• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus-Sampdoria, Conte: "Girone d'andata irripetibile. Mercato? Ecco cosa mi preoccupa&q

Juventus-Sampdoria, Conte: "Girone d'andata irripetibile. Mercato? Ecco cosa mi preoccupa"

L'allenatore bianconero ha incontrato i dirigenti in vista della partita contro i liguri


Antonio Conte (Getty Images)
Stefano D'Alessio

17/01/2014 14:25

JUVENTUS SAMPDORIA CONFERENZA STAMPA CONTE / TORINO - Antonio Conte, allenatore della Juventus, ha incontrato i giornalisti in sala stampa alla vigilia della partita contro la Sampdoria.

ACQUISTI A GENNAIO - "Marotta ha detto che non prendiamo nessuno? Non ho nessuna risposta per lui, ha già parlato chi di dovere sul mercato cioè lui. Io faccio l'allenatore e cerco di allenare i calciatori che la società mi mette a disposizione. Non mi lascia tranquillo il fatto che le nostre avversarie si stiano rinforzando. Il girone di ritorno è fitto d'impegni, dovremo fare attenzione".

POGBA - "La sua cessione sarebbe un vantaggio dal punto di vista economico? E' una domanda che non mi riguarda perché il ricavato non lo avrei a disposizione io... (ride, ndr). Dovete chiedere al nostro direttore, alla società. A me piace molto parlare di calcio giocato. Del mercato è giusto che se ne occupi Marotta".

SAMPDORIA - "Ragioniamo di partita in partita. Mihajlovic sta facendo un ottimo lavoro e dovremo fare la massima attenzione. Sono convinto che domani non sarà una passeggiata per noi".

MATRI - "Nutro affetto per lui, ha contribuito in maniera determinante alla vittoria di due scudetti qui. Mi dispiace che le cose non siano andate bene per lui a Milano".

BILANCIO - "Il nostro girone d'andata è stato incredibile, straordinario sotto ogni punto di vista. Roma e Napoli hanno fatto il record di punti e proprio guardando loro mi rendo conto della straordinarietà di quanto abbiamo fatto. Difficilmente sarà ripetibile una situazione del genere in futuro, non solo per noi ma per qualsiasi altra squadra. In questi due anni abbiamo fatto un percorso importante, col lavoro siamo riusciti a riportare tutti insieme la squadra a livelli alti e ad essere ambita dai giocatori. Oggi è cambiato tutto lo scenario".

SCUDETTO - "Chi dice che possiamo perderlo solo noi, dice fesserie e non ha mai vinto nulla in carriera".

I COMPLIMENTI DI TEVEZ - "Sono cose che mi riempiono d'orgoglio e mi ripagano di tanti sacrifici. La stima dei calciatori mi aiuta tanto".

SEEDORF-MILAN - "Colgo l'occasione per salutare Allegri, che stimo perché in questi due anni si è dimostrato un grandissimo avversario per noi. Dispiace quando un 'nemico' sempre molto rispettato deve abdicare. Con Seedorf il Milan ha scelto un campione che conosce benissimo l'ambiente. Non ha esperienza ma conoscendolo da avversario credo possa avere tutto per diventare un grandissimo anche in panchina. Non conta da dove si parte, ma dove si arriva".

RITORNO DEL PIERO - "Io sono convinto che giocherà ancora. Lui ha voglia ancora di giocare, di allenarsi, di essere protagonista. Poi io di lui e Buffon non potrà mai che parlare bene".

PEPE - "Ho già detto che Simone si sta allenando con la squadra da un po' di tempo, alzando l'intensità. La gamba risponde bene, adesso puntiamo a trovare la condizione ottimale. Quando potrà essere utilizzato avrò un'arma in più a disposizione".

FUTURO ALLA FERGUSON - "Ribadisco la grande sintonia che c'è fra me e la società. Si parla di tutto, ma io faccio l'allenatore mentre la società gestisce il club. Credo che sia giusto che le cose debbano rimanere ben distinte".




Commenta con Facebook