• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, Marchisio: "Se vinceremo il terzo scudetto saremo nella storia"

Juventus, Marchisio: "Se vinceremo il terzo scudetto saremo nella storia"

Il centrocampista bianconero ha parlato degli obiettivi della sua squadra e della sua situazione


Claudio Marchisio (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

15/01/2014 15:23

CALCIO SERIE A JUVENTUS MARCHISIO / TORINO- Dopo quasi un anno di digiuno, Claudio Marchisio è tornato al gol con la maglia bianconera mettendo la sua importante firma nel successo per 4-1 sul Cagliari, fondamentale per rimanere a +8 sulla Roma seconda. Il numero 8 juventino ha rilasciato importanti dichiarazioni a 'Sky Sport'.

OBIETTIVO SCUDETTO - "L'obiettivo? Non sono i 100 punti, ma vincere lo scudetto. Dopo due anni in cui abbiamo sempre vinto il campionato e la supercoppa italiana non è facile ma questo gruppo ha sempre dato il massimo mettendosi a disposizione dell'allenatore e i risultati si vedono. I numeri sono importanti, ma anche chi è dietro sta facendo un grande campionato e questo mette maggior risalto a quanto stiamo facendo".

MIGLIOR JUVE DI SEMPRE- "Rispetto alla Juventus di Capello si può parlare di due squadre completamente diverse. Se riusciremo a vincere il terzo scudetto consecutivo probabilmente si potrebbe parlare della miglior squadra bianconera di sempre. Stiamo facendo bene e dobbiamo pensare solo a noi, al nostro cammino e alle partite che abbiamo davanti. Lo scudetto si può raggiungere continuando su questa squadra con questo impegno e questa voglia di vincere".

PRIMO GOL STAGIONALE - "Sono felice perchè è stato un gol importante. E' normale che ora sia aumentata la stima in me stesso. Al di là di essere in panchina o titolare la voglia di essere disponibile in partite e in allenamento ci sarà sempre". 

PARTIRE DALLA PANCHINA - "La panchina non è mai facile da accettare. Tutti vogliono scendere in campo e dare il proprio contributo, ma in questi due anni e mezzo la differenza l'ha fatta chi ha giocato di meno  e lo si vede anche nel lavoro di tutti i giorni cercando di mettere in difficoltà l'allenatore con le sue scelte".




Commenta con Facebook