• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Parma > Mercato Parma, Leonardi: "Parolo al Napoli? Non mi risulta. Con Cassano nessuna crisi"

Mercato Parma, Leonardi: "Parolo al Napoli? Non mi risulta. Con Cassano nessuna crisi"

Il direttore generale del Parma ha parlato del futuro dei 'gioielli' gialloblu



07/01/2014 17:22

CALCIOMERCATO PARMA NAPOLI MILAN LEONARDI PAROLO / NAPOLI - Pietro Leonardi, direttore generale del Parma, ha rilasciato alcune dichiarazioni legate al calciomercato gialloblu ai microfoni di 'Radio Crc'.

PAROLO - "La sostenibilità di una società di calcio passa anche attraverso le cessioni. Questo però non vuol dire che il Parma va a regalare i calciatori, ma che le cessioni non dipendono solo da noi. Parolo al Napoli? Non mi risulta. Ci sono state tante parole, sento tante voci, ma questo vociare è figlio del calciomercato. Poi, dopo la convocazione in Nazionale è chiaro che scattano tante voci. Non abbiamo ricevuto finora offerte consone al valore di Marco e tutto il resto è solo un chiacchiericcio. Se dovesse esserci qualcosa, valuteremo se prenderla in considerazione. Non ho mai parlato col Napoli. Parolo può far comodo ad ogni grande club, è un giocatore moderno, recupera e va a fare gol per cui non c’è una squadra nello specifico adatta a lui".

AMAURI - "Lui alla Samp? Il discorso in questo caso è diverso. Il calciatore ha ormai svolto la sua carriera e adesso è attaccato a noi come lo siamo noi nei suoi confronti. Amauri sarà ceduto solo per volontà nostra o del calciatore stesso e attualmente non ci sono né l’una né l’altra".

CASSANO - "Nessuna crisi. C’è stato un momento in cui il giocatore si era illuso e lo abbiamo detto e ridetto in tutte le salse. Era un’illusione dettata da sentimenti e non dal blasone o da situazioni economiche. Poi però, lo stesso Cassano ha parlato pubblicamente in maniera onesta e si è preso le sue responsabilità. Anche ieri era contento, esultava per la vittoria del Parma e poi c’è da dire che la decisione è stata presa all’inizio del calciomercato e non abbiamo nessun problema. Poi, se gli altri vogliono continuare a ricamarci sopra, che lo facciano pure".

S.D.




Commenta con Facebook