• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Sampdoria > Juventus-Sampdoria, Mihajlovic: "Non sono imbattibili". E lancia la sfida a Pirlo!

Juventus-Sampdoria, Mihajlovic: "Non sono imbattibili". E lancia la sfida a Pirlo!

L'allenatore blucerchiato e' convinto di poter cogliere un risultato positivo a Torino



17/01/2014 09:37

JUVENTUS SAMPDORIA INTERVISTA MIHAJLOVIC PIRLO / MILANO - Sinisa Mihajlovic, allenatore della Sampdoria, ha rilasciato un 'intervista a 'La Gazzetta dello Sport' in vista della partita contro la Juventus.

JUVE-SAMPDORIA - "Una sfida per cuori forti, da affrontare con la massima concentrazione ma senza paura. Io poi a Torino da tecnico ho già vinto una volta, con il Catania. Mi piacerebbe provare il brivido di un’altra prima volta allo Juventus Stadium. Nessuno è imbattibile. Noi non abbiamo nulla da perdere, uscire sconfitti da Torino non sarebbe una novità però, se dovesse accadere, conterà anche come. Voglio vedere proprio contro i più forti a che punto è la mia Samp. Andiamo per fare la nostra partita, con la nostra mentalità. Io gioco sempre per vincere".

ANALISI TATTICA - "Secondo me la Juve o la pressi alta o la aspetti nei tuoi 16 metri. Se resti in mezzo non hai scampo. Ma se ti chiudi prima o poi un gol lo fanno, se invece provi ad attaccarli magari perdi uguale, ma se ti gira bene puoi anche fare bingo. Alla Samp lo scorso anno è successo due volte".

ASSENZE - "Mi mancano per squalifica Krsticic e Soriano che mi sarebbero serviti per limitare Pirlo. Troverò altre soluzioni. Chi toglierei a Conte? Nessuno, se facciamo risultato con la Juve al completo sarà ancora più bello".

PIRLO - "Gli auguro sportivamente di non riuscire a superare il mio record di gol su punizione. Lui è bravissimo, se contiamo anche quelle segnate in Jugoslavia, Andrea deve rinascere per superarmi. Una sfida? Ci sto! Dieci punizioni a testa, vediamo chi ne segna di più. Come pistoleri: lascio a lui scegliere pallone e portiere".

SCUDETTO - "La Juve lo ha vinto prima di cominciare. Può perderlo solo lei, non vincerlo gli altri. Società, tecnico, squadra: sono bravissimi, non mollano niente. Tre scudetti di fila, super club".

S.D.




Commenta con Facebook