• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan-Verona, Seedorf: "Felice di essere tornato a casa. Ci rialzeremo, ne sono certo!"

Milan-Verona, Seedorf: "Felice di essere tornato a casa. Ci rialzeremo, ne sono certo!"

L'allenatore olandese ha incontrato i giornalisti alla vigilia della partita contro i gialloblu


Clarence Seedorf (Getty Images)
Stefano D'Alessio (Twitter: @SDAlessio)

18/01/2014 14:00

MILAN VERONA CONFERENZA STAMPA SEEDORF / MILANO - Clarence Seedorf, allenatore del Milan, ha incontrato i giornalisti in sala stampa alla vigilia della partita contro il Verona.

A CASA - "Voglio ringraziare tutti per la calorosa accoglienza. Sono felice di tornare a casa. La prima cosa da fare è ritrovare entusiasmo e allegria. Sono una persona che vive intensamente tutto quello che fa e non posso che essere emozionato e felice per l'opportunità che mi è stata data".

LAVORO - "Non ho dubbi: la squadra può ritornare ai livelli che gli competono, ma servirà lavorare bene e con entusiasmo. I risultati, poi, arriveranno sicuramente. E' più facile vincere giocando bene, questa sarà la cosa fondamentale".

CLASSIFICA - "E' una brutta bestia, difficile guardarla ora. La cosa che mi fa piacere è che nessuno addossa colpe ad altri per questa situazione. Ci sarà bisogno di tempo e del supporto dei tifosi rossoneri, che sono da sempre il nostro dodicesimo uomo".

EQUILIBRIO - "Mi sento bene e per questo devo ringraziare l'ambiente del Milan. Sono tranquillo perché le cose serie sono altre, dobbiamo affrontare la situazione attuale con equilibrio. Chi non mi conosce imparerà a farlo grazie anche al mio staff guidato da Mauro Tassotti, una persona importantissima e che stimo tantissimo. Questa è una sfida importante per me e a me piacciono le sfide".

MODULO - "Ho sempre detto che il sistema di gioco dipende dai giocatori a disposizione. Questa squadra ha giocato principalmente col 4-3-3, io userò il 4-2-3-1 per sfruttare le grandi qualità che abbiamo davanti. Poi, le cose ovviamente potranno cambiare. Più dei moduli, comunque, conterà la filosofia di gioco".

SPOGLIATOIO - "C'è grande voglia tra i giocatori di cambiare la situazione attuale e sono sicuro che ci riusciremo. E' importantissimo che ci sia collaborazione tra giocatori e allenatore; i calciatori devono condividere le proprie idee col mister".

BALOTELLI - "Mario è un ragazzo molto dolce, tutti conosciamo le sue qualità. Sono qui per sostenerlo e aiutarlo a crescere. Da parte sua ho visto la massima disponibilità, sono molto fiducioso".

BERLUSCONI - "Conoscete tutti l'affetto che nutro nei confronti del presidente, un uomo che ha fatto molto per il calcio italiano e mondiale. Anche con Galliani ho un rapporto molto molto importante, abbiamo vissuto tanti momenti di gioia e tensione negli ultimi dieci anni. Sono felice di avere la loro fiducia".

FASE DIFENSIVA - "L'attenzione e la concentrazione si possono allenare, ma quello che mi interessa non è il passato, il 2013, ma il 2014. Guardando avanti, imparando da quello che è stato, possiamo crescere e superare i momenti difficili. Cercheremo di guardare sempre al bicchiere mezzo pieno".

LA CHIAMATA DEL MILAN - "Da sempre mi sto preparando per il dopo della mia carriera calcistica. Non c'è solo il calcio, non ho mai voluto una vita depressa senza calcio. Questo mi ha permesso di avere una libertà di pensiero che mi ha aiutato ad affrontare ogni esperienza. Con il Milan c'era anche un senso del dovere per quello che mi ha dato negli anni".

SEEDORF - "Continuerò ad affrontare questo tema sul piano culturale. Il Milan, anche in questo caso, si è dimostrato un club innovativo e coraggioso. La azioni parlano sempre più delle parole".

VOGLIA DI GIOCARE - "Lo farò, ma senza fare la preparazione.. (ride, n.d.r.). Voglio trasmettere la mia esperienza ai giovani di oggi".

KAKA' - "Sapete dell'amicizia che ho con Ricky. Ritrovo un amico, non un compagno. Ci siamo sentiti anche prima del mio arrivo qui e so che posso contare su di lui come persona. Come giocatore è un elemento straordinario e può crescere ancora dopo i due anni di problemi al Real Madrid. Sono felice per lui e di averlo qui con me. E' un esempio per tutti i ragazzi della squadra, mi aiuterà nel mio lavoro".

PRONTO PER LA PANCHINA - "Ognuno ha il diritto di esprimersi, nella vita ci vuole coraggio. Anche Van Basten non ha detto niente di particolare, con lui non ho mai avuto problemi e spero di vederlo presto a Milanello per far vivere a questo gruppo la storia del Milan e lui ne fa parte. Ha fatto la differenza con la maglia rossonera".

LA PARTITA COL VERONA - "Sono una squadra rispettabile, che finora ha fatto una grande stagione. Davanti hanno Toni che segna come anni fa. Serve rispetto nei loro confronti. Prenderemo in esame i loro punti di forza, ma giocando in casa nostra cercheremo di valorizzare i nostri punti di forza. Perché giocare in casa nostra deve essere un problema per gli altri. Visto il risultato dell'andata credo che i ragazzi avranno anche qualche motivazione in più".




Commenta con Facebook