• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Calciomercato 2014: riparazioni ma anche... rivoluzioni

Calciomercato 2014: riparazioni ma anche... rivoluzioni

L'analisi dei possibili movimenti durante la finestra di trasferimenti del nuovo anno


Beppe Marotta (Getty Images)
Eleonora Trotta Twitter: @eleonora_trotta

01/01/2014 16:11

CALCIOMERCATO 2014 SERIE A GENNAIO TRASFERIMENTI / ROMA - Riparazioni ma anche rivoluzioni. A leggere i nomi dei protagonisti del mese di gennaio, quasi imbarazza parlarne come la finestra dei ritocchi: Nainggolan, Balotelli, Cassano, QuagliarellaPastore restano infatti nomi dalle grandi copertine. E sono solo alcuni dei prestigiosi calciatori che stanno animando un calciomercato caldo, a tratti dalle temperature estive. Ovvio, non tutti cambieranno maglia ma siamo sicuri che molti di loro rimarranno dei protagonisti importanti per le prossime settimane perché c'è chi lo vuole ma soprattutto c'è chi li continua a proporre, stuzzicando le fantasie dei nostri ds.

RAMIREZ, PASTORE, LAVEZZI - Dietro il possibile rientro di questi big in Italia, si registra infatti lo zampino dei loro procuratori. Rispettivamente, Pablo Betancourt, Marcelo Simonian, Alejandro Mazzoni sono in contatto con Fiorentina, Roma e Inter per tentare il colpo di gennaio. L'ostacolo maggiore resta il Psg, per Lavezzi, con il fronte Pastore-Roma che fa invece registrare passi in avanti alla luce del forte legame tra Sabatini e l'ex trequartista rosanero, e il Southampton per l'ex rossoblù. I discorsi che rimarranno in sospeso verranno in ogni caso ripresi in estate.

QUAGLIARELLA, MATRI, BALOTELLI, CASSANO - Il ritmo di questo mercato è anche dettato dai tre noti agenti italiani, tra i più influenti del nostro panorama. Giuseppe Bozzo, alle prese con il mal di pancia di Cassano desideroso di tornare alla Sampdoria, Tullio Tinti impegnato come non mai con il flop rossonero Alessandro Matri e Mino Raiola, diviso tra l'Italia e l'Inghilterra per trovare una nuova sistemazione a Mario Balotelli. Il loro compito non sarà facile alla luce degli alti ingaggi percepiti dai loro assistiti, ma la carriera dei super procuratori è stata spesso caratterizzata dai trasferimenti inaspettati. Più facile, sempre se verrà ufficializzato l'ok di Conte, trovare per l'avvocato calabrese una nuova squadra a Quagliarella: su di lui è sempre vivo l'interesse delle big inglesi.

ANDREOLLI, BELFODIL, LAMELA, BIANCHI - Per loro si parla invece già di bocciatura. Sono bastati infatti pochissimi mesi a Mazzarri per 'scaricare' Andreolli e Belfodil, e a Pioli per mettere da parte Rolando Bianchi e rimpiangere Alberto Gilardino. Per l'ex giallorosso si parla insistentemente di un possibile ritorno a Verona, per l'ex Parma invece non mancano le corteggiatrici in Italia, leggi Sassuoloe in Spagna ed Inghilterra; l'attaccante rossoblù potrebbe invece rientrare in uno scambio con il Livorno, ma attualmente l'operazione non decolla. Cartello 'vendesi' anche per Erik Lamela che proprio nella città toscana ha registrato l'ultima sua apparizione italiana (convocato con la Roma per la prima giornata di campionato). Il Tottenham, però, dopo averlo pagato 30 milioni di euro non vorrebbe 'regalarlo'  e spera, da un lato, che il nuovo tecnico Sherwood possa riscoprire un talento per ora sconosciuto a Londra.

RIVOLUZIONE SCUDETTO - Ma la protagonista assoluta di gennaio sarà il Napoli. Rafa Benitez si aspetta infatti tre regali, di cui già uno praticamente scartato: Luca Antonelli. Per il centrocampo il nome più vicino resta quella di Gonalons anche se il vero obiettivo del tecnico azzurro è sempre stato Mascherano: il passaggio del mediano del Lione sarebbe tuttavia favorito e aiutato dal pressing del suo agente Frederic Guerra, che da anni cerca di chiudere un trasferimento con un club italiano. Dopo diversi tentativi fallimentari, il procuratore transalpino potrebbe così finalmente aprire lo champagne messo da parte nella sua cantina...

GUARIN E NAINGGOLAN - Prezzo simile, circa 15 milioni di euro,  ma con un destino ancora da decifrare. Fredy Guarin e Radja Nainggolan restano due obiettivi prestigiosi, e vicini al passo d'addio: il colombiano è sempre al centro della trattativa con il Chelsea, mentre il mediano belga protagonista di un'asta tra Milan e Roma. Di un'asta che fa soprattutto sorridere Cellino dopo l'incontro mediatico avuto con il ds Sabatini nei giorni scorsi...

RITOCCHI  SCUDETTO? - E dopo aver discusso con il presidente dei sardi a Fiumicino, il dirigente romanista ha fatto diverse soste in Inghilterra per programmare il mercato del presente e del futuro. A gennaio si lavora per un centrocampista (seguiti anche ParoloCapoue), con un occhio di riguardo per le corsie di difesa. La speranza è poi quella di piazzare almeno uno tra Burdisso e Borriello per alleggerire il monte ingaggi, e di trovare un club per MarquinhoSul brasiliano restano vigili JuventusInter, ma di questi tempi non sarà facile concludere affari con Marotta. Il pensiero va infatti anche al 5 gennaio, alla sfida scudetto. Un match che potrebbe riaccendere o definitivamente chiudere il discorso tricolore e che al momento ha già indirizzato alcune scelte di Juve e Roma. Vietato quindi rafforzare dirette avversarie, almeno fino a domenica prossima.





Commenta con Facebook