubin 6 - La difesa rossoblu è quasi ermetica, con un attaccante e due ali da marcare. Chiude bene e sa anche ripartire di gran carriera. Dopo tanti problemi fisici un calciatore ritrovato. (Dal 28' st Mantovani sv)

Garics 6 - Prestazione di grande continuità sulla destra, il 3-5-2 di Ballardini prevede un apporto costante degli esterni e lui non lo fa mancare mai. Un po' meno lucido in fase difensiva. 

Kone 4,5 - Conto in sospeso con i napoletani, che lo scorso anno sognavano la sua faccia barbuta anche di notte. Parte bene sfiorando la rete, poi si occupa più di fare legna. Rovina molto con l'ingenuità che provoca il rigore del pareggio, rovina tutto con il secondo giallo.

Perez 6,5 - Ruvido, molto ruvido. Il giallo per lui è come il gol per Messi e Ronaldo. Ma è tremendamente efficace: dai suoi piedi nasce anche il "pre-assist" a Diamanti che poi serve Bianchi per l'1-0.  (Dal 32' st Christodoulopoulos 5 - Un ingresso sciagurato: perde il pallone della fulminea ripartenza azzurra che manda in gol Callejon. Un quarto d'ora da incubo).

Pazienza 6 - Altro ex con il dente avvelenato, duro in diversi interventi che rischiano di mandarlo sotto la doccia anzitempo. In una partita del genere non poteva che giocare così.

Morleo 7 - E' sempre nella metà giusta del campo, in uno scontro con Maggio che lo vede uscire spesso vincitore. Si sovrappone bene e lavora da matti anche in copertura. L'uomo in più fra seconda e terza linea. (Dal 37' st Acquafresca sv)

Diamanti 7 - Svaria per tutto il fronte offensivo, si libera al cross appena ne ha l'occasione e lascia partire dei traccianti sempre pericolosi. Uno di questi è la perla che manda in gol Bianchi per il vantaggio rossoblu. E meno male che non era al meglio. 

Bianchi 7,5 - Armi affilate, determinazione feroce nel cercare un gol che al Dall'Ara gli è mancato per tutto il girone d'andata. Stavolta invece lo trova, dopo averlo sfiorato pochi minuti prima. In un'azione fotocopia brucia Albiol ed insacca, facendo esplodere la sua gioia sotto la curva. Una liberazione per il centravanti ritrovato, che poi si ripete a due minuti dal termine, mandando in visibilio i tifosi. Il perfetto calumet della pace in una stagione difficilissima.

All. Ballardini 7 - Grande approccio alla partita, con cattiveria e grande agonismo. Un primo tempo praticamente perfetto, poi il Napoli esce fuori alla distanza ma questo Bologna non molla mai, come dimostra il gol nel finale di Rolando Bianchi. E torna la leggenda della bestia nera, per una squadra che contro gli azzurri si esalta sempre. Superstizioni a parte, l'atteggiamento è quello giusto: se gioca sempre con questo piglio il Bologna può anche salvarsi. 

NAPOLI

Rafael 6 - Bianchi rischia di bucarlo con un colpo di testa che sfiora il palo, poi ci riesce pochi minuti dopo. Trafitto una seconda volta nel finale, ma anche in quel caso ci poteva fare poco.

Maggio 6 - Non gioca malissimo, ma si ritrova di fronte un Morleo in forma smagliante. Combatte fino all'ultimo e limita i danni nella zona dove il Bologna è più attivo.

Fernandez 6 - Di solito gli altri fanno danni e Albiol si occupa di metterci una pezza. Stavolta è il contrario: dalle sue parti non si passa mai, rimedia anche a qualche disattenzione del compagno. 

Albiol 4,5 - Se all'inizio era stato in grado di tenere in mano la difesa da solo, adesso è in una fase un po' calante della stagione. Un paio di disimpegni da brividi ed è in ritardo anche sul colpo di testa di Bianchi che vale l'1-0. Ancora peggio sul raddoppio bolognese, quando sbaglia completamente il movimento, lasciando Bianchi liberissimo di insaccare. un errore che vale due punti.

Reveillere 5,5 - Come sempre niente di trascendentale, composto in difesa e praticamente assente in avanti. Sì, al Napoli serve un terzino sinistro, lui in fondo era stato preso soltanto per fare la riserva.

Dzemaili 6,5 - Con la sostanza, soprattutto con la corsa. Oggi il centrocampo sembra una trincea old-style, acqua, fango e tante botte. Lui non si tira indietro e anzi va a prendersi anche il rigore del pareggio.

Inler 6 - Ci voleva il pungolo di Jorginho per fargli fare ciò che in questa stagione non ha mai fatto. Al solito i palloni persi sono tanti, ma riesce spesso a rimediare. Recupera e imposta con sicurezza ritrovata, dirige il traffico come ai vecchi tempi. Il leone è ferito, ma non è ancora morto.

Callejòn 6,5 - La giornata non è delle migliori, ma lo spagnolo ha educato i suoi tifosi a non farsi un'idea sulla sua partita fino alla fine. L'inserimento giusto arriva al minuto 80, quando Higua gli serve un pallone anche abbastanza defilato. Lui non fa una piega, controlla e spara nell'angolo opposto. Normale, normalissimo, se ti chiami Josè Luis Callejòn.

Pandev 5 - Si ferma dopo un paio di minuti e pare quasi chiedere il cambio. Poi ci ripensa, ma forse non con la testa: gravita sempre a diversi metri dal pallone, non ne azzecca una. Ha sulla coscienza anche il pallone dell'1-0 bolognese, perso malissimo dal macedone. Ormai è un ritornello arcinoto: o è l'uomo in meno o è l'uomo in più. (Dal 13' st Hamsik 6,5 - Appena entra in campo il Napoli sembra risorgere: l'incursione a tambur battente di Dzemaili, il fallo da rigore, poi la gestione della gara fino alla ripartenza orchestrata dal capitano. Venti metri poi palla a Higuaìn, sponda per Callejon e gol. A Bologna piove che Dio la manda, ma a Marekiaro è tornato a splendere il sole).

Mertens 5,5 - Per oltre un'ora è forse la sua peggior prestazione da quando è a Napoli, poi però sale in cattedra e per un quarto d'ora fa vedere i sorci verdi ai bolognesi. Non è abbastanza, può fare molto di più. (Dal 32' st Insigne sv)

Higuaìn 6,5 - Il rigore trasformato senza batter ciglio, l'ennesimo assist per Callejon. Decisivo nonostante la verve non eccellente della squadra, decisivo non solo nel gonfiare la rete. Fiuto, tecnica, freddezza: il centravanti universale.

All. Benitez 5,5 - Nel primo tempo è uno dei Napoli più brutti della stagione, soprattutto dalla cintola in su. Poi vien fuori il carattere e la classe dei suoi, che però a fine partita si macchiano di un calo di concentrazione letale: stavolta a "tradirlo" è lo scudiero Albiol, che quest'anno non ha saltato che pochi minuti. Urge un altro uomo di fiducia lì dietro. 

 

Arbitro Damato 5,5 - Distribuisce cartellini come fosse una guerra, in effetti la partita rischia spesso di degenerare. Buona chiamata sul rigore, favorito dalla posizione ottimale. Pesa però enormemente il fallo di Natali su Albiol non visto in occasione del 2-2 del Bologna: inutili le proteste degli azzurri, ma la spinta del difensore rossoblu c'è.

 




TABELLINO

BOLOGNA - NAPOLI 2-2

Bologna (3-5-1-1): Curci; Antonsson, Natali, Cherubin (27' st Mantovani); Garics, Kone, Perez (32' st Christodoulopoulos), Pazienza, Morleo (35' st Acquafresca); Diamanti; Bianchi A disp.: Stojanovic, Agliardi, Sorensen, Crespo, Della Rocca, Laxalt, Krhin, Cristaldo, Moscardelli. All.: Ballardini

Napoli (4-2-3-1): Rafael; Maggio, Fernandez, Albiol, Reveillere; Inler, Dzemaili; Mertens (32' st Insigne), Pandev (13' st Hamsik), Callejon; Higuain A disp.: Colombo, Contini, Cannavaro, Armero, Britos, Radosevic, Zapata. All.: Benitez

Arbitro: Damato

Marcatori: 37' Bianchi (B), 16' st rig. Higuaìn (N), 35' st Callejon (N), 45' st Bianchi (B)

Ammoniti: Albiol (N), Diego Perez (B), Bianchi (B), Konè (B), Garcis (B), Pazienza (B), Fernandez (N)

Espulsi: 39' st Konè (B) per doppia ammonizione




Commenta con Facebook