• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Juventus-Roma, De Sanctis: "Il sistema italiano li rende piu' forti di quanto siano"

Juventus-Roma, De Sanctis: "Il sistema italiano li rende piu' forti di quanto siano"

Il portiere giallorosso ha fatto una disamina importante sulla differenza con i bianconeri



06/01/2014 00:29

JUVENTUS ROMA DE SANCTIS POSTPARTITA / TORINO - Interessanti dichiarazioni di Morgan De Sanctis dopo Juventus-Roma 3-0. Ecco quanto ha detto a 'Sky Sport': "Nel primo tempo abbiamo disputato un'ottima partita: peccato aver subito gol nell'unica situazione periolosa. Nella ripresa abbiamo fatto confusione e non siamo stati lucidissimi sulle palle inattive, e questo assieme ai due cartellini rossi ha determinato un risultato a mio dire eccessivo, esagerato. Il 2-0? C'è stata una disattenzione, abbiamo perso la marcatura. In questa partita non ho potuto mettere una pezza su alcune situazioni... è un peccato, perché subire gol a inizio secondo tempo ha indirizzato la gara".

"PIU' FORTI GRAZIE AL SISTEMA" - Cos'hanno loro in più di noi? Soltanto gli otto punti, che poi sono la cosa più importante. Questa differenza di punteggio, lo ribadisco, viene anche dal fatto che il sistema italiano rende la Juve ancor più forte di quello che sia. Non è per forza negativo: già il fatto di avere uno stadio di proprietà darà un vantaggio per altri 6-7 anni alla Juventus. Ciò significa che è anche brava la società. Io non penso che chi dica qualcosa contro la Juventus faccia per forza chiacchiere da bar, perché se potesse parlare soltanto chi vince allora non potrebbe parlare nessuno in questo sistema. Loro hanno ragione su una cosa: conta il campo. E noi oggi non abbiamo fatto risultato".

M.T.





Commenta con Facebook