• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Sassuolo > Nereo Bonato su Sassuolo-Milan e Berardi

Nereo Bonato su Sassuolo-Milan e Berardi

Il direttore generale dei neroverdi e' intervenuto ai microfoni di Calciomercato.it


Domenico Berardi (Getty Images)
Maurizio Russo

13/01/2014 12:13

SASSUOLO-MILAN ESCLUSIVO BONATO BERARDI / SASSUOLO - Una notte da ricordare. Nell'ultima giornata del girone di andata il Sassuolo ha battuto 4-3 il Milan davanti ai propri tifosi ed è uscito dalla zona retrocessione. "Ma sullo 0-2 dopo appena dodici minuti ho temuto che finisse come contro l'Inter (sconfitta 0-7, ndr), invece abbiamo avuto la fortuna di trovare subito il gol che ci ha rimesso in partita e poi siamo stati premiati con questa storica vittoria". Pensieri e parole di Nereo Bonato, direttore generale del club neroverde, che in esclusiva a Calciomercato.it racconta: "Squinzi arrabbiato per aver battuto il 'suo' Milan? No, si è scherzato, ma è il presidente era molto felice a fine partita perché era consapevole dell'importanza di questi tre punti visto il periodo che stavamo passando. Una vittoria importante per la classifica e per la squadra che verrà puntellata in questa sessione di mercato".

Grande protagonista del match contro il Milan è stato Berardi, autore di tutti e quattro i gol del Sassuolo e giocatore più giovane della storia ad aver segnato quattro reti in Serie A: "Siamo contenti per Domenico soprattutto perché lui e Chibsah sono dei prodotti del nostro settore giovanile e questa è una bella gratifica per il lavoro che svolgiamo - prosegue il dg Bonato a Calciomercato.it prima di spiegare perché Berardi si è negato ai microfoni dopo la partita - E' un ragazzo molto introverso, non ha un buon rapporto con i mass media e non ama le luci della ribalta. Di Francesco a rischio esonero se avesse perso? C'è stata eccessiva enfasi intorno al mister dopo la sconfitta col Genoa. Una riflessione da parte della società era dovuta dopo quattro sconfitte consecutive senza segnare, ma abbiamo sempre avuto fiducia in lui e ieri ha dimostrato che abbiamo fatto la scelta giusta".




Commenta con Facebook